Home Etichette Articoli etichettati con "scandicci cultura"

Inaugura Giovedì 25 Febbraio alle ore 16 la mostra  dal titoloLa Provvisoria. Firenze Capitale raccontata dalla satira” e prende avvio il corso di storia su Firenze Capitale organizzato nell’ambito della Libera Università dall’Associazione Arco presso l’Auditorium della Biblioteca di Scandicci (via Roma, 38/A). La mostra, che rimarrà visitabile fino al 24 Marzo 2016, intende interpretare la storia e i principali eventi del periodo (1865-1870) integrando l’immaginario collettivo col sorriso della matita, grazie a caricature, immagini  e articoli originali tratti dalle riviste fiorentine dell’epoca. All’inaugurazione saranno presenti Eugenio Giani, Presidente del Consiglio della Regione Toscana; il Sindaco del Comune di Scandicci, Sandro Fallani ; Daniele Lanini, Presidente del Consiglio del Comune di Scandicci.
Subito dopo i saluti istituzionali, alle ore 17, prende avvio il corso di storia, che offre un’occasione di approfondimento degli aspetti più rilevanti delle vicende di Firenze Capitale. Il ciclo si svolge in cinque incontri di Giovedì pomeriggio, dalle 17.00 alle 19.00 sempre in Biblioteca. Il programma prevede l’intervento del Prof. Cosimo Ceccuti, storico del Risorgimento italiano,  Presidente della Fondazione Spadolini Nuova Antologia; il Prof. Sandro Rogari, docente universitario di Storia Contemporanea all’Università di Firenze; Luca Brogioni, Direttore dell’Archivio Storico del Comune di Firenze e per finire un tour guidato in Omnibus, un carro a cavalli da 15 posti, attraverso i luoghi più significativi della Firenze Capitale.
Il corso è gratuito per i titolari della Card Cultura e per gli insegnanti titolari di Educard, previa iscrizione alla Libera Università, fino a esaurimento posti.

Per informazioni sulle modalità di iscrizione chiamare l’Associazione AUSER al Tel. 055.755188.
I volontari dell’Associazione ARCO sono disponibili su appuntamento anche per visite guidate alla mostra rivolte alle scuole o a piccoli gruppi, contattando il numero 338.2375373.

Sabato 27 Febbraio alle ore 16.30, nell’ambito della mostra, il gruppo teatrale Archeologia Narrante, in collaborazione con il Museo di Archeologico di Firenze, presenta una lettura teatrale sul “risanamento” del centro storico fiorentino verso fine ‘800, dal titolo “A vita nuova restituito…” di e con Simone Bellucci, Stefano Dommi, Mona Nanchen, Benedetta Torrini, musiche di Edoardo Rosadini. Direzione scientifica G.Carlotta Cianferoni.
Ingresso libero, prenotazione consigliata.

Sabato 5 Marzo 2016, ore 16,30 all’Auditorium M.A.Martini presso La Biblioteca di Scandicci (Via Roma, 38/A)

Presentazione del Libro Illustrato di Ginetta Fusi e Laura Berni
LE LACRIME CHE NON SCENDONO, con la prefazione di Anna Sarfatti e una poesia di Simone Cristicchi.
Con le autrici saranno presenti Giulia Bambi, Presidente IV° Commissione Consiliare Scandicci; Guido Guidoni, Responsabile UF Dipendenze Zona fiorentina Nord/Ovest, Azienda Usl Toscana Centro; Don Alessandro Santoro, edizioniPIAGGE. Sono previste Testimonianze dei Gruppi di Auto-Aiuto.
Dall’introduzione di Anna Sarfatti: “Di che cosa ha bisogno un bambino per stare bene? Aldo, il protagonista di questo racconto, lo esprime attraverso un sogno: di avere un padre che gli dedichi del tempo, per raccontargli una favola o giocare con lui. Sembra poco, eppure in molti casi è difficile “essere insieme” ai bambini, così speciali per l’estrema sensibilità con cui captano tutti gli umori del mondo in cui sono immersi”.

Questo albo illustrato parla di alcolismo, di vergogna, di silenzi, di famiglie, di amore, di accoglienza e perdono. “Abbiamo pensato a questo libro con il desiderio di poter raggiungere quei bambini che hanno bisogno di spiegazioni da parte degli adulti, che siano genitori, insegnanti o altre figure di riferimento, perché come sappiamo bene, i bambini vedono, ascoltano e sentono. Il messaggio che la storia di Aldo vuole portare è che se accettiamo di essere aiutati, il recupero è sempre possibile”.
L’istinto degli adulti responsabili è quello di proteggere i bambini da ciò che è doloroso o che può trasmettere paura. Può capitare però che, per alcune cose, li riteniamo capaci di ascoltare, di osservare e di assorbire tutto come delle spugne; e per altre, invece, ci convinciamo che loro non si sono accorti di niente, e con l’intenzione di proteggerli, li teniamo “fuori”, soli con le loro angosce, la loro rabbia e le nostre bugie.
Nella nostra esperienza professionale, invece, abbiamo constatato che i bambini come Aldo, e come tutti i bambini del mondo, hanno tanto bisogno di sapere “perché” e tante risorse per capire e per perdonare; hanno tanto amore che non giudica, e allora, forse, il problema principale è il nostro: come affrontare l’argomento senza spaventarli?
Che risposte possiamo dare alle loro domande?

Non c’è un’età giusta per dare delle spiegazioni a ciò che succede; piuttosto è il linguaggio che dobbiamo conoscere, da adattare ai loro bisogni, come hanno imparato a fare la mamma e il babbo di Aldo della nostra storia”.
Questo albo illustrato intende raccontare come una sofferenza, affrontata con i giusti mezzi, può essere trasformata in un’esperienza che ci fa diventare migliori perché più sinceri e più forti di prima.

Anna Sarfatti, apprezzata scrittrice fiorentina di libri per l’infanzia, nella sua introduzione: “L’augurio che faccio a questo libro è di non restare chiuso entro la ristretta cerchia di chi condivide problemi simili a quelli raccontati. Mi tornano in mente le parole di Bruno Tognolini dedicate all’intenso e dolcissimo Lo stralisco di Roberto Piumini: “Ci sono libri che aprono radure di silenzio, nel bosco frusciante degli altri libri, e ogni tanto bisogna portarci i bambini lettori”.
Il libro è prodotto da edizioniPIAGGE, casa editrice indipendente di Firenze nata all’interno della Comunità delle Piagge. Il ricavato delle vendite del libro va a sostenere progetti di reinserimento sociale.

Ginetta Fusi e Laura Berni sono educatrici che da anni si occupano di dipendenze patologiche, lavorando presso servizi pubblici della Asl. Nel tempo libero Laura si dedica alle illustrazioni per bambini; Ginetta si è recentemente appassionata alla scrittura. Mettendo insieme questi ingredienti, esperienza professionale, pittura e scrittura, compongono a quattro mani un libro per bambini, o meglio: per grandi e piccini.

Su richiesta possono essere fatte presentazioni in contesti scolastici, in biblioteche, circoli o in occasione di incontri pubblici. 

Info: edizioniPIAGGE
Tel. 055.373737
Casa editrice della cooperativa EquAzione
Via Lombardia, 1/p -Firenze
www.edizionipiagge.it

Al 15 gennaio 2016 gli iscritti alla Scuola di Musica di Scandicci – o meglio del Centro di Promozione della Musica nella nuova sede di via del Padule 34, inaugurata lo scorso settembre – sono 255, ovvero il 12% in più dello scorso anno alla stessa data, quando i frequentanti erano 227. Dei nuovi iscritti 169 sono cittadini di Scandicci, 51 di Firenze, 15 di Lastra a Signa, 7 di Montespertoli così come di Impruneta, mentre da ciascuno dei seguenti comuni proviene un iscritto: Montelupo Fiorentino, Bagno a Ripoli, Carmignano, Certaldo, Impruneta, Limite sull’Arno e Sesto Fiorentino.
La nuova sede della Scuola di Musica è stata realizzata all’interno dei locali che in passato ospitavano la scuola Anna Frank, dopo il trasferimento della vecchia sede in affitto in via Pisana, sempre nel quartiere di Casellina; la gestione del Centro di Promozione della Musica è affidata con bando all’Accademia Musicale di Firenze, che gestisce la Scuola di Musica di Scandicci da 11 anni.

“L’incremento di iscrizioni è la dimostrazione che i cittadini hanno capito il valore e le potenzialità dello spostamento nella nuova sede – dice il Sindaco Sandro Fallani – con questa scelta Scandicci investe sempre più nella musica, che ha un ruolo fondamentale nell’identità culturale della nostra città. All’interno del nuovo Centro di Promozione che abbiamo aperto a settembre le persone di tutte le età, ad iniziare dalle generazioni più giovani, possono sviluppare le proprie conoscenze e abilità, dai primissimi contatti con questa forma artistica fino ai corsi più avanzati. Una città che offre l’opportunità di coltivare interessi culturali e vocazioni artistiche dà continue occasioni di crescita personale ai propri cittadini, è una comunità che crede e che investe nelle capacità di ognuno: pensiamo che questo sia il modo migliore per andare avanti, tutti assieme”.

I corsi sono rivolti a tutte le fasce d’età (dai quattro anni), e abbracciano tutti i generi musicali: dalla musica antica e classica alla musica moderna e jazz.

Per tutti gli iscritti a strumento o canto la frequenza ai corsi collettivi è gratuita.
Da quest’anno l’attività dei corsi collettivi, organizzati dalla scuola per Scandicci, si è arricchita con alcune novità: all’interno del Dipartimento di musica classica per bambini e ragazzi, il laboratorio di violino e violoncello per bambini da 3 a 6 anni e l’orchestra da camera Petit Ensemble per bambini e ragazzi dai 9 ai 14 anni, il laboratorio per strumenti ad arco e il corso “In cammino verso l’orchestra”, indirizzati ai bambini da 7 a 10 anni; all’interno del Dipartimento di musica moderna & jazz: progetto live School Jam a cura dei docenti del corso di progetto live e la Masterclass di Improvvisazione & Interplay; tra i corsi di teoria sono confermati Teoria della musica in Pratica, Teoria Percezione e Analisi, Teoria Musicale Armonia e Contrappunto, indirizzati a tutti i dipartimenti e sia agli adulti che ai bambini e ragazzi, grazie ai quali gli interessati potranno prepararsi all’ammissione ai Corsi di Diploma Accademico di I livello, oppure conseguire gli otto gradi di studio riconosciuti dal Royal College di Londra attraverso l’Abrsm (the Associated board of the Royal school of music); infine, Storia della Musica – seminari tematici, Formazione Musicale di base, Propedeutica musicale, Orchestra Giovanile di Firenze, Laboratorio corale Petites Voix, Coro Academy singers, Laboratorio di arte scenica.

Il Centro di Promozione della Musica organizza anche attività in collaborazione con l’assessorato alla Pubblica Istruzione e il Cred: il progetto di Teatro Musicale di ragazzi per la scuola primaria “….E il sogno realtà diverrà” iniziato a dicembre 2015, che si concluderà con lo spettacolo finale al Teatro Aurora Martedì 17 maggio 2016 (ore 21); le scuole primarie partecipanti al progetto sono la Dino Campana (classi VB e C), la Gabbrielli (IVA e B), la Marconi (IVC e D), Pettini (IVA, B, C), per un totale di 200 allievi.

A febbraio avrà inoltre inizio il Corso di formazione didattico musicale per i docenti della scuola primaria, che la scuola organizza ormai da anni in collaborazione con il Cred, sempre con una notevole affluenza di partecipanti.
In questo periodo inoltre sono aperte le iscrizioni a Strumenti in prova, quattro lezioni gratuite per promuovere i primi passi nello studio di uno strumento o nel canto, rivolte a bambini e ragazzi in età tra i 6 e i 19 anni.
C’è posto fino a maggio 2016 ma i posti sono limitati,
occorre prenotare.

Nell’ambito delle attività integrative per le scuole primarie e medie inferiori per il contrasto alla dispersione scolastica, per il progetto “La città per i ragazzi” dal 25 gennaio fino al termine dell’anno scolastico al Centro di promozione della musica sono organizzati progetti di sostegno allo studio con laboratori di strumento, di ritmica, canto e biodanza.

Infine, sempre in collaborazione con il Cred, su richiesta dell’Istituto Sassetti Peruzzi sarà attivato un laboratorio musicale presso la loro sede, in orario pomeridiano, nell’ambito delle attività di recupero scolastico.

La Scuola di Musica, in collaborazione con il Comune di Scandicci e la Regione Toscana, è anche sede ufficiale del Coro di Voci Bianche di Scandicci. Le iscrizioni restano aperte per tutto l’anno scolastico.

Per informazioni:
www.accademiamusicaledifirenze.it
e mail:  segreteria@ scuolamusicascandicci.it

oppure rivolgersi alla segreteria della scuola,
il lunedì in orario 9,30-13 e 14,30-19,30 e dal martedì al venerdì dalle 14,30 alle 19,30.
Telefono 055.755499

La stagione 2016 del Teatro Studio Mila Pieralli (via Donizetti 58, Scandicci) con la nuova gestione della Fondazione Teatro della Toscana, ha preso l’avvio sabato 6 febbraio 2016, con la prima nazionale del live-racconto di Gianni Maroccolo “Nulla è andato perso”, con il tutto esaurito.

“Il Teatro Studio Mila Pieralli di Scandicci entra a pieno titolo nel sistema della Fondazione Teatro della Toscana – dicono i nuovi gestori – la visione policentrica che ha ispirato fin dall’inizio il progetto della Fondazione Teatro della Toscana si amplia oggi nel raggio della geografia metropolitana fiorentina con Scandicci e il suo Teatro”.

Tra i nomi di un cartellone che durerà fino all’estate, Medea di Gabriele Lavia con Federica Di Martino, Licia Maglietta, Marco Baliani, l’inedito Le nostre donne di Eric Assous con Manuele Morgese, Edoardo Siravo ed Emanuele Salce, la Gertrude di Laura Piazza scritta dal poeta Davide Rondoni.

Da metà giugno a metà luglio, un mese di lavoro sul Bardo con SHAKESHAKESPEARE e un Romeo e Giulietta con gli allievi del Corso di Formazione per Attori “Orazio Costa” e la supervisione di Pier Paolo Pacini, che si occuperà anche delle attività sul posto del Centro di sviluppo dell’espressione e della creatività umana insieme a Iacopo Braca di Beyouman Academy.

“Il Teatro Studio ha una storia importantissima nell’ambito culturale metropolitano fiorentino, regionale e nazionale degli ultimi tre decenni – dice il Sindaco di Scandicci Sandro Fallani – è nato dalla volontà di una donna eccezionale, il Sindaco Mila Pieralli, che scelse la cultura per rappresentare l’identità di questa nuova città; l’identità quasi unica in Italia di una giovane comunità, affermatasi grazie alla vocazione a sperimentare, a cercare nuovi linguaggi nella contemporaneità, con esperienze esclusive nel teatro come quelle dei Magazzini Criminali e dei Krypton. Una città e una comunità che in questo tempo si sono evolute, sono cresciute, hanno assunto un ruolo di primo piano nella città fiorentina, e sono pronte ad affrontare una nuova stagione culturale, con un soggetto gestore di livello indiscutibile che ha già dimostrato entusiasmo per questa realtà e piena disponibilità alla collaborazione. Buon lavoro a tutti coloro che da oggi lavoreranno in questo teatro e il grazie più sincero a chi vi ha lavorato fino ad oggi. E l’invito a tutti i cittadini a venire a vedere gli spettacoli di altissimo livello e a frequentare i corsi di formazione al Teatro Studio”.

Si parte, dunque, il 6 febbraio con Nulla è andato perso, il live-racconto di Gianni Maroccolo che nasce anche grazie all’azione del Teatro della Toscana e che poi girerà teatri e club di tutta Italia. Racconto di una carriera che si salda al Teatro Studio grazie alla regia visiva di Giancarlo Cauteruccio, che tornerà poi protagonista in date da definire col suo Trittico beckettiano e più in generale renderà la sua testimonianza di maestro del teatro nei vari spazi della Fondazione, e di nuovo a Scandicci con l’esperienza ormai ultradecennale di Zoom Festival.

Dall’1 al 6 marzo la Medea di Gabriele Lavia, nata per i teatri di pietra e trasformata in versione indoor, una potente riflessione contemporanea sul valore di questo testo antico.

Il 18 e 19 marzo, Ghertruda la madre di A. di Davide Rondoni, con Laura Piazza e la regia di Filippo Renda, inizierà a spostare il discorso verso una riflessione su William Shakespeare, nel 400° anniversario della sua morte.

Dal 12 al 14 aprile farà tappa a Scandicci una parte del programma che il Teatro della Toscana nelle sue varie sedi dedicherà agli storici Teatri Uniti: in scena Manca solo la domenica di e con Licia Maglietta, omologo tratto da un romanzo di Silvana Grasso.

Dal 27 al 30 aprile ancora un testo contemporaneo, mai rappresentato in Italia: Le nostre donne del talentoso drammaturgo Eric Assous, diretto da Livio Galassi e interpretato dal terzetto composto da Manuele Morgese, Edoardo Siravo ed Emanuele Salce.

Chiude questo trittico, nei giorni dal 6 all’8 maggio, Trincea, lo spettacolo che Marco Baliani ha dedicato alla Prima Guerra Mondiale.

Il passaggio tra primavera ed estate rappresenterà l’apertura completa alla nuova visione del Teatro Studio di Scandicci, con due esperienze.

La prima riguarda l’apertura di un “presidio” del Centro di Avviamento all’Espressione, la scuola del Teatro della Toscana ispirata al Metodo Costa. Il Centro di sviluppo dell’espressione e della creatività umana, in collaborazione con la Beyouman Academy, sarà un polo non convenzionale per la formazione umana.
Un centro di sperimentazione sull’espressione che non riguarderà la formazione teatrale (che il Cae già svolge al Teatro della Pergola con i suoi Corsi Informativi e con il Corso di Formazione per Attori “Orazio Costa”), ma che esplori le possibilità formative espressive creative e comunicative dell’uomo moderno. L’obiettivo generale è il recupero e lo sviluppo di un naturale istinto espressivo, sia comunicativo che emotivo, attraverso e per mezzo di un vero e proprio training basato sul metodo mimico e sulle esperienze della Beyouman Academy, e di fornire strumenti utilizzabili concretamente negli ambiti della creatività, della gestione della emotività e della comunicazione.

Il Centro aprirà fin dal mese di marzo un corso aperto a tutti, che sarà preceduto da un incontro pubblico di orientamento, per impostare un lavoro destinato in parte a confluire in quello che sarà il grande evento estivo pensato dal Teatro della Toscana per la città di Scandicci: SHAKESHAKESPEARE, un mese di lavoro sul Bardo da metà giugno a metà luglio, suddiviso in due parti. La prima laboratoriale, con eventi performativi che coinvolgeranno anche il tessuto urbano di Scandicci.

La seconda spettacolare, con una rappresentazione “all’inglese” nel parco dell’Acciaiolo di Romeo e Giulietta con gli allievi del Corso di Formazione per Attori “Orazio Costa” e la supervisione del coordinatore del Cae stesso, Pier Paolo Pacini, che si occuperà anche delle attività del Centro di sviluppo dell’espressione e della creatività umana insieme a Iacopo Braca di Beyouman Academy.

Informazioni sugli spettacoli della stagione www.teatrodellatoscana.it
Per info biglietti  055.0763333 – biglietteria@ teatrodellapergola.com
In vendita in tutto il circuito regionale Box Office e online
Per ulteriori info:  pubblico@ teatrodellapergola.com

La Mezza Maratona “Di corsa contro le mafie” di domenica 21 febbraio, le arance di “Vitamine per la scuola” coltivate dalla cooperativa Beppe Montana in Sicilia sui terreni confiscati alla mafia (in vendita per finanziare le attività delle scuole), le magliette della legalità vendute al mercato dalle associazioni cittadine del Social Party nei sabati 6 e 13 febbraio, e poi incontri, spettacoli e iniziative per le scuole.
Sono questi gli eventi in programma per la quinta edizione di “Libera la tua terra – Percorsi di cittadinanza attiva e di educazione alla legalità”, organizzato dal Comune di Scandicci, da Scandicci Cultura, Libera, Social Party, Alta Scuola di Pelletteria Italiana e Asd Podistica Il Ponte.
“Dal 2012 Scandicci è impegnata sulla promozione della cultura della legalità con il progetto Libera la tua terra, realizzato insieme alle scuole cittadine di ogni ordine e grado, il mondo associativo e quello imprenditoriale”, dice il Sindaco Sandro Fallani.

Il progetto, sostenuto dall’Alta Scuola di Pelletteria Italiana che dona al Comune le magliette della legalità, e organizzato in collaborazione con l’associazione Libera, nomi e numeri contro le mafie prevede un ricco calendario di incontri culturali, attività didattiche e manifestazioni sportive che negli anni hanno coinvolto oltre 12000 partecipanti e portato all’acquisto di circa 28000 kg di arance biologiche provenienti dalla cooperativa Libera Terra Beppe Montana, che dal 2012 coltiva terreni confiscati alla mafia in Sicilia.

“Scandicci ritrova dunque il senso dell’impegno etico e civile in questo grande acquisto collettivo di arance”, continua il Sindaco, “un gesto simbolico e concreto che riunisce aspetti fondamentali della nostra società: una sana alimentazione, una sana imprenditoria, il valore sociale della donazione alle scuole cittadine, che ricavano fondi per le attività progettuali legate ai comitati genitori. Invito tutti, dunque, a partecipare a questo grande progetto e alle sue iniziative: corriamo, camminiamo, andiamo al cinema e in auditorium, compriamo le arance ma soprattutto sosteniamo con azioni concrete i valori della legalità”.

Questo il programma completo delle iniziative di Libera la tua terra.

Sabato 30 gennaio “Mettiamoci in gioco… ma non azzardiamo!” dalle 9,30 alle 12 a Villa Vogel, via delle Torri 23 a Firenze, organizzato dal Comune di Scandicci e dal Quartiere 4 del Comune di Firenze, un convegno sul gioco d’azzardo nell’ambito della campagna di contrasto alla ludopatia; alle 14,30, in piazza della Resistenza, l’iscrizione e la registrazione alla caccia al tesoro lungo l’asse della tramvia.

Sabato 6 e 13 febbraio dalle 10 alle 17 la vendita delle magliette della legalità al mercato settimanale in piazza Togliatti (stand delle associazioni del Social party).

Lunedì 8 febbraio alle 21,30 al Cinema Cabiria (piazza Piave) la Trattativa di Sabina Guzzanti a cura degli Amici del Cabiria in collaborazione con Fondazione Caponnetto. Ingresso soci Amici del Cabiria 3 euro (possibilità di tesserarsi la sera stessa).

Lunedì 15 febbraio alle 21,30 al Cinema Cabiria (piazza Piave) Anime nere di Francesco Munzi, a cura degli Amici del Cabiria in collaborazione con l’associazione Libera. Ingresso soci Amici del Cabiria 3 euro (possibilità di tesserarsi la sera stessa).

Sabato 20 febbraio dalle 10 alle 13 in piazza Resistenza per “Vitamine per la scuola”, la vendita e la consegna delle confezioni di arance preacquistate dagli studenti e dai cittadini; dalle 10 alle 19 il ritiro del pettorale e del pacco gara per gli atleti già iscritti alla Mezza Maratona (stand delle associazioni e delle scuole del territorio, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19).

Domenica 21 febbraio alle 9,30 in piazza della Resistenza la Passeggiata della legalità e la Mezza Maratona Città di Scandicci “Di corsa contro le mafie” a sostegno delle attività economiche sui terreni confiscati alle mafie. Sono organizzate la passeggiata (5 km), la gara podistica (21,097 km), la corsa non competitiva (11 km), la mini run (1 km) e il walking (5 km, guidato dalla campionessa mondiale Milena Megli).

Info e iscrizioni gara agonistica, minirun e walking:
Podistica Il Ponte 3287052869 www.mezzamaratonascandicci.it ; iscrizione alla passeggiata e maglietta 8 euro; punti di iscrizione e acquisto maglietta: mercato di Scandicci, piazza Togliatti, sabato 6 e 13 febbraio presso il banco Social party; Comune di Scandicci, piazza Resistenza 1, Assessorato alle Politiche sociali, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13, martedì e giovedì dalle 15 alle 18; piazza Resistenza, Villaggio della Legalità sabato 20 e domenica 21 febbraio, dalle 10 alle 13.

Martedì 23 febbraio dalle 21,15 al Teatro Aurora di Scandicci, per AuroradiSera, Pamela Villoresi e Claudio Casadio ne “Il mondo non mi deve nulla”, noir veloce e raffinato di Massimo Carlotto.

Domenica 3 aprile alle 11 all’Auditorium, del centro Rogers in piazza della Resistenza, per la rassegna Il libro della vita Ettore Squillace Greco parla de La Costituzione Italiana , con la consegna del libro sulla Costituzione da parte dei docenti e degli alunni della Scuola xxv Aprile al Sindaco.

A giugno sarà infine organizzata la mostra conclusiva delle scuole con l’esposizione dei lavori sulla legalità.

Quattro spettacoli dal 30 gennaio al 6 aprile per l’edizione 2016 della rassegna teatrale Aurora di Sera, organizzata da Scandicci Cultura e Fondazione Toscana Spettacolo.

Come ogni anno tanti gli abbonamenti acquistabili il 14 e 15 dicembre (per chi volesse rinnovare l’abbonamento del 2015) e dal 16 al 23 dicembre, dal 13 al 16 gennaio, dal 20 al 23 gennaio e dal 27 al 29 gennaio per tutti i neofiti alla biglietteria del Teatro Studio Mila Pieralli. E tantissimi gli sconti previsti per i possessori di I-Card ed EduCard

L’inaugurazione è sabato 30 gennaio con Claudio Santamaria che veste i panni dell’anti-eroe tragicomico GOSPODIN. Tratto dall’opera originale Gennant Gospodin, del giovanissimo autore tedesco (classe 1978), Philipp Löhle, Gospodin rifiuta il sistema e le logiche del denaro, rifugge dalla proprietà privata per essere libero da qualsiasi vincolo politico-economico… l’unica forma di libertà che trova accettabile è la prigione.

Martedì 23 febbraio, Pamela Villoresi, con Claudio Casadio, è protagonista di un noir veloce e raffinato, IL MONDO NON MI DEVE NULLA di Massimo Carlotto, scrittore di gialli tra i più interessanti e originali del nostro panorama. Una storia avvincente che offre anche l’occasione per riflettere sul senso della vita e sulla libertà di scelta delle coscienze.

Paolo Rossi è il mattatore di MOLIÈRE: LA RECITA DI VERSAILLES in calendario martedì 1 marzo. È la riscrittura dell’opera L’impromptu de Versailles di Molière, firmata da Stefano Massini, Paolo Rossi e Giampiero Solari, per approfondire l’arte comica e fondere la tradizione e l’attualità con il rigore e la poesia.

La rassegna si chiude, mercoledì 6 aprile, con Sabrina Impacciatore e Valter Malosti protagonisti di VENERE IN PELLICCIA. Un gioco di teatro nel teatro, un match tra un’attrice e la regista durante le audizioni per uno spettacolo da mettere in scena. Un gioco elettrizzante, in cui si confondono i confini tra fantasia e realtà, seduzione e potere, amore e sesso: un duello teatrale tra due attori di grande talento.

Tutti gli spettacoli inizieranno alle 21.15.

Campagna abbonamenti – L’abbonamento per l’intera rassegna (4 spettacoli) ha un costo di 48 euro; per gli abbonati degli anni precedenti, abbonamento al prezzo ridotto di 40 euro, e per i possessori di I-Card ed EduCard 38 euro.

I biglietti dei singoli spettacoli costano 16 euro, ridotti 13 euro (under 18, over 65, soci Coop, soci Arci). Riduzione speciale a 10 euro per titolari di I-Card e EduCard.

Le riconferme degli abbonamenti 2015 nei giorni 14 e 15 dicembre, i nuovi abbonamenti 2016 dal 16 al 23 dicembre, dal 13 al 16 gennaio, dal 20 al 23 gennaio e dal 27 al 29 gennaio per tutti i neofiti alla biglietteria del Teatro Studio Mila Pieralli (orario da lunedì a venerdì 16.30-19.30; sabato 10-13).

Prevendita biglietti (due giorni precedenti lo spettacolo, escluso domenica)
Gospodin gio 28, ven 29 gennaio
Il mondo non mi deve nulla sab 20, lun 22 febbraio
Molière sab 27, lun 29 febbraio
Venere in pelliccia lun 4, mar 5 aprile

Info e biglietteria

Teatro Studio Mila Pieralli
via Donizetti 58, Scandicci
tel. 055 7351023
biglietteria@teatrostudiokrypton.it

Teatro Aurora
via San Bartolo in Tuto, 1 Scandicci
biglietti nei giorni di spettacolo, dalle ore 20

Box Office
tel. 055 210804 e sul sito www.boxol.it

Cocomeri in Salita a Scandicci

Cocomeri in Salita è un progetto promosso dalla cooperativa sociale Convoi Onlus; intende promuovere una cultura del rispetto ambientale sperimentando nuovi laboratori, corsi, workshop e percorsi didattico-educativi per bambini, ma anche per tutta la cittadinanza e per tutte le età.
Il progetto inaugurato Martedì 22 Dicembre dalle ore 16:30, presso lo spazio gioco “Coccole e Giochi”, in Via Allende 2 a Scandicci, sarà gestito dalla Cooperativa CONVOI onlus. L’obiettivo è quello di creare un progetto etico e sostenibile nel tempo, che coinvolga la cittadinanza, le scuole, le istituzioni, le associazioni e le imprese del territorio, promuovendo i temi del rispetto ambientale, dell’upcycling e del riciclaggio, della sostenibilità e delle buone pratiche di cittadinanza.

Cocomeri in Salita vuole sperimentare due filoni di attività innovativi: il filo verde legato al rispetto ambientale e alla riscoperta della terra e il filo rosso legato all’ upcycling, ovvero l’attività di riciclo creativo attraverso materiali di recupero. L’idea si realizza anche grazie al patrocinio dell’Amministrazione comunale di Scandicci, al coinvolgimento diretto del tessuto sociale e al contributo convinto della rete aziendale e del tessuto produttivo del territorio che attraverso donazioni fornisce il materiale di scarto utile alla realizzazione delle attività.

Per tre pomeriggi a settimana (martedì, mercoledì e giovedì, dalle 16:30 alle 18:30) i locali dello spazio gioco “Coccole e Giochi” in Via Allende 2 a Scandicci  saranno la sede di un progetto operativo di educazione ambientale, che prevede, tra le varie attività, dei laboratori per bambini e per tutta la cittadinanza sul recupero di materiali di scarto che verranno trasformati in nuovi oggetti e giocattoli. Inoltre mensilmente verranno proposti eco-workshop, corsi e percorsi eco-green, feste a tema e molte altre attività sempre nuove e divertenti sui temi della natura, orticultura e riciclo creativo.
Sarà possibile organizzare feste ed eco-compleanni su prenotazione.

Per ricevere informazioni o iscriversi alla newsletter, scrivere all’indirizzo mail: cocomeriinsalita.scandicci@gmail.com oppure chiamare negli orari di apertura il numero: 055 2591968.

“Tutto quello che sto per dirvi è falso” è il titolo dello spettacolo in scena giovedì 3 dicembre 2015 alle 21 al Teatro Studio Mila Pieralli di Scandicci (via Donizetti 58, ingresso gratuito), con Tiziana Masi, scritto da Andrea Guolo e diretto da Maurizio Cardillo, prodotto da La Piccionaia I Carrara. Lo spettacolo è realizzato grazie al contributo della Regione Veneto. L’iniziativa è promossa dall’Osservatorio anticontraffazione della Camera di Commercio di Firenze in collaborazione con il Comune di Scandicci.

“Tutto quello che sto per dirvi è falso è un progetto teatrale che semina cultura della legalità”  scrivono gli ideatori dello spettacolo “che parte da un confronto con un pubblico consapevole per trasmettere il senso del Made in Italy non solo nell’ottica economica o in termini di valorizzazione del brand, ma anche come scelta di campo per difendere il valore della comunità, la salute, la sicurezza dei consumatori. Parte dunque dal fenomeno contraffazione come problema sociale, prima ancora che economico. Il progetto – che dà evidenza a un fenomeno sul quale oggi serve un contrasto forte e condiviso con azioni diversificate di sensibilizzazione sociale – ha trovato la convergenza della Regione del Veneto, Assessorato all’Agricoltura e Tutela del Consumatore, del tavolo congiunto sistema moda Veneto (Confindustria, Confartigianato, CNA, Confesercenti), delle principali Associazioni dei consumatori del Veneto e di soggetti impegnati statutariamente nella lotta alla contraffazione”.

Per info:  Segreteria organizzativa 055.2750422 –  promozione@ fi.camcom.it  o   http://www.tuttofalso.org

In che modo posso utilizzare per migliorare l’insegnamento e l’apprendimento nella mia scuola con i fondi Erasmus+? Quali opportunità di sviluppo professionale possiamo offrire ai nostri insegnanti per mezzo di Erasmus+? In che modo Erasmus+ può aiutare la mia scuola a migliorare il proprio profilo e connettersi con gli stakeholders?

Le risposte a queste e a molte altre domande si trovano nella nuova guida del Programma Erasmus+ per i dirigenti scolastici. La guida è progettata per i dirigenti scolastici (presidi, team leader, coordinatori, ecc.) che vogliono scoprire cosa ha da offrire il programma Erasmus+ nel campo dell’istruzione pre-primaria, primaria e secondaria.

La prima sezione della guida delinea i vantaggi che possono derivare alle scuole dal candidarsi a Erasmus+ e esamina le opportunità disponibili all’interno del programma, cioè la mobilità del personale e i partenariati strategici. Questa sezione esplora anche i vantaggi del collegarsi con altre scuole online attraverso eTwinning.

La seconda sezione fornisce consigli passo-passo per lo sviluppo di una candidatura Erasmus+ corretta ed efficace, per trovare i giusti partner europei e trarre spunto dall’esperienza delle diverse scuole. Questa sezione offre anche esempi di progetti reali per ispirare i dirigenti scolastici, generare idee e mostrare ciò che può essere realizzato attraverso Erasmus+.

La guida è disponibile qui online in inglese  e sarà presto disponibile anche in francese, tedesco, italiano, polacco e spagnolo.

Fonte: http://www.schooleducationgateway.eu

Scandicci, città del futuro.  La Facoltà di Scienze della Formazione dell’Ateneo di Firenze, in collaborazione con l’Assessorato alla Pubblica Istruzione e il suo Centro Risorse Educative e Didattiche ha avviato un’indagine sul territorio rispetto al contributo che la Libera Università di Scandicci può dare a una città in trasformazione, orientata a uno sviluppo sostenibile e inclusivo, alla cittadinanza attiva e alla realizzazione delle aspirazioni dei cittadini. L’intento è di raccogliere le opinioni e i commenti dei partecipanti ai corsi, ai collaboratori al progetto, sul percorso formativo svolto, sul ruolo che l’apprendimento ricopre all’interno della loro vita e della comunità ma anche per esprimere la propria personale visione della città del futuro.
Una “città che apprende” è fondata sull’ideazione di servizi innovativi, sull’applicazione delle nuove tecnologie a servizio del cittadino e orientata sempre più alla sostenibilità ambientale, alla creazione di opportunità lavorative, alla coesione sociale. Città nelle quali si dà importanza alla qualità della vita, in cui dunque l’educazione e l’apprendimento possono promuovere il benessere delle persone, e di un’intera comunità, nel corso della loro intera esistenza.

Scandicci è stata scelta come oggetto d’indagine perchè è una città vocata alla contemporaneità, molto attiva in ambito culturale, attenta ai nuovi linguaggi espressivi e promotrice di percorsi formativi aperti e specifici per tutte le fasce d’età. Scandicci si caratterizza per molteplici attività legate alla musica (“Progetto Live”,  Scuola Comunale di Musica) al teatro (Teatro Studio “Mila Pieralli”, Aurora di Sera), alla lettura (Biblioteca, progetto “Libernauta”, progetto “Il libro della vita”, progetto “Nati per leggere”), alla formazione continua (corsi formativi “Libera Università”), solo per citarne alcune, e per l’alto tasso di partecipazione alle iniziative proposte da parte della cittadinanza.
Se sei entrato in contatto con una di queste attività negli ultimi cinque anni esprimi la tua opinione, compila il questionario, attraverso questo  link

oppure vieni a trovarci in occasione della Fiera, dal 3 al 11 Ottobre a Gingerzone alla
Mostra fotografica del laboratorio itinerante di scrittura giornalistica e fotografia della Libera Università di Scandicci dal titolo “La città che apprende”, a cura di Massimo D’Amato e Isabella Mancini.

Dal 3 all’11 Ottobre 2015
Gingerzone (piazza del Mercato)
Inaugurazione Sabato 3 Ottobre ore 18

Orari di apertura:
Sabato dalle 15 alle 23
Domenica e Giovedì dalle 11 alle 23
Lunedì, Martedì, Mercoledì e Venerdì dalle 17 alle 23

Info, in orario d’ufficio: Tel. 055.7591596
email: segreteria @ scandiccicultura.it
Blog del progetto scandicci.info