Home Articoli Le Scuole Superiori si sperimentano su 4 anni. Si tratta di un...

Sul numero del 19 settembre 2014 de il Venerdì, supplemento di Repubblica, un articolo di Cinzia Gubbini “La sperimentazione punta sul taglio da 5 a 4. Un anno in meno dietro i banchi: 11 scuole ci provano

Si tratta del taglio di 1 anno delle scuole secondarie di secondo grado. Vi sono delle paritarie al terzo anno di sperimentazione come il Collegio San Carlo di Milano o il Guido Carli di Brescia, così come delle statali che partono ora come il Majorana di Brindisi o il Garibaldi di Napoli. L’obiettivo è di uniformare la scuola alla media europea permettendo agli studenti di diplomarsi a 18 anni. Il risparmio è quantificato in 40mila cattedre e quasi 1 miliardo e mezzo di euro.

Nadia Cattaneo, dirigente del Liceo Economico Tosi di Busto Arsizio che vedrà quest’anno una prima ‘quadriennale’, sostiene che “è un modo per rendere flessibili gli orari, curricoli e studiare metodi di apprendimento alternativi che permettano di dare nuovi stimoli ai ragazzi e agli insegnanti”. Al Tosi i curricoli conterranno delle certificazioni internazionali cosicché gli studenti avranno in tasca un titolo valido in tutto il mondo.

Ma si può fare tutto questo risparmiando sulle cattedre? “La mia esperienza dice il contrario”, risponde Cattaneo. “Per avere una scuola in grado di offrire progetti validi serve organico in più come l’organico che noi abbiamo ottenuto quest’anno”.

Insomma il messaggio è chiaro, conclude l’articolo: “quadriennale è bello ma non è gratis”.