Warning: Illegal offset type in /web/htdocs/educard.scandiccicultura.eu/home/wp-includes/class-wp-widget-factory.php on line 57 sandro fallani | eduCARD
Home Etichette Articoli etichettati con "sandro fallani"

12 milioni e 473 mila euro stanziati nel 2016 in opere pubbliche, 4 milioni dei quali in edilizia scolastica (2 milioni sono per l’ampliamento della primaria Pettini in via della Pieve, che andrà a gara di appalto entro l’anno), 2 milioni per il piano “Una piazza per ogni quartiere” e 900 mila euro per la manutenzione straordinaria di strade e marciapiedi, oltre ad interventi diffusi in tutto il territorio.
“Al tempo stesso manteniamo gli standard elevati per i servizi educativi e scolastici, per il sociale, per la cultura, con uno stanziamento complessivo di 14.104.485,90 euro per quest’anno – dice il Sindaco Sandro Fallani – con il mantenimento dei fondi anticrisi, per l’autosufficienza, per il rimborso Tari alle famiglie numerose o alle giovani coppie con reddito Isee sotto ai 31 mila euro. Per quanto riguarda la fiscalità locale le famiglie avranno un risparmio complessivo di 2 milioni e 890 mila euro con l’abolizione della tassa sulla prima casa e avranno Imu e addizionale Irpef invariata. L’unico aumento riguarda la Tari, con un incremento medio dell’8,93% dovuto interamente al ‘Fondo crediti di dubbia esigibilità’, una previsione di legge sul calcolo della quale, purtroppo, non c’è alcuna possibile discrezionalità da parte del Comune”.
Stanziamenti e fiscalità locale sono contenuti nel Bilancio Comunale 2016, approvato dal Consiglio Comunale il 30 maggio con i voti favorevoli di Pd e Fare Comune e quelli contrari di M5S, Forza Italia e Alleanza per Scandicci-Ncd-Fdl.

“Con il Bilancio 2016 torna all’interno dell’Amministrazione Comunale la gestione di Scandicci Cultura – spiega l’assessore al Bilancio e Vicesindaco Andrea Giorgi – e proprio sulla Cultura il Comune continua a investire senza alcun allentamento: lo stanziamento per il 2016 è di 1 milione 344 mila e 231 euro, consideriamo che dal consuntivo del 2015 è emerso che lo scorso anno abbiamo impiegato in cultura 1.119.288 euro, e due anni fa 1.063.976 euro”. Lo stanziamento per il sociale relativo al 2016 è di 6 milioni 311 mila 856 euro, quello per i settori educativo e scolastico 6 milioni e 448 mila 397 euro. Per le voci relative alla sicurezza in città il Bilancio 2016 fissa 2.078.638,98 euro.

Per quanto riguarda le opere pubbliche, per l’edilizia scolastica oltre all’ampliamento della Pettini sono fissati 300 mila euro per la riqualificazione della copertura della scuola Gabbrielli di Vingone, 361 mila euro per la copertura della media Rodari, 100 mila per il tetto della materna Ilaria Alpi di San Giusto, così come la stessa cifra è stata stanziata per il tetto della Italo Calvino a Casellina; un milione di euro è stanziato per il proseguimento dell’iter che consentirà di andare nei prossimi mesi a concludere la progettazione dell’ampliamento dell’elementare Toti a San Vincenzo a Torri.

Per il piano “Una piazza per ogni quartiere”, 600 mila euro sono stanziati per piazza Cavour a San Giusto, 400 mila euro per largo San Zanobi a Vingone, 340 mila euro per largo Spontini a Casellina, 133 mila euro per la piazzetta di San Martino alla Palma, 240 mila euro per piazza Vezzosi a San Vincenzo a Torri.

Per quanto riguarda la viabilità, per l’assetto definitivo delle rotatorie in via 78esimo Reggimento Lupi di Toscana lo stanziamento è di 466 mila euro, per la messa in sicurezza della strettoia di via Ponte a Greve il fondo stanziato è di 120 mila euro.

“Poniamo particolare attenzione anche agli impianti sportivi – dice il Vicesindaco Giorgi – con 350 mila euro per un intervento che riguarda anche l’impianto antincendio alla Scuola del Fiume alla Socet, 135 mila euro per la sostituzione della centrale termica nell’area Turri, 65 mila euro per la pista di atletica alla scuola Spinelli e 150 mila euro per il bocciodromo. Da sottolineare che proseguiamo nel piano di abbattimento delle barriere architettoniche, con un ulteriore stanziamento di 100 mila euro”.

Nel piano delle opere sono fissati anche i 140 mila euro per la progettazione del prolungamento della tramvia a Casellina e Pontignale.

Torna l’appuntamento di presentazione pubblica del progetto di educazione alla cittadinanza attiva a cura degli studenti dell’Istituto Superiore B.Russell-I.Newton e della Scuola Secondaria di I° grado “Gianni Rodari”, in occasione del  71° anniversario della Liberazione.
L’incontro si tiene Venerdì 22 Aprile presso la Sala del Consiglio Comunale “O.Barbieri” dalle ore 17.30 alle 20, alla presenza del Sindaco, Sandro Fallani, e del Presidente del Consiglio Comunale, Daniele Lanini,  con la partecipazione speciale della senatrice Laura Cantini.

E’ ormai il quarto anno consecutivo di lavoro in cui le classi coinvolte nel progetto (4 dell’istituto tecnico, 2 del liceo, 3 della scuola media, a rotazione)  sperimentano in un approccio trasversale e innovativo lo studio della Costituzione a scuola, a partire dalle loro ricerche e dai loro approfondimenti, svolti sia individualmente che in gruppo, in quella che oggi viene definita dal punto di vista metodologico, la classe ribaltata. Gli studenti sono coinvolti, infatti, in modo attivo e partecipativo. L’ attenzione del processo formativo è rivolta allo sviluppo dello spirito critico, all’analisi del linguaggio di un testo di legge e a stimolare una propria rielaborazione in gruppo, in modo creativo e originale.

Dalla Scuola all’Università viene richiesto oggi alle istituzioni di riconsideCostituzione pop uprare gli ambienti di apprendimento integrando gli approcci, personalizzare gli obiettivi e in ultima istanza di rinnovare il proprio ruolo in base alla capacità di una progettazione didattica comune.
In questo senso il progetto si pone come una sperimentazione  di avanguardia sui temi della cittadinanza condivisa all’interno del Piano dell’Offerta Formativa Territoriale, abbracciando quindi con metodologie diverse le varie fasce d’età. E’ questo il caso, per esempio, della Scuola Elementare XXV Aprile che nell’anno scolastico 2014/2015 ha riscritto il testo della Costituzione in un’edizione unica fatta a mano sotto forma di libro Pop Up, ad uso dei più piccoli, adesso custodita nel Palazzo Comunale. (Nella foto i ragazzi della V elementare al momento della consegna ufficiale all’Assessore alla Pubblica Istruzione Diye Ndiaye).

Ogni anno viene scelto di approfondire il pensiero costituente con gli occhi dei ragazzi attraverso l’analisi del punto di vista di uno dei protagonisti, calandosi nella storia, nel contesto socio economico dell’epoca e nel vissuto personale dei padri fondatori, da Calamandrei a La Pira, da Altiero Spinelli a Sandro Pertini.

L’iniziativa, con il patrocinio deMADRIll’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Scandicci, mette al centro questo anno le figure de Le Madri Costituenti, come  Bianca Bianchi, Nilde Iotti, Teresa Mattei, Livia Merlin, Teresa Noce Longo, in occasione del 70° anniversario del Referendum e della concessione del diritto di voto alle donne. 

Un’occasione preziosa che ci guiderà a riflettere sui temi dell’uguaglianza, del ruolo delle donne nella Costituzione, del rispetto dei diritti e dei valori a cui si ispira il testo fondamendale e su cui si basa la nostra convivenza, un’occasione in cui ci viene offerta inoltre la possibilità di ribaltare i nostri punti di vista: per una volta, sono, infatti, i ragazzi a darci una lezione di democrazia, mentre gli adulti e gli insegnanti sono chiamati ad ascoltare. (Professori Referenti del progetto c/o Istituto Superiore Russell Newton:  Enrica Lanfredi, Sergio Berardi, Donatella Scopa,  Gabriele Becheri,  Alessandra Fusco e Gianfrancesco Perra. Per la Scuola Rodari la Prof. Piera Pesci).

La cittadinanza è invitata.
Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Info: Comune di Scandicci – Tel.055.7591458-459
Scarica il Programma 2016 degli eventi in occasione dell’Anniversario della Liberazione a Scandicci

Il profumo della legalità a Scandicci ha da 5 anni il sapore dolce delle arance coltivate al sole della Sicilia, su quei terreni faticosamente strappati ai clan mafiosi e fatti rifiorire grazie all’impegno e al duro lavoro dei ragazzi della cooperativa Beppe Montana e alla tenacia di Alfio Curcio.

Il colore della legalità a Scandicci è quello dei seimila chili di arance distribuite sabato in piazza Resistenza alle famiglie, ai ragazzi delle scuole dei tre comprensivi e a tutti quei cittadini che anche solo per curiosità hanno comprato per la prima volta un sacchetto di arance o un vasetto di marmellata.

La voce della legalità a Scandicci è stata quella delle tremila persone, grandi e piccini, che domenica in un grande abbraccio, hanno corso contro le mafie, indossando una maglia che ormai è diventata il simbolo di questa bellissima manifestazione, la maglia della Legalità.

Il weekend della legalità ha risvolti positivi diretti sulle scuole di Scandicci perché la vendita delle arance e delle magliette per la passeggiata porta un aggio in euro non indifferente che per il nostro comprensivo quest’anno si è attestato sui mille euro circa (i conti precisi devono essere ancora fatti). Questi soldi, così come quelli raccolti in altre occasioni dall’Associazione Genitori, serviranno a finanziare progetti scolastici o extrascolastici o per acquistare materiale didattico.

Aver preso parte a questa bellissima manifestazione anche quest’anno è una cosa che da’ una grande soddisfazione e mi riempie di gioia. E’ bello vedere tanta gente in piazza, è bello condividere questi momenti ed è bello riflettere su quei valori, legalità, giustizia e partecipazione, che dovrebbero accompagnarci ogni giorno e che siamo chiamati a trasmettere ai nostri bambini, anche con il piccolo, simbolico gesto di acquistare un sacchetto di arance coltivate sui terreni confiscati alla criminalità organizzata.

Se riflettiamo poi sul nome che il nostro Comprensivo Scolastico porta, il weekend della legalità assume un valore ancora più importante.
Rossella Casini

Rossella Casini era una ragazza di 25 anni, studentessa di psicologia a Firenze che 35 anni fa è “scomparsa” perché ha osato sfidare l’omertà delle ‘ndrine calabresi e della famiglia del ragazzo di cui si era innamorata. Per la sua scomparsa nessun colpevole è stato trovato.
Come lei, tante altre persone hanno pagato con la vita il loro amore per la libertà e la giustizia. Queste persone, le persone come Rossella Casini non andrebbero mai dimenticate.

E’ bello quindi sapere che ieri, lunedì 22 febbraio, a 35 anni dalla sua “scomparsa” il Comune di Firenze e l’Associazione Libera, hanno posto una targa commemorativa in memoria di Rossella sulla facciata della casa dove lei abitava, in Borgo la Croce 3. Per non dimenticare.

Far parte di un Comprensivo Scolastico che porta il nome di Rossella e che pone alla base dell’insegnamento la cultura della legalità, della pace e del rispetto e che saprà trasmettere questi valori anche ai miei figli mi riempie di orgoglio.

Grazie a tutti, Siro.

Nella quinta edizione di Vitamine per la Scuola Scandicci segna il primato delle arance vendute, con 8933 kg di agrumi provenienti dai terreni in Sicilia confiscati alla mafia e coltivati dalla cooperativa sociale Beppe Montana. L’incasso complessivo è stato di 13.475 euro, 2500 circa dei quali vanno come aggio a favore delle scuole cittadine, ovvero agli Istituti Russell-Newton e Sassetti-Peruzzi e ai Comitati genitori dei tre comprensivi, per finanziare le attività progettuali all’interno dei diversi istituti.
La vendita delle arance ha coinvolto le scuole dei tre istituti comprensivi, il nido Bianconiglio, le scuole Turri e Ciari, le superiori Russell Newton e Sassetti Peruzzi, la Cooperativa di Legnaia, le proloco della Piana di Settimo e delle Colline di Scandicci, l’associazione Il Labirinto che gestisce il Parco di Poggio Valicaia, l’associazione Il Ponte che organizza la Mezza Maratona e la passeggiata della legalità “Di corsa contro le mafie”, le associazioni cittadine del Social Party, i dipendenti del Comune di Scandicci e di Gucci; 500 chili sono stati serviti come frutta nelle mense scolastiche lunedì 1 febbraio.

L’iniziativa Vitamine per la scuola rientra nel programma Libera la tua terra – percorsi di cittadinanza attiva e di educazione alla legalità; le arance saranno consegnate Sabato 20 febbraio 2016 – il giorno prima della Mezza Maratona – presso “Il villaggio della legalità” che sarà allestito in piazza della Resistenza a Scandicci (fermata tramvia Resistenza) dalle 10 alle 13 (fatta eccezione per gli ordini delle scuole superiori, che seguono diversa modalità di consegna).

Così come la vendita, anche la raccolta delle arance di Vitamine per la scuola ha visto il coinvolgimento della città: 18 volontari, tra cittadini a titolo personale o appartenenti ad associazioni, e rappresentanti delle istituzioni tra i quali il Sindaco Sandro Fallani e l’assessore Fiorello Toscano, si sono recati in Sicilia a proprie spese, nei terreni della cooperativa sociale Beppe Montana; fondata il 23 giugno 2010, la cooperativa gestisce circa 90 ettari di terreni agricoli coltivati prevalentemente ad agrumeti, oltre a diversi filari di ulivi e una parte di seminativo, provenienti da confische nei Comuni di Lentini (appartenuti al clan Nardo) di Belpasso e Ramacca (appartenuti al clan Riela).

La cooperativa sociale Beppe Montana ha come obiettivo l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate, creando opportunità occupazionali e ispirandosi ai principi della solidarietà e della legalità. Il metodo di coltivazione scelto sin dall’inizio è quello biologico e le produzioni sono tutte artigianali, per garantire la qualità dei prodotti. Le arance sono del tipo tarocco e moro, consegnate entro tre giorni dalla raccolta.

La quinta edizione di Vitamine per la scuola è organizzata, oltre che dal Comune di Scandicci e da Libera, dai comitati di genitori dei tre Istituti comprensivi e dagli Istituti superiori Russell Newton e Sassetti Peruzzi. (M.G.)

Per informazioni:
Comune di Scandicci
www.comune.scandicci.fi.it
Assessorato alla Pubblica Istruzione
Tel. 055.7591351

La Mezza Maratona “Di corsa contro le mafie” di domenica 21 febbraio, le arance di “Vitamine per la scuola” coltivate dalla cooperativa Beppe Montana in Sicilia sui terreni confiscati alla mafia (in vendita per finanziare le attività delle scuole), le magliette della legalità vendute al mercato dalle associazioni cittadine del Social Party nei sabati 6 e 13 febbraio, e poi incontri, spettacoli e iniziative per le scuole.
Sono questi gli eventi in programma per la quinta edizione di “Libera la tua terra – Percorsi di cittadinanza attiva e di educazione alla legalità”, organizzato dal Comune di Scandicci, da Scandicci Cultura, Libera, Social Party, Alta Scuola di Pelletteria Italiana e Asd Podistica Il Ponte.
“Dal 2012 Scandicci è impegnata sulla promozione della cultura della legalità con il progetto Libera la tua terra, realizzato insieme alle scuole cittadine di ogni ordine e grado, il mondo associativo e quello imprenditoriale”, dice il Sindaco Sandro Fallani.

Il progetto, sostenuto dall’Alta Scuola di Pelletteria Italiana che dona al Comune le magliette della legalità, e organizzato in collaborazione con l’associazione Libera, nomi e numeri contro le mafie prevede un ricco calendario di incontri culturali, attività didattiche e manifestazioni sportive che negli anni hanno coinvolto oltre 12000 partecipanti e portato all’acquisto di circa 28000 kg di arance biologiche provenienti dalla cooperativa Libera Terra Beppe Montana, che dal 2012 coltiva terreni confiscati alla mafia in Sicilia.

“Scandicci ritrova dunque il senso dell’impegno etico e civile in questo grande acquisto collettivo di arance”, continua il Sindaco, “un gesto simbolico e concreto che riunisce aspetti fondamentali della nostra società: una sana alimentazione, una sana imprenditoria, il valore sociale della donazione alle scuole cittadine, che ricavano fondi per le attività progettuali legate ai comitati genitori. Invito tutti, dunque, a partecipare a questo grande progetto e alle sue iniziative: corriamo, camminiamo, andiamo al cinema e in auditorium, compriamo le arance ma soprattutto sosteniamo con azioni concrete i valori della legalità”.

Questo il programma completo delle iniziative di Libera la tua terra.

Sabato 30 gennaio “Mettiamoci in gioco… ma non azzardiamo!” dalle 9,30 alle 12 a Villa Vogel, via delle Torri 23 a Firenze, organizzato dal Comune di Scandicci e dal Quartiere 4 del Comune di Firenze, un convegno sul gioco d’azzardo nell’ambito della campagna di contrasto alla ludopatia; alle 14,30, in piazza della Resistenza, l’iscrizione e la registrazione alla caccia al tesoro lungo l’asse della tramvia.

Sabato 6 e 13 febbraio dalle 10 alle 17 la vendita delle magliette della legalità al mercato settimanale in piazza Togliatti (stand delle associazioni del Social party).

Lunedì 8 febbraio alle 21,30 al Cinema Cabiria (piazza Piave) la Trattativa di Sabina Guzzanti a cura degli Amici del Cabiria in collaborazione con Fondazione Caponnetto. Ingresso soci Amici del Cabiria 3 euro (possibilità di tesserarsi la sera stessa).

Lunedì 15 febbraio alle 21,30 al Cinema Cabiria (piazza Piave) Anime nere di Francesco Munzi, a cura degli Amici del Cabiria in collaborazione con l’associazione Libera. Ingresso soci Amici del Cabiria 3 euro (possibilità di tesserarsi la sera stessa).

Sabato 20 febbraio dalle 10 alle 13 in piazza Resistenza per “Vitamine per la scuola”, la vendita e la consegna delle confezioni di arance preacquistate dagli studenti e dai cittadini; dalle 10 alle 19 il ritiro del pettorale e del pacco gara per gli atleti già iscritti alla Mezza Maratona (stand delle associazioni e delle scuole del territorio, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19).

Domenica 21 febbraio alle 9,30 in piazza della Resistenza la Passeggiata della legalità e la Mezza Maratona Città di Scandicci “Di corsa contro le mafie” a sostegno delle attività economiche sui terreni confiscati alle mafie. Sono organizzate la passeggiata (5 km), la gara podistica (21,097 km), la corsa non competitiva (11 km), la mini run (1 km) e il walking (5 km, guidato dalla campionessa mondiale Milena Megli).

Info e iscrizioni gara agonistica, minirun e walking:
Podistica Il Ponte 3287052869 www.mezzamaratonascandicci.it ; iscrizione alla passeggiata e maglietta 8 euro; punti di iscrizione e acquisto maglietta: mercato di Scandicci, piazza Togliatti, sabato 6 e 13 febbraio presso il banco Social party; Comune di Scandicci, piazza Resistenza 1, Assessorato alle Politiche sociali, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13, martedì e giovedì dalle 15 alle 18; piazza Resistenza, Villaggio della Legalità sabato 20 e domenica 21 febbraio, dalle 10 alle 13.

Martedì 23 febbraio dalle 21,15 al Teatro Aurora di Scandicci, per AuroradiSera, Pamela Villoresi e Claudio Casadio ne “Il mondo non mi deve nulla”, noir veloce e raffinato di Massimo Carlotto.

Domenica 3 aprile alle 11 all’Auditorium, del centro Rogers in piazza della Resistenza, per la rassegna Il libro della vita Ettore Squillace Greco parla de La Costituzione Italiana , con la consegna del libro sulla Costituzione da parte dei docenti e degli alunni della Scuola xxv Aprile al Sindaco.

A giugno sarà infine organizzata la mostra conclusiva delle scuole con l’esposizione dei lavori sulla legalità.

All’interno delle manifestazioni inerenti la Festa della Toscana 2015, l’Istituto Statale “Russell-Newton”, in collaborazione con il Comune di Scandicci, il Provveditorato Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria per la Toscana e il Ministero dell’Istruzione e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana, invita la cittadinanza al convegno
“Dall’abolizione della pena di morte al riformismo penitenziario”.

Giovedì 21 Gennaio 2016 dalle 9, all’Auditorium I.S.I.S.T.L. “Russell-Newton” (Scandicci, via Fabrizio De Andrè, 6) dopo i saluti delle autorità, il Presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani introdurrà il tema della pena di morte e della sua abolizione.

Seguiranno gli interventi di Pietro Costa e Renato Pasta, dell’Università degli studi di Firenze, Emilio Santoro, dell’Università degli studi di Firenze, Carmelo Cantone di Prap Toscana, e del Presidente dell’Ufficio del Garante Nazionale per la tutela dei diritti dei detenuti Mauro Palma, che parleranno, invece, del riformismo penitenziario in corso d’opera e del senso attuale della pena.

A chiudere la mattinata saranno Carmelo Cantone e i rappresentanti del gruppo regionale dei progetti “Attività formative nelle carceri toscane” e “Tra le Righe”.

Ecco il programma completo:

9.00 – 9.15  Saluti
Dirigente Scolastico, Prof. Roberto Curtolo
Sindaco di Scandicci, Dott. Sandro Fallani
Direttore Generale USR Toscana, Dott. Domenico Petruzzo
9.15 Introduzione
Avv. Eugenio Giani, Presidente del Consiglio regionale
9.30 La pena di morte tra ieri e oggi
Prof . Pietro Costa (Università degli Studi di Firenze)
Prof. Renato Pasta (Università degli Studi di Firenze)
10.30 Il riformismo penitenziario in corso d’opera e il senso attuale della pena.
Prof. Emilio Santoro (Università degli Studi di Firenze)
Dott. Carmelo Cantone (Provveditore regionale dell’Amministrazione penitenziaria)
Dott. Mauro Palma, Presidente dell’Ufficio del Garante Nazionale
per la tutela dei diritti dei detenuti
11.30 Il progetto “Tra le righe” finanziato dalla Regione Toscana
Assessore regionale all’Istruzione Dott.ssa Cristina Grieco
Dirigente regionale settore istruzione Dott.ssa Maria Chiara Montomoli
12.00 Attività formative nelle carceri toscane e il progetto “Tra le Righe”
Rappresentanti Gruppo regionale progetto
12.30 – 13.30 Forum studenti e docenti coordinato dalla Prof.ssa Paola Nobili

Info: Ist. B.Russell – I.Newton
tel. 055.7301250/54 /55
Via Fabrizio De André, 6
50018 – Scandicci – FI

Scarica il Programma del Convegno 21 Gennaio 2016

 

La Scuola di Musica di Scandicci si è inaugurata il nuovo anno scolastico presso la nuova sede di Via del Padule 34. Il Comune di Scandicci ha infatti affidato tramite bando dello scorso giugno la gestione di un Centro di Promozione della Musica presso l’ex scuola “Anna Frank” (tutto il piano terra e due vani del piano superiore) all’Accademia Musicale di Firenze, che già da 11 anni gestisce la Scuola di Musica di Scandicci. La prospettiva nel tempo è di costruire un vero e proprio polo metropolitano della musica e della cultura, di rilievo nazionale e respiro internazionale, che possa coinvolgere tutta la cittadinanza e in particolare le nuove generazioni, sia attraverso spazi didattici innovativi che iniziative ed eventi di natura multidisciplinare.

 

Per informazioni: +39 055755499 (lun. ore 9.30-16 mar. -ven. ore 15-20)

Il viaggio-studio agli ex campi di sterminio nazisti si è svolto dal 7 all’11 maggio 2015 e vi hanno partecipato varie scuole di Firenze, Sesto Fiorentino e di Scandicci.
Prima tappa Monaco. Abbiamo poi proseguito il mattino successivo per Dachau, dove abbiamo avuto
il nostro primo contatto con un campo di concentramento. La visita ha suscitato sentimenti fortemente contrastanti: da una parte l’immedesimazione in quello che è stato un luogo di grande dolore e sofferenza e contemporaneamente, dall’altra, il ritrovarsi in un posto tanto ordinato e perfetto, da creare quasi una sensazione di estraniamento e di distacco dalla storia terribile di quelle stesse strutture (sentimento provato e manifestato sia dagli adulti che dai ragazzi).
Alla fine della visita abbiamo continuato il viaggio per Salisburgo e il giorno dopo abbiamo visitato Ebensee, il Castello di Hartheim e il campo di Mauthausen.
Completamente diverse le emozioni vissute in questi luoghi rispetto al giorno precedente.
Ad Ebensee la visita del sito, ma soprattutto l’incontro con alcuni sopravvissuti, ha riempito gli occhi di lacrime e il cuore di sincera commozione. La stessa cosa è accaduta al castello di Hartheim in ragione di quella che è stata la sua funzione e per ciò, che vi è stato commesso: esperimenti indicibili su donne e handicappati. Il quarto giorno siamo ritornati al campo di Mauthausen, con una breve sosta, con intensa e suggestiva cerimonia, al forno crematorio di Gusen. Anche questo luogo ha creato in tutti noi sconcerto ed emozione in quanto questo monumento fortemente significativo è oggi situato al centro di palazzi e case moderne in una relazione quasi surreale. L’ultimo giorno abbiamo visitato la Risiera di San Sabba a Trieste e in questa occasione, durante la cerimonia conclusiva, alla quale era presente anche il Sindaco Sandro Fallani, Sara Masserani ha letto un suo componimento ricco di profonde riflessioni e commoventi suggestioni, per poi tornare a Firenze in serata.

In ogni luogo visitato ci sono state toccanti manifestazioni commemorative, ma nel campo di Mauthausen si ė svolta quella maggiormente più imponente, straordinaria e coinvolgente di tutto il pellegrinaggio. Si celebrava il 70° anniversario della Liberazione. Delegazioni di tanti paesi, sopravvissuti o parenti dei sopravvissuti da tutto il mondo uniti in una unica sfilata, carica di significato in una intensa e sentita partecipazione collettiva.
La sfilata si è conclusa davanti ad un monumento alla memoria e tutte le voci dei partecipanti della delegazione Toscana si sono unite al canto sulle note della canzone “Bella ciao”.
E’ stato un viaggio dentro la storia e dentro di noi. Nessuno, sono sicura, è tornato a casa uguale a come era partito. La visita in questi luoghi di memoria e dolore trasforma intimamente: toccare da vicino e vedere con i propri occhi ciò che si pensava di sapere o che si è studiato con ordinaria attenzione è un’esperienza che segna profondamente.

Grande merito all’Associazione ANED e ai volontari che si impegnano con passione e dedizione in questa iniziativa. Nel nostro Bus c’erano Laura Piccioli, Riccardo Pierini e Raffaele Palumbo. Per il Comune di Scandicci la prof.ssa Barbara Trevisan, Daniele Lanini e Laura Landi. Tutte queste persone hanno dato un enorme contributo ed apporto alla comprensione di quello che è stato.
In particolare Laura Piccioli, giovane nipote di un ex deportato, ha trasmesso anche a noi la passione ed il suo attivo impegno di testimonianza di questi tragici avvenimenti. Compito che abbiamo assolto raccontando a tutti gli studenti delle classi  terze delle scuole di Scandicci le esperienze, i riferimenti storici e le immagini vissute in questo pellegrinaggio, per contribuire a non dimenticare ma anzi per aiutare a ricordare. A questo proposito sarebbe auspicabile che a questo viaggio potessero partecipare un maggior numero di studenti affinché possa aumentare la speranza nella realizzazione di un mondo migliore.

Prof.ssa Silvana Somma

Nuova sistemazione entro il prossimo autunno per il giardino della scuola d’infanzia di San Colombano “Rita Levi Montalcini”. La Giunta ha approvato in via definitiva il progetto esecutivo dell’intervento, al quale seguirà nelle prossime settimane la gara d’appalto per poter procedere con l’inizio dei lavori a settembre. L’importo stanziato per l’opera è di 59.833,95. “E’ un intervento per migliorare la qualità dello spazio a verde e l’agibilità del giardino della scuola – dice il Vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici Andrea Giorgi – è anche l’occasione per rimuovere alcuni inerti presenti nel terreno come concordato con i genitori, ma è importante sottolineare che dalle verifiche e dalle successive analisi, è emerso che non c’è alcuna presenza di rifiuti pericolosi”.

Lo scorso dicembre un gruppo di genitori della scuola d’infanzia Levi Montalcini segnalarono la preoccupazione che le terre del giardino fossero contaminate dalla presenza di cemento amianto. L’Amministrazione Comunale, a titolo puramente cautelativo e nonostante non avesse mai trovato materiali pericolosi durante i precedenti lavori di ristrutturazione della scuola e di manutenzione del giardino (terminati nel 2005), nel corso delle vacanze natalizie effettuò saggi di indagine del terreno in profondità, utilizzando un escavatore. Durante questa verifica è stata accertata la presenza di terreno vegetale nella maggior parte del giardino della scuola “e che solo una parte molto residuale lungo il confine ovest della scuola – come si legge in delibera – è risultata essere interessata dalla presenza di terra frammista a materiali inerti (laterizi, cemento, mattonelle)”.
La caratterizzazione del materiale mediante analisi di laboratorio, eseguita dalla ditta Alpha Ecologica srl, non ha catalogato gli inerti come rifiuti pericolosi, consentendo la possibilità di procedere alla loro rimozione come rifiuti da demolizione. L’Amministrazione Comunale ha colto così l’occasione della rimozione degli inerti per procedere con il progetto “Sistemazione resede Scuola Rita Levi Montalcini – San Colombano: Lavori di sostituzione del terreno” redatto dal settore Opere pubbliche, manutenzione, Parchi e Ambiente del Comune di Scandicci.

La Giunta Comunale ha approvato un pacchetto di cinque progetti preliminari per altrettanti edifici scolastici del territorio, per un importo totale di 11.650.000 euro, sulla base dei quali parteciperà al bando per i finanziamenti statali nell’ambito del piano “La Buona Scuola”. Tra questi anche gli ampliamenti delle scuole Pettini e Toti. Nello specifico si tratta dei progetti di “Ampliamento e riqualificazione della scuola primaria Pettini” (Piana di Settimo), di “Ampliamento e riqualificazione tecnico funzionale della scuola primaria Enrico Toti” (San Vincenzo a Torri), di “Riqualificazione energetica e adeguamento prevenzione incendi della scuola media Rodari” con un intervento specifico sull’Auditorium, di “Adeguamento alle norme di sicurezza, antincendio ed efficientamento energetico del plesso scolastico Dino Campana” e di “Adeguamento alle norme di sicurezza, antincendio ed efficientamento energetico del plesso scolastico Gabbrielli” (Vingone). Il pacchetto di delibere è stato presentato dall’assessore ai Lavori Pubblici e Vicesindaco Andrea Giorgi.

“Priorità assoluta alla qualità e alla sicurezza degli edifici dove i nostri figli studiano e imparano, con un rinnovato impegno da parte dell’Amministrazione Comunale – dice il Sindaco Sandro Fallani – abbiamo redatto questo piano di interventi guardando nel complesso a tutte le scuole del territorio e individuando le priorità nei lavori, a partire dagli ampliamenti per la Toti e la Pettini e a seguire con l’adeguamento degli altri tre plessi scolastici. I nostri uffici tecnici hanno messo tutto l’impegno per definire il piano di edilizia scolastica in tempo e poter così partecipare al bando regionale, sulla base del quale saranno erogati i contributi statali”.

Il progetto per la scuola primaria Pettini di via della Pieve, con un importo totale di 5.088.400 euro (3,8 milioni per l’ampliamento), prevede la realizzazione ex novo di una struttura che ospiterà 14 nuove aule, per adeguare con una nuova sezione e con altri locali – attualmente ospitati in container esterni – il dimensionamento della scuola alle esigenze demografiche del quartiere della Piana di Settimo, anche a seguito dei nuovi insediamenti residenziali di Badia; il progetto fissa anche la ristrutturazione e l’adeguamento dell’edificio esistente per quanto riguarda il riordino interno, l’impiantistica, le finiture e la copertura.

Per la scuola Toti di San Vincenzo a Torri la Giunta ha approvato interventi per 1.793.000 euro, ovvero l’ampliamento su due piani con spazi per la mensa, un laboratorio informatico, un’aula speciale per la psicomotricità e uno spazio aperto in orario extrascolastico a tutti i cittadini, che diventerà il centro civico della frazione; oltre all’ampliamento il progetto prevede la manutenzione straordinaria dell’edificio esistente con interventi anche sulla copertura. Già la prossima estate la Toti sarà interessata da lavori di ampliamento delle fondazioni che il Comune ha già affidato.

Negli altri plessi scolastici interessati dal pacchetto di interventi approvati dalla Giunta Comunale i lavori riguardano la riqualificazione energetica degli edifici, un intervento specifico sull’Auditorium della scuole media Rodari, i rifacimenti degli impianti elettrici e l’adeguamento alle norme di sicurezza e antincendio, con la realizzazione della scala antincendio alla Gabbrielli. L’importo in delibera per i lavori alla media Rodari è di 1.397.500 euro, per la Dino Campana di 2.450.000 euro, per la Gabbrielli di 936.110 euro. (M.G.)