Home Etichette Articoli etichettati con "teatro"

“Tutto quello che sto per dirvi è falso” è il titolo dello spettacolo in scena giovedì 3 dicembre 2015 alle 21 al Teatro Studio Mila Pieralli di Scandicci (via Donizetti 58, ingresso gratuito), con Tiziana Masi, scritto da Andrea Guolo e diretto da Maurizio Cardillo, prodotto da La Piccionaia I Carrara. Lo spettacolo è realizzato grazie al contributo della Regione Veneto. L’iniziativa è promossa dall’Osservatorio anticontraffazione della Camera di Commercio di Firenze in collaborazione con il Comune di Scandicci.

“Tutto quello che sto per dirvi è falso è un progetto teatrale che semina cultura della legalità”  scrivono gli ideatori dello spettacolo “che parte da un confronto con un pubblico consapevole per trasmettere il senso del Made in Italy non solo nell’ottica economica o in termini di valorizzazione del brand, ma anche come scelta di campo per difendere il valore della comunità, la salute, la sicurezza dei consumatori. Parte dunque dal fenomeno contraffazione come problema sociale, prima ancora che economico. Il progetto – che dà evidenza a un fenomeno sul quale oggi serve un contrasto forte e condiviso con azioni diversificate di sensibilizzazione sociale – ha trovato la convergenza della Regione del Veneto, Assessorato all’Agricoltura e Tutela del Consumatore, del tavolo congiunto sistema moda Veneto (Confindustria, Confartigianato, CNA, Confesercenti), delle principali Associazioni dei consumatori del Veneto e di soggetti impegnati statutariamente nella lotta alla contraffazione”.

Per info:  Segreteria organizzativa 055.2750422 –  promozione@ fi.camcom.it  o   http://www.tuttofalso.org

Dal 4 al 15 novembre il palcoscenico del Teatro Studio Mila Pieralli sarà animato dai numerosissimi artisti che prenderanno parte a questa X edizione, intitolata da Giancarlo Cauteruccio Zoom 2015 Altrofuturo – Diecianni.

Performance, teatro, danza, musica per un’incursione quest’anno nei territori della new performing art nazionale, alla ricerca di compagnie under 35 e artisti emergenti.

Diciannove compagnie provenienti da varie regioni italiane, dalla Sicilia al Trentino, dal Veneto alla Puglia, senza dimenticare la Toscana; alcune presenti per la prima volta a Zoom, altre che segnano felici ritorni in un festival che è stato pioniere nell’occuparsi e ricercare in giro per la Penisola i fermenti e i talenti della nuova scena. QUI il programma completo.

Il progetto è realizzato con il sostegno di Mibact, Regione Toscana, Scandicci Cultura, Ente Cassa di Risparmio di Firenze e con la collaborazione di Fondazione Toscana Spettacolo onlus per la serata eXpLo della rete Anticorpi.

Sconti speciali per gruppi, per iscritti alla lLibera Università e ingresso gratuito per insegnanti se accompagnatori di gruppi di studenti.

Info e contatti:

Biglietteria del Teatro Studio
Via G.Donizetti, 58
Tel 055.7351023
www.teatrostudiokrypton.it

 

La Scuola di Musica di Scandicci si è inaugurata il nuovo anno scolastico presso la nuova sede di Via del Padule 34. Il Comune di Scandicci ha infatti affidato tramite bando dello scorso giugno la gestione di un Centro di Promozione della Musica presso l’ex scuola “Anna Frank” (tutto il piano terra e due vani del piano superiore) all’Accademia Musicale di Firenze, che già da 11 anni gestisce la Scuola di Musica di Scandicci. La prospettiva nel tempo è di costruire un vero e proprio polo metropolitano della musica e della cultura, di rilievo nazionale e respiro internazionale, che possa coinvolgere tutta la cittadinanza e in particolare le nuove generazioni, sia attraverso spazi didattici innovativi che iniziative ed eventi di natura multidisciplinare.

 

Per informazioni: +39 055755499 (lun. ore 9.30-16 mar. -ven. ore 15-20)

L’Associazione A.R.C.O. (Associazione Ricerca Cultura Orientamento) nell’Anno Scolastico 2014/15 ha coordinato un laboratorio realizzato nelle classi della scuola primaria a partire dal libro “Le parole per stare insieme” ed. Fatatrac, nel più ampio contesto del Progetto Legalità del Comune di Scandicci.
In modo semplice, attraverso la poesia e il gioco, il libro ha permesso di intervenire su concetti complessi, di abituare anche i più piccoli a fare domande, di scoprire la forza e il valore delle parole che fondano la convivenza, che creano legami, che rendono possibile il vivere bene insieme.
In forma di filastrocche i bambini sono stati invitati ad osservare episodi della vita quotidiana su cui fermarsi a pensare, a riflettere, a fare delle scelte.
Partendo dalla lettura delle schede proposte dal libro-gioco, è stato avviato un cammino di crescita, di conoscenza, di maturazione personale, di sviluppo della socialità attraverso un percorso di educazione alla cittadinanza che ha esplorato numerose tematiche: dall’intercultura alla costituzione, dalle regole della convivenza alla pace, utilizzando linguaggi verbali e non verbali, teatrali e musicali.

La metodologia del laboratorio è stata particolarmente “inclusiva”, coinvolgendo tutti gli allievi, utilizzando e consolidando le competenze previste per ogni fascia di età e per ogni area disciplinare.
I risultati ottenuti hanno spesso superato le attese degli insegnanti e degli animatori.
I bambini si sono rivelati “straordinari allievi e grandi maestri” per la curiosità con cui guardano il mondo e per la loro straordinaria saggezza nel proporre regole essenziali per una coesistenza felice.

Il laboratorio si è avvalso della presenza delle autrici del testo in qualità di docenti e coordinatrici: prof.ssa M.Rosaria Bortolone (dirigente scolastica), prof.ssa Mariangela Giusti (Università Bicocca di Milano) ed è stato coadiuvato da alcuni soci dell’associazione, ex docenti di scuola primaria e animatori teatrali. I prodotti elaborati durante i laboratori saranno condivisi con i genitori degli allievi Giovedì 4 giugno alle ore 16.30 presso gli spazi della scuola primaria “D. Gabbrielli” di Scandicci.

Classi coinvolte nel progetto:
D.Gabbrielli: 1A, 1B, 2A, 2B; XXV Aprile 5B; G. Marconi 2B; D.Campana 3°.

Prodotti dei laboratori:
D.Gabbrielli: Classi 1°A, 1°B maestre Ametrano-Fortunati docenti A.R.C.O. Niccolai-Calvaruso: Pannelli tavolette ceramica, Trenino della legalità, Castello della felicità (con materiali riciclati) Classi 2°A,2°B maestre Pecorini-Falugiani docente A.R.C.O. Niccolai, Pannelli tavolette ceramica, animazione musicale Prof. Gregorio Mazzarese, Accademia Nazionale Santa Cecilia Roma.

G.Marconi: Classe 2°B maestre Naldi, Pratelli, , esperti A.R.C.O. De Pasquale, Animazione teatrale a cura di Rita Lusini.

D.Campana: maestre Maserti, Corino, Libro con disegni e testi sul tema dell’intercultura;

XXVAprile: maestre Caciolli-Carcia, Libro illustrato su alcuni articoli della Costituzione;

Inoltre i ragazzi delle scuole aderenti al progetto il giorno 12 Maggio 2015 hanno assistito allo spettacolo “Io diversa” della Compagnia Teatrale Piccoli Principi al Teatro Studio Mila Pieralli, mentre alle insegnanti (aperto al pubblico) è stato presentato il libro dall’autrice Mariangela Giusti “Forme, azioni, suoni per il diritto all’educazione”, il giorno 6 Maggio 2015 presso La Fabbrica dei Saperi.

Le azioni teatrali sono state presentate ai genitori il giorno 26 Maggio 2015 dalle ore 15 alle 16 e trenta alla Gabbrielli (musica), dalle 17 alle 18 e 30 alla Rodari (teatro) e a grande richiesta una sintesi di queste sarà riproposta in occasione della Festa di fine scuola Lunedì 8 Giugno in piazza Matteotti dalle 17 alle 20. Il progetto è stato coordinato da Maria Tedesco Direttivo A.R.C.O.

“Smile, un giorno senza un sorriso è un giorno perso” è uno spettacolo di teatro musicale inedito e originale, scritto e diretto da Giada Bruschi e Lucia De Caro della Scuola Comunale di Musica di Scandicci, e interpretato dai ragazzi e le ragazze delle scuole G.Marconi e S.Pertini, che arriverà sul palcoscenico Giovedì 21 Maggio del Teatro Aurora con due messe in scena: alle 10.30 per le scuole e alle 21.00 per tutta la cittadinanza.

Il titolo, Smile, richiama la famosa colonna sonora del film “Tempi moderni” di Charlie Chaplin, da lui stesso composta e sulla quale, quasi vent’anni dopo, fu scritto il testo da J. Turner e G. Parsons.
E proprio Chaplin, o meglio Charlot, è la sorgente ispiratrice della storia, con la sua capacità di leggere il mondo con lo sguardo di un bambino. Charlot è “l’ospite invisibile” dello spettacolo, che, con il suo motto tratto dal finale di “Tempi moderni”, “Non ti scoraggiare! Ce la faremo anche stavolta, mai arrendersi”, invita a sorridere e andare sempre avanti con forza e speranza lungo la strada della vita, verso un orizzonte lontano… lontano…

Lo spettacolo è frutto del lavoro degli studenti delle classi IV e V delle scuole primarie Marconi e Pertini di Scandicci, ed è stato realizzato all’interno del progetto “Teatro Musicale di ragazzi”.

Personaggi e interpreti
Film Space: classi IVA, IVB, IVD scuola G. Marconi, classi VA e VB scuola S. Pertini
Scolaresca: classi VA e VB scuola G. Marconi, classi IVA e IVB scuola S. Pertini
Guida di Film Space: Francesco Rainero

Canzoni
C. Chaplin, A. Lyman, G. Arnheim, Sing a song
N. Rastelli, M. Panzeri, G. Kramer, Pippo non lo sa
O. De Santis, E. Del Pino, Mamma mi ci vuol la fi danzata
T. Gilkyson, Pertitas, Romeo’s swing
T. Gilkyson, Pertitas, Lo stretto indispensabile
C. Chaplin, J. Turner e G. Parsons, Smile
L. Daniderff , C. Chaplin, La Titina
Inoltre: citazioni cantate da spot pubblicitari e varietà televisivi anni ’60.
Musiche di scena di J. Tempest, tratt e da film e musiche swing anni 30/50
Storia originale a cura di Giada Bruschi

Maestro del coro: Lucia De Caro
Assistente alla regia: Viola Bruschi
Movimenti coreografici: Barbara Vignolini
Assistente tecnico: Leonardo Dolfi
Elementi Scenograficin e Costumi: Monica Vignolini, Giada Bruschi
Segreteria: Raffaella Sardi,Valentina Balest, Mirko Peluso
Staff: Tiziana Ruoli
Fonica: Power Rent
Service luci: Luce Attiva di Gabriele Termine
Disegno luci: Andrea Ruoli
Regia: Giada Bruschi
Direzione artistica: Lucia De Caro

Arianna Papini Acciaiolo

Iscrizioni aperte da lunedì 11 maggio 2015 per i Centri estivi “Un’estate alla grande 2015”, riservate a bambini e ragazzi delle scuole d’infanzia, delle primarie e delle secondarie di primo grado, in programma dal 15 giugno all’11 settembre prossimi. Ad organizzare i Centri estivi 2015 in collaborazione con il Comune di Scandicci sono le associazioni La Fiorita tennis club, la cooperativa sociale Cepiss, Il Labirinto Parco di Poggio Valicaia, Officina dei Sogni, Scuola del Fiume, Lo Spazio delle Donne, Asd Tennis&Fun e Asd Tennis San Giusto, Circolo Tennis Scandicci, Uisp Delegazione di Scandicci e Uisp Nuoto Scandicci 1982, Asdc San Giusto Le Bagnese sezione calcio, OffMusical e Junglepark. Queste le date e gli orari dei Campi estivi organizzati dalle diverse associazioni.

La Fiorita tennis club organizza attività di avviamento allo sport con turni settimanali dal 15 giugno al 31 luglio per bambini e bambine da 6 a 14 anni in orario 8-17. Il turno intero ha un costo di 135 euro, quello ridotto, comprensivo di pranzo, 115 euro, sconti per più settimane e facilitazioni per fratelli; iscrizioni dal lunedì al venerdì dalle 16,30 alle 19 presso la sede di via Gemmi 2 a Badia a Settimo, 055.769549, info@lafioritatc.it – www.lafioritatc.it

Il Cepiss per il Centro estivo dei bambini più piccoli ha scelto il tema della storia “La rapa gigante” sulle materie legate alla natura, alla partecipazione e alla collaborazione; per i bambini più grandi il tema è “Musica in cantiere” con attività legate alla scoperta di suoni, rumori e strumenti musicali. Il Centro estivo è organizzato in turni settimanali dall’1 al 31 luglio, per bambini da 4 a 6 anni in orario dalle 8 alle 16,30 (con possibilità di prolungamento fino alle 17,30) e per bambini da 1 a 3 anni in orario 8-13 (senza pranzo) o 8-13,30 (con pranzo). Per bambini da 4 a 6 anni il costo è di 105 euro (con pasto), per bambini da 1 a 3 anni 96 euro (con pasto) o 76 euro (senza pasto); iscrizioni il martedì, mercoledì e giovedì dalle 9 alle 12, il mercoledì anche dalle 14 alle 17, presso Cepiss in via di Casellina 57/F, 50018 Scandicci; per informazioni 055.7351407, 055.756223, 373.8947356, fax 055.7356289 , www.cepisscoop.it – infanzia@cepisscoop.it

Il Labirinto Parco di Poggio Valicaia organizza musica, canti, vita all’aria aperta, passeggiate con gli asini e attività nel Parco, dal 15 giugno al 10 luglio (fino al 17 luglio con un numero adeguato di iscritti) per bambini da 6 a 11 anni, con orario ingresso 8/9 e uscita 16/17. Il costo è di 125 euro a settimana con il 10% di sconto su fratelli e sorelle e per più di due turni. Iscrizioni on line su http://poggiovalicaia.wordpress.com/centri-estivi-2014 , su appuntamento Iuri Pagliai 339.3972231 , infoparco@poggiovalicaia.it – www.poggiovalicaia.it

L’Officina dei sogni organizza Centri estivi con giochi all’aria aperta, piscina, gite, laboratori e sport, oltre all’Estate in ludoteca con giochi, compiti e laboratori, con turni e programmi settimanali dal 15 giugno al 31 luglio e dal 31 agosto all’11 settembre per bambini e ragazzi dai 6 ai 12 anni; i Centri estivi si tengono presso la scuola Marconi con orario entrata 7,30/9 e orario uscita 16/17,30, mentre l’Estate in ludoteca si tiene nella Ludoteca Ludovica &Ludovico con orario entrata 8/9 e orario uscita 12/13. I costi (oltre a 5 euro di tessera associativa): 95 euro per i Centri estivi e 50 euro per Estate in ludoteca. Iscrizioni presso la ludoteca in piazza Brunelleschi a Vingone il lunedì, martedì e giovedì dalle 17 alle 19. Info 334.3527424, officinadeisogni@hotmail.it – www.associazioneofficinadeisogni.com

La Scuola del Fiume organizza attività sportiva e arti marziali cinesi, attività ludiche e giochi all’aria aperta, trekking, escursioni, piscina, attività espressive ed artistiche, con turni settimanali dal 15 giugno al 31 luglio per bambini dai 6 agli 11 anni in orario 8-17, con possibilità di fare singole giornate o mezze giornate. I costi (oltre all’iscrizione annuale all’associazione di 15 euro): per il turno settimanale completo 95 euro, per il giornaliero 25 euro, per la mezza giornata con pranzo 20 euro e per la mezza giornata senza pranzo 15 euro; sconto famiglia di 5 euro a fratello. Iscrizioni dal 19 maggio presso la sede in piazza Nenni, 7, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 21 escluso il giovedì mattina; telefono 055.740121, 328.6156925, 339.2605234, email patrizia@scuoladelfiume.com – rosanna@scuoladelfiume.com – www.scuoladelfiume.it

Lo Spazio delle donne organizza giochi all’area aperta, caccia al tesoro, tornei a squadre, mini olimpiadi, compiti, con turni settimanali dal 29 giugno al 4 settembre (aperti tutto il mese di agosto, settimane centrali minimo 5 persone) per bambini e bambine da 6 anni; orario d’ingresso 8/9 e di uscita 16/16,30. I costi (oltre la tessera associativa familiare annuale di 20 euro): 100 euro la prima settimana, 90 euro la seconda settimana e/o il secondo figlio. Iscrizioni presso l’associazione in via Allende 22/a dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 9,30, il martedì e il giovedì dalle 16,30 alle 19; info: lospaziodelledonne@gmail.com – 339.4442763, 333.4336392 .

Il Tennis San Giusto organizza un programma sportivo per bambini dai 6 ai 14 anni in orario 8-17 o in mezza giornata 8-12,30 (pranzo escluso), dal 15 giugno al 31 luglio e dal 7 settembre all’11 settembre, con costi di 110 euro a settimana oltre a 10 euro per iscrizione e assicurazione; iscrizioni presso la sede del Tennis club San Giusto in via di Ponte a Greve 119, dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 19; per info 055.2571889 – a.l.tennisfun@gmail.com – www.tennissangiusto.it

Il Circolo Tennis Scandicci organizza un programma sportivo con turni settimanali dal 15 giugno al 24 luglio in orario 8,30-17 per bambini dai 6 ai 14 anni (possibilità di frequentare anche mezza giornata in orario 8,30-14, pranzo incluso). I costi sono di 160 euro a settimana, con sconti per più settimane e sconti per il secondo figlio. Iscrizioni presso la sede in via di Scandicci Alto 1, dall’11 maggio; per info e comunicazioni 055.2578665 – ctscandicci@tin.it

L’Associazione Uisp organizza il programma “Sport, Gioco e avventura” con turni settimanali dal 15 giugno al 7 agosto e dal 24 agosto all’ 11 settembre in orario 8,00-12,30 oppure 8,00-17,30 per bambini dai 4 ai 6 anni e in orario 8-17,30 per bambini dai 7 agli 11 anni. I costi sono di 65 euro a settimana con orario 8-12,30 (solo 4/6 anni), 105 euro con orario 8-17,30. Iscrizioni presso Uisp Scandicci, via IV Novembre, 13 Scandicci; per info e comunicazioni 055.2591089 – centriestivi@uispfirenze.it – www.uisp.it/firenze

L’Associazione Uisp e Uisp nuoto Scandicci 1982 organizza il programma “Sport, Gioco e avventura” con turni settimanali dal 15 giugno al 7 agosto presso la piscina Le Bagnese in orario 8,00-12,30, 8,00-14,00, oppure 8,00/17,30 per bambini dai 7 a 11 anni e in orario 8,00-12,30 oppure 8,00-14,00 per ragazzi da 12 a 14 anni. I costi sono di 90 euro a settimana con orario 8,00-12,30, 115 euro con orario 8,00-14,00 e 125 con orario 8,00-17,30. Iscrizioni dal 27 aprile presso Piscina Le Bagnese, via Cassioli, 4 – 50018 Scandicci; per info e comunicazioni 055.2577621 – centriestivi@uispfirenze.it – www.uisp.it/firenze

L’Asdc San Giusto Le Bagnese organizza il programma “movimento, sport, calcio, giochi all’aria aperta, laboratori creativi, escursioni, piscina, passeggiate, musica divertimento e tanto altro” con turni settimanali dal 15 giugno al 20 luglio in orario 8,00-16,30 per bambini dai 6 a 12 anni con possibilità di uscita alle 12,00 o alle 14,00. I costi sono di 100 euro a settimana giornata intera, 55 euro a settimana con uscita alle 12 pranzo escluso, 70 euro a settimana con uscita alle 14 e pranzo incluso. Iscrizioni dal 15 maggio presso la sede in via Pablo Neruda con orario 18 -20; per info e comunicazioni 055.253589

L’ associazione di promozione sociale Off musical organizza il programma “Giochi, danza, canto, teatro, musica” con turni settimanali dall’ 11 giugno al 11 settembre in orario 8,30-17 per bambini dai 4 a 12 anni con possibilità di fare mezza giornata dalle 8,30-13,30 e dalle 13,30-17,00. I costi sono di 100 euro a settimana giornata intera, 55 euro a settimana con uscita alle 12 pranzo escluso, 90 euro a settimana per l’intera giornata e 50 euro a settimana per mezza giornata. Iscrizioni presso la sede in via Pascoli, 5 Scandicci con orario 16 -20; per info e comunicazioni 055.256609 – info@offmusical.it – www.offmusical.it

L’ associazione di promozione sociale Junglepark organizza attività ricreative e ludiche per i più piccoli con turni settimanali dall’ 11 giugno al 10 luglio e dal 31 agosto all’11 settembre in orario 8,00/8,30-12,30/13,00 oppure 8,00/8,30-16,00/16,30 per bambini dai 3 a 11 anni. I costi sono di 90 euro a settimana per il turno della mattina, 120 euro a settimana per l’intera giornata (pranzo escluso). Iscrizioni dall’11 maggio presso la sede del Junglepark in viale Europa, 66 Scandicci con orario 16,30-19,30; per info e comunicazioni 3779885148 – park.jungle@yahoo.it

Per informazioni generali:
Comune di Scandicci, Assessorato alla Scuola
Tel. 055.7591236 – 055.7591566
g.bandinelli@comune.scandicci.fi.it
l.parigi@comune.scandicci.fi.it

La compagnia teatrale “I Piccoli Principi” arriva al Teatro Studio Mila Pieralli (via Donizetti 58, Scandicci) con uno spettacolo totalmente dedicato agli studenti, “Io, diversa”, con Véronique Nah, nell’ambito del Progetto di educazione alla legalità 2015 organizzato dall’Associazione Arco in collaborazione con l’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Scandicci.

Martedì 12 maggio 2015, alle ore 10.00 i ragazzi delle scuole del territorio saranno invitati a partecipare a uno spettacolo che la critica Valeria Ottolenghi ha definito “capace ogni volta di sorprendere nel far dialogare e fondere alta, raffinata, ricerca estetica e limpida percezione dell’infanzia”, come del resto molti degli spettacoli della compagnia (prenotazioni già al completo).

Coinvolgente ed emozionante, “Io, diversa”, scritto da Alessandro Libertini e Véronique Nah (che ne è anche interprete), con ironia affronta i pregiudizi nei confronti degli stranieri. Partendo da una storia privata, la protagonista guiderà i ragazzi in strani percorsi geografici da un continente all’altro, alla ricerca del Paese di provenienza del padre, tra inni, abiti diversi e oggetti che evocheranno terre lontane.

Segnaliamo inoltre che la domenica successiva, 17 maggio 2015 dalle 10 alle 11.30, la Compagnia I Piccoli Principi propone una visita spettacolo nel tesoro nascosto di Casa Siviero (Lungarno Serristori n. 2, Firenze).  Alessandro Libertini e Véronique Nah, nei ruoli del professore e dell’addetta all’accoglienza, guideranno i visitatori attraverso un itinerario fuori dal comune nelle stanze del Museo alla scoperta della collezione personale del cosiddetto 007 dell’arte, a cui si deve il recupero di moltissime opere che erano state trafugate dall’Italia durante il periodo dell’occupazione nazista. Grazie agli stravaganti comportamenti dei due personaggi, la visita si trasforma rapidamente in spettacolo che permetterà di conoscere la storia dei luoghi e delle opere presenti.

Per informazioni e prenotazioni (obbligatorie): 0558877950 o 3336886017 www.piccoliprincipiteatro.it

Le classi IIA, IID, IIE, IIIB della S.M.S “Altiero Spinelli” durante l’anno scolastico 2014-2015 hanno preso parte al progetto “Uno studio in giallo”, ideato e realizzato dalla Prof. Beatrice Raveggi in collaborazione con la Prof. Lara Pantani, referente dei rapporti con la Polizia Scientifica, e la Prof. Filomena Petrilli.

Il progetto intende promuovere attraverso la lettura, lo studio e l’analisi del genere giallo, la scrittura di brevi racconti gialli che si sviluppino intorno ad uno schema dato, sia che prendano spunto da fatti di cronaca o trattino soggetti di pura invenzione. Il giallo in tutte le sue sfaccettature e declinazioni è un genere cui raramente gli alunni si avvicinano senza un reale interesse e dal quale vengono immediatamente catturati.
Il progetto che si articola durante l’intero anno e intende sviluppare le competenze di lettura, ascolto e scrittura secondo modalità progressive e accattivanti. Leggere i gialli in modo attivo, alimenta la curiosità e sviluppa l’attenzione al particolare, aiuta il lettore a capire la psicologia e il carattere delle persone, mentre la scrittura di racconti del genere stimola a creare dialoghi e personaggi realistici. Si lavora a gruppi e in squadre perseguendo tra gli obiettivi anche la capacità di cooperazione e il peer learning. Durante il percorso i ragazzi incontrano la Polizia Scientifica, che  illustra il loro metodo di lavoro e come condurre un’indagine, e alla fine del percorso è previsto un incontro con l’autore di racconti gialli Oscar Montani e la creazione di un prodotto finale come un libro, un audiolibro o uno spettacolo interattivo.

All’inizio dell’attività vengono proposti giochi di logica e di arguzia, in cui mettere alla prova le proprie capacità deduttiva e di osservazione quali cifrari, enigmi, rebus e crittogrammi.
Introduzione al genere giallo: la storia del genere da E.A. Poe agli scrittori contemporanei.
Le diverse tipologie del genere: gli horror, i gialli ad enigma o gialli d’inchiesta, il poliziesco, le spy story, gli hard boiled, i thriller, il noir, il genere giudiziario.
Le tecniche narrative: attraverso l’analisi di alcuni racconti dei più celebri scrittori di giallo e loro trasposizione cinematografica, impariamo così a riconoscere gli “ingredienti” del genere e la struttura dei racconti gialli. In questa fase sono previste letture da Edgar Allan Poe padre dell’investigatore August Dupain, Sir A.Conan Doyle creatore di Sherlock Holmes, Aghata Christie con i suoi Mrs. Murple ed Hercule Poirot, George Simenon e il suo commissario Maigret Donnay e Lee Queen con Ellery Queen, Camilleri col suo Montalbano e altri.

Il laboratorio di creazione e scrittura di storie di genere giallo si articola poi in due fasi:
La prima, con l’assegnazione di un compito ingenuo: a gruppi o individualmente si richiede ai ragazzi di scrivere un racconto giallo fornendo loro solo essenziali informazioni sull’arma, la vittima e il colpevole. Si procede quindi ad analizzare e approfondire tutte le idee e le trame. Dagli elementi dell’idea al soggetto, creazione dei personaggi e dell’ambientazione, creazione del detective protagonista, costruzione della trama, costruzione dei dialoghi, costruzione della suspense, l’arte della deduzione. Laboratorio sulla costruzione degli identikit, sia in modo iconografico che attraverso descrizioni. Laboratorio sulle modalità di un’indagine attraverso: 1° Incontro laboratorio con la Polizia Scientifica articolato in lezione introduttiva sull’attività della Polizia Scientifica, gli strumenti e i metodi di indagine, lezione laboratorio sulle impronte digitali. Laboratorio di dattiloscopia e di costruzione di uno schedario di indiziati. Allestimento di una “scena del crimine” a scuola e laboratorio pratico per ogni classe/squadra investigativa, sulle modalità di un sopralluogo, sul repertamento e la catalogazione.
2° incontro con la Polizia Scientifica per relazionare sulle attività laboratoriali svolte da ogni classe.
La seconda fase riguarda invece le indagini sul crimine allestito a scuola: ogni classe lavora in team a casi diversi, che si sviluppano sullo stesso canovaccio secondo vari plot narrativi; attraverso l’analisi degli elementi indiziari rinvenuti, il referto del medico legale, le indagini esterne e gli interrogatori, deve ricostruire la dinamica dell’accaduto e scoprire il colpevole. Risolto il caso si procede dunque alla scrittura del racconto giallo, attraverso la procedura della scrittura collettiva: ogni classe scriverà il suo racconto sul caso vissuto. I 4 racconti saranno pubblicati in un libro che verrà consegnato ai rappresentanti delle Istituzioni intervenuti, e ai genitori. A fine anno docenti e studenti si esibiranno in uno spettacolo “Cena con delitto” ispirato ad uno dei casi su cui si è lavorato durante l’anno.

Gli obiettivi didattici sono i seguenti:
– conoscere le principali caratteristiche del racconto giallo attraverso i suoi maggiori autori, individuando la struttura e il meccanismo narrativo,
sviluppare le capacità di osservazione logica e di analisi e di deduzione, stimolare le strategie di problem solving e il pensiero divergente,
motivare alla lettura e alla scrittura,
– promuovere la creatività, la cooperazione e il lavoro in squadra,
– includere tutti gli alunni nell’ attività formativa, senza differenziazioni.

Le metodologie variano dalla classica lezione introduttiva frontale, alla lettura di testi gialli di diversi autori e generi, laboratorio sui metodi di indagine della Polizia Scientifica, simulazione di investigazione e giochi di ruolo, lavoro a coppie, a piccoli gruppi, brainstorming, riscrittura di film attraverso l’individuazione delle regole del giallo, laboratori di scrittura collettiva, laboratorio di impaginazione e editoria, spettacolo teatrale finale.

I libri adottati: racconti brevi tratti da E.A.Poe, A.Christie, A.C.Doyle, Camilleri, Antologia in uso, Delitti di carta di C.Medaglia, A scuola di Giallo, di Camilla Làkberg, Gli arancini di Montalbano, di Andrea Camilleri, Viareggio, piccoli delitti imperfetti, di Oscar Montani.

Le verifiche consistono nella produzione di elaborati e nella partecipazione attiva ai laboratori.
La valutazione del lavoro svolto tiene conto delle difficoltà e del livello iniziale dei ragazzi, della loro motivazione al lavoro e dal loro impegno nel realizzarlo. I collegamenti interdisciplinari sono preziosi al fine di risolvere i casi criminosi, i ragazzi mettono così alla prova competenze che spaziano anche in altre discipline oltre l’italiano, dalla scienza alla matematica, dalla tecnologia alla musica.
Le competenze coinvolte infatti sono trasversali: saper osservare, analizzare, ricomporre, dedurre, leggere con attenzione in modo attivo, relazionare un’attività svolta, lavorare in team, saper comporre un racconto di fantasia su una traccia data utilizzando le strutture narrative e il linguaggio propri del genere, saper gestire l’emotività nel contesto comunicativo teatrale e interpretare dei ruoli, fino a confezionare un prodotto editoriale cartaceo o multimediale.

Ideazione e progettazione Prof. Beatrice Raveggi. Docenti collaboratori coinvolti: Prof. Lara Pantani, referente dei rapporti con la Polizia Scientifica e Prof. Filomena Petrilli.

Lunedì 27 e Martedì 28 Aprile
Auditorium della Scuola D. Campana – Via S. Allende, 1 – Scandicci (FI). Ingresso libero

Il principe felice.
Progetto di lettura creativa per la scuola primaria su testo di Oscar Wilde, a cura di Elisabetta Benvenuti. In collaborazione con Associazione Culturale San Zanobi di Scandicci.
Allievi della classe di pianoforte. Prof. ssa Elisabetta Benvenuti; allievi dei cori di voci bianche di Scandicci e di Firenze. Direttore Lucia De Caro; voce narrante: Eleonora Gronchi; musiche di M.Moussorgsky, P. I. Tchaikovsky, Nina Simon, L. Einaudi, W. Mertens, J. Norris, S. Merath, H. Arlen, E. Benvenuti.

Lunedì 27 Aprile ore 14.30
I Replica con la classe VA della della scuola primaria E.Toti
Lunedì 27 Aprile ore 17.30
II Replica con la classe IV C della scuola primaria G. Marconi
Martedì 28 Aprile ore 17.30
III Replica con la classe IV A della scuola primaria D. Campana

Il principe felice è il racconto dal quale prende nome la raccolta di fiabe “Il Principe felice e altri racconti” (in lingua originale The Happy Prince and Other Tales) del celebre scrittore irlandese Oscar Wilde. Si tratta della prima raccolta di fiabe pubblicata da Oscar Wilde nel 1888.
La raccolta contiene cinque favole, che l’autore scrisse per i figli, tutte a sfondo educativo, nelle intenzioni di Wilde, che allude sottilmente alle contraddizioni della morale borghese di epoca vittoriana. Il libro fu illustrato da W. Crane e Jacomm.

Il “Principe Felice” è una statua posta su una colonna, ricoperta di foglie d’oro e pietre preziose, e pertanto ammirata da tutti gli abitanti di un’innominata città. Una notte una rondine, che si sta recando al sole in Egitto, decide di sostare sulla testa del Principe; lui le racconta la sua storia e le chiede di aiutarlo a cancellare le brutture e le miserie della città che nella sua vita aveva sempre ignorato ma che adesso, dall’alto della colonna, vede fin troppo bene. La rondine preferirebbe gli egiziani, ma, vinta dal suo buon cuore, decide di aiutarlo e inizia a spogliarlo dei gioielli che lo adornano per donarli ai poveri e ai bisognosi che il Principe le indica. Il Principe ormai rimasto senza tutti i suoi decorativi consiglia alla rondine di migrare verso l’Egitto, ma lei, affezionata alla statua resta a farle compagnia, fino a lasciarsi morire ai suoi piedi. Il Sindaco, notando la statua tutta spoglia e grigia e l’uccello morto, decide di abbatterla e gettarne i resti nella discarica, chiedendo di farne costruire una che lo rappresenti. Ciascuno dei Consiglieri Comunali, volendone una propria, si ribella, e ne nasce un litigio che al momento della narrazione non è ancora terminato. Un giorno Dio chiede ad un angelo di portargli le due cose più preziose della città e l’angelo gli porta il cuore di piombo del Principe e il corpicino della rondinella…

BRUNDIBAR
Operina musicale in due atti per piccola orchestra, dieci bambini solisti e coro di bambini
La rappresentazione è rivolta agli allievi delle Scuole primarie (IV e V) e Scuole Medie nell’ambito del 70° anniversario della Liberazione 25 aprile 1945 – 2015
Venerdì 24 aprile ore 10,30 (durata 55 minuti)
Teatro Studio “Mila Pieralli” Via G. Donizetti 58, Scandicci.
Per le prenotazioni delle classi occorre far pervenire ENTRO IL 13 APRILE la propria adesione comunicando numero dei ragazzi, classe, scuola di appartenenza, nome e cognome dell’insegnante referente e recapito telefonico, a
segreteria @ scandiccicultura.it – Tel. 055.7591596 – 593

Prima rappresentazione Campo di concentramento di Terezin (Cz) 1943
Musica di Hans Krasa
Libretto di Adolf Hoffmeister
Traduzione e adattamento Norma Lelli
Orchestra GAMS Ensemble
Direttore Volfango Dami
Coro e solisti della Scuola di Musica di Scandicci e dell’Accademia Musicale di Firenze
Direttore del Coro Lucia De Caro

L’operina Brundibàr
Hans Krása aveva redatto la prima stesura dell’opera fra il 1938 e il 1939 a Praga. Deportato a Terezín nel 1941, la orchestrò nuovamente per i detenuti del campo. L’opera fu rappresentata per la prima volta il 23 giugno 1943 dai ragazzi deportati a Terezin in occasione della visita della Croce Rossa Internazionale e venne replicata per ben 55 volte in pochi mesi. Il compositore, H. Krasa, fu deportato ad Auschwitz e ucciso nell’ottobre del 1944.
La trama racconta la storia di Pepíček e Aninka, due bambini orfani di padre che hanno bisogno di denaro per comprare del latte per la loro mamma molto ammalata. Decidono di fare come Brundibár, il suonatore ambulante di organetto, ovvero di esibirsi per strada danzando e cantando. Ma la gente sembra non curarsi di loro e non versa nemmeno un soldo nel loro cappello. Brundibár, dal canto suo, prepotente e assai burbero, non sopporta la loro presenza, quindi li fa scacciare. I ragazzi non sanno più cosa fare, ma vengono aiutati da tre animali, un passerotto, un gatto e un cane, che coinvolgono l’indomani anche gli scolari del paese riuscendo a scacciare Brundibar e a destare finalmente l’attenzione dei passanti al canto dei bambini. Il cappello di Pepíček si riempie di tanti soldini che permetteranno di comprare il latte alla mamma. Tutti intonano un canto di vittoria.

La trama, che apparentemente ha tutte le caratteristiche di una storia per ragazzi, rivela metaforicamente l’anelito di vittoria contro la prepotenza e la malvagità, la speranza di giustizia e di libertà. Questo spirito era ben sentito dagli stessi bimbi protagonisti dell’opera come si evince dalla testimonianza di un sopravvissuto: “Quando noi cantavamo dimenticavamo la fame, dimenticavamo dove fossimo; quando eravamo in scena dimenticavamo ogni cosa e quando alla fine cantavamo la canzone della vittoria immaginavamo di aver sconfitto Hitler. C’era tanto potere in questa musica, tanto potere!” .

Per informazioni Tel. 055.7591596 – 593
Scarica la scheda di presentazione Brundibar per le scuole