Home Etichette Articoli etichettati con "lifelong learning"

Dal 17 Ottobre ritorna a La Biblioteca di Scandicci il Circolo di Lettura – 3a edizione. Un appuntamento al mese per scambiare impressioni, suggestioni, emozioni sui libri, a partire da titoli scelti dai lettori.

Programma:

Lunedì 17 ottobre ore 17
Fredrik Backman “L’uomo che metteva in ordine il mondo”, Mondadori, 2016

L’esistenza imperfetta, caotica, ingiusta di Ove, il protagonista fissato per il rispetto delle regole, improvvisamente ha una svolta e la vita comincia a sembrargli non così male.

Lunedì 21 novembre ore 17
Albert Camus “Lo straniero”, Bompiani, 2015 – prima ed. 1942
Un classico della letteratura moderna: la storia di un delitto insensato, l’assurdità del vivere e l’indifferenza del mondo.

Lunedì 19 dicembre ore 17
Samuel Beckett “Aspettando Godot”, Einaudi, 1970 – prima ed. 1952
La più celebre opera teatrale di Beckett nonché uno dei testi più noti del teatro del Novecento, costruita intorno alla condizione esistenziale dell’attesa.

Lunedì 16 gennaio ore 17
Lydie Salvayre “Non piangere”, L’Asino d’oro, 2016
Riaffiorano nei ricordi del protagonista gli eventi dell’estate 1936 in Spagna, quando sta per scoppiare la guerra civile e accade l’impensabile.

Lunedì 20 febbraio ore 17
Kent Haruf “Benedizione”, NN editore, 2015
Kent Haruf affronta i temi delle relazioni umane e delle scelte morali estreme con delicatezza, senza mai alzare la voce, intrattenendo una conversazione intima con il lettore.

Lunedì 20 marzo ore 17
Lorenzo Renzi “Le conseguenze di un bacio”, Il Mulino, 2007
L’autore rilegge i versi danteschi della vicenda d’amore di Paolo e Francesca, ricostruendo la mutevole fortuna che nel tempo l’episodio ha avuto tra letteratura, teatro e arti figurative.

Lunedì 10 aprile ore 17
Clara Uson “La figlia”, Sellerio, 2013
La storia di Ana Mladic, figlia del generale Ratko, racconta la guerra in Bosnia Erzegovina, il capitolo più doloroso delle guerre balcaniche.

Lunedì 15 maggio ore 17
Jane Austen “Emma”, Einaudi, 2014 – prima ed. 1815
Jane Austen crea un’eroina ben consapevole della propria bellezza e intelligenza, presuntuosa e pungente, ma di uno spessore umano complesso e sfaccettato, capace d’incantare i lettori d’ogni epoca.

Il tè è gentilmente offerto dalla Pasticceria Aquila di Scandicci

eTwinning è la più grande community europea di insegnanti attivi nei gemellaggi elettronici tra scuole.

Nata nel 2005 su iniziativa della Commissione Europea e attualmente tra le azioni del Programma Erasmus+ 2014-2020, eTwinning si realizza attraverso una piattaforma informatica che coinvolge i docenti facendoli conoscere e collaborare in modo semplice, veloce e sicuro, sfruttando le potenzialità delle nuove Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (TIC) per favorire un’apertura alla dimensione comunitaria dell’istruzione e la creazione di un sentimento di cittadinanza europea condiviso nelle nuove generazioni.

L’ azione permette di aprirsi ad una nuova didattica basata sullo scambio e la collaborazione in un contesto multiculturale con numerose opportunità di formazione e un sistema di premi e riconoscimenti di livello internazionale.

Un progetto eTwinning può essere attivato tra almeno due insegnanti di scuole pubbliche o parificate, facenti parte di due o più Paesi tra quelli aderenti all’azione, è inoltre possibile creare un progetto di gemellaggio tra docenti dello stesso Paese (gemellaggi elettronici nazionali).

Partecipare ad eTwinning può significare anche coinvolgere tutta la scuola in un progetto inter-curriculare a vari livelli (insegnanti, alunni, dirigenti scolastici, bibliotecari, consulenti per l’orientamento, ecc.), per scambiare idee e metodologie in modo continuo, in team di docenti, sperimentando nuove forme di insegnamento in un contesto internazionale e multiculturale. Il progetto può essere inoltre parte integrante del Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF) dell’istituto, contribuendo a evidenziarne la partecipazione alle politiche europee di cooperazione.

Secondo i dati del primo semestre 2016 si registra un incremento costante dei docenti italiani presenti sulla piattaforma, che con 7.218 nuove registrazioni arrivano a un totale 39.923 (oltre il 10% degli oltre 390mila iscritti in tutta Europa). In media sono 3 gli insegnanti iscritti alla piattaforma in ciascun istituto.

In crescita anche il numero di nuovi progetti attivati: da gennaio 780 in più per un totale di 11.058 progetti dal 2005.
Il numero degli istituti scolastici è cresciuto di pari passo, con 1.277 nuove scuole coinvolte nei primi 6 mesi dell’anno, che sommati alle scuole già registrate raggiungono la quota di 12.342 istituti eTwinning. In questo modo la percentuale di penetrazione sul territorio italiano passa dal 23,2% al 28,8% (percentuale di scuole iscritte sul totale delle scuole presenti in Italia). In un caso su tre le Lingue Straniere sono la materia più scelta da insegnanti e alunni, una tendenza relativamente naturale nelle attività di gemellaggio fra Paesi diversi.

Per saperne di più, per iscriversi al portale e curiosare tra le buone pratiche, questo è il sito  http://etwinning.indire.it/

La Libera Università di Scandicci, giunta ormai alla sua ottava annualità, conferma anche questo anno un’ottima partecipazione: nell’ultima edizione conclusasi adesso a giugno, il numero di iscritti ha battuto tutti i record, giungendo a quota 592, con un incremento di 142 iscrizioni rispetto all’anno scorso. Sono stati realizzati 20 corsi sui 25 proposti in programma e 8 di questi sono stati replicati e prolungati per le numerose richieste pervenute durante l’anno. Tra le proposte che hanno riscosso maggior successo, oltre alla scrittura creativa con Enzo Fileno Carabba, i laboratori con Letizia Sgalambro e Leggere la Bibbia in Biblioteca a cura di Mariano Inghilesi che ogni anno fanno il tutto esaurito, questa edizione ha visto una massiccia partecipazione ai corsi dedicati alla storia di Firenze Capitale, all’Islam raccontato dalle donne, agli incontri divulgativi sulla salute, le visite alle Ville Medicee e alle dimore fiorentine. Un interesse particolare è stato riscontrato anche dal bellissimo laboratorio di libri fatti a mano a cura di Susanna Pellegrini, l’arte moderna con visita ai musei a cura dell’Associazione Regola d’Arte e dagli incontri Leggere la scuola, un ciclo dedicato a indagare il rapporto tra scuola e società, a partire dal dialogo privilegiato con autori di libri direttamente scelti dagli insegnanti attivi in città.
L’indice di gradimento da parte dei corsisti è molto alto, va da un minimo di 7,50 (su base 10) fino a un massimo di 9.82 per il corso più apprezzato, che è stato quello condotto da Roberto Pacini “Il piacere della lettura ad alta voce”. La media complessiva della valutazione di tutti i corsi è pari a 9,32, cosa che dimostra la buona qualità dei percorsi formativi e soprattutto la buona corrispondenza della programmazione rispetto agli interessi e alle richieste degli iscritti, con un catalogo dell’offerta formativa che si rinnova ogni anno.

Dai questionari di fine corsi emergono in effetti dei dati importanti: tra gli aspetti più rilevanti emerge che la netta maggioranza degli iscritti è donna, 514 persone, mentre gli uomini che frequentano le attività sono appena 78. Questo aspetto mette in evidenza una maggior curiosità da parte del mondo femminile verso le attività culturali, in ragione anche di una maggior disponibilità di tempo. Il dato riflette naturalmente la prevalenza percentuale del gentil sesso sugli uomini che aumenta con l’aumentare dell’età. Nonostante per iscriversi sia sufficiente essere maggiorenni, l’età media degli iscritti è infatti ancora molto alta. Dei 592 partecipanti la maggioranza si colloca nella fascia d’età lavorativa 25/65 anni (259 persone) mentre 208 dichiarano di avere più di 65 anni, un solo iscritto ha meno di 25 anni e 62 persone non indicano l’età. Un altro aspetto interessante è che la Libera Università si sta proiettando sempre di più nel contesto metropolitano cittadino: 383 iscritti provengono da Scandicci, ma sta aumentando l’adesione anche da fuori comune con 209 persone, in massima parte dal Quartiere 4 di Firenze, da Signa e Lastra a Signa, da Sesto Fiorentino fino alle colline di San Casciano e Montespertoli.

E alla domanda “come sei entrato in contatto con la Libera Università?” quasi due terzi dei partecipanti rispondono: grazie al passaparola, al contatto con un amico. Solo un terzo circa dice di averlo saputo dal sito web o dalla newsletter del Comune, elemento questo che corrisponde in generale alla media di alfabetizzazione digitale dei cittadini. Ma ciò che è più rilevante ai fini del progetto, oltre alla possibilità di ampliare le proprie conoscenze, è proprio il fatto che offre un contesto socievole per l’apprendimento e permette di stabilire nuove amicizie e nuove relazioni grazie ai corsi, che facilitano il contatto tra le persone sulla base di interessi comuni e anche tra generazioni diverse.
Il programma è curato dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Scandicci, insieme al Centro per l’Istruzione per gli Adulti di Firenze (CPIA), alle scuole del territorio e alle associazioni Auser Scandicci e Arco, che hanno sottoscritto un apposito protocollo di intesa per promuovere l’educazione agli adulti lungo tutto il corso della vita. Il programma del prossimo anno 2016/ 2017 sarà presentato a Settembre.

In questi giorni è possibile candidare le proposte per i nuovi corsi di formazione rispondendo all’avviso pubblicato sul sito del Comune entro il 16 luglio. Il bando è disponibile a questo link 

Il giorno 8 giugno presso l’Auditorium della scuola “Rodari” gli studenti che hanno partecipato al Progetto Erasmus plus, alla presenza del sindaco Sandro Fallani e dell’assessore alla pubblica istruzione Dye Ndiaye, presenteranno agli alunni delle classi seconde il percorso da loro svolto in questo anno scolastico.
Le insegnanti coinvolte questo anno nella mobilità sono state le Prof.sse Nicolina Cesare, Alessandra Cappelli, Renata Loro  e  Antonella Montecchi  sotto la dirigenza della Prof.ssa Laura Innocenti.

Il progetto F.L.Y. (acronimo di Future Lies In You) è stato ideato dal Gymnazium 11 della città di Lublino in Polonia e si colloca nell’ambito dell’azione KA1 – partenariati tra scuole – del progetto Erasmus plus finanziato dall’Unione Europea.
L’Istituto Comprensivo “Rossella Casini” con la scuola secondaria di primo grado “Rodari” è uno dei partner insieme ad altre 6 scuole di altri 5 paesi europei: Romania, Germania, Turchia, Finlandia e Polonia a cui si aggiunge il liceo scientifico “Galilei” di Palermo, seconda scuola italiana partecipante.
Il progetto F.L.Y. ha una durata triennale e prevede tre incontri per ogni anno scolastico: il primo è riservato ai docenti referenti e si svolge in tre giorni, durante i quali gli insegnanti discutono i dettagli del progetto, quali l’organizzazione delle mobilità degli studenti, i criteri di selezione degli stessi e i metodi di valutazione del progetto. Il secondo e il terzo incontro vedono la partecipazione attiva degli studenti alle attività previste nella scuola ospitante.

Questo anno la prima mobilità si è svolta presso il liceo scientifico “Galilei” di Palermo e la seconda nella scuola di Liperi in Finlandia. Il titolo originale del progetto è “Early support of students potentially unemployed after completing school education” (Sostegno precoce a studenti potenzialmente disoccupati dopo aver completato il percorso educativo obbligatorio).
Esso si propone di offrire un valido supporto a quegli studenti considerati a rischio disoccupazione o abbandono scolastico a causa di scelte di studio sbagliate o anche per mancanza di una adeguata preparazione o motivazione, nonché di un valido supporto da parte delle famiglie.

Il progetto offre dunque a questi studenti, selezionati all’inizio di ogni anno scolastico, l’occasione unica di venire a conoscenza delle varie possibilità educative offerte dal contatto con realtà locali, regionali ed europee presenti nel mercato del lavoro, ma anche di incontrare persone che hanno avuto successo grazie alla loro intraprendenza, alla flessibilità e alla disponibilità a spostarsi.
Durante questo primo anno di attività i nostri ragazzi hanno visitato alcuni laboratori artigianali di falegnameria e pelletteria, oltre che un oleificio e un salumificio, toccando così con mano in questi settori specifici dell’economia toscana, quelle che sono le competenze e i requisiti necessari per intraprendere una carriera lavorativa, che spesso altrimenti restano per loro concetti astratti difficili da comprendere.
Grazie a questo essi potranno perciò analizzare la propria personalità, i propri punti di forza e le proprie difficoltà e quindi di scegliere un percorso educativo a loro più congeniale.
In particolare viene data loro la possibilità di migliorare non solo le proprie competenze linguistiche, poiché il progetto si basa sull’uso della lingua inglese come mezzo di comunicazione tra gli studenti, ma anche attitudinali, attraverso il confronto con studenti di altri paesi e il contatto con ambienti e modi di vita diversi. Il prossimo anno scolastico inizierà con l’incontro di progettazione  a Scandicci che si sta quindi preparando ad ospitare i docenti delle scuole partner. A novembre, dopo aver selezionato il gruppo di studenti partecipanti, organizzeremo il loro viaggio in Romania per partecipare alle attività organizzate dal Liceul Teoretic Pancota di Pancota.

Vai ai commenti 466

La Libera Università di Scandicci si dà appuntamento in Biblioteca (Via Roma, 38/A) Lunedì 6 Giugno 2016  dalle 17 alle 19  per un pomeriggio aperto a tutti, animato a cura dei lettori che hanno frequentato il corso di lettura ad alta voce di Roberto Pacini che leggeranno alcuni dei testi elaborati all’interno del corso di scrittura creativa tenuto da Enzo Fileno Carabba.
Farà da cornice a questo incontro creativo un allestimento estemporaneo dei capolavori del laboratorio di libri artistici fatti a mano, a cura di Susanna Pellegrini e del suo gruppo.

Ingresso libero fino a esaurimento posti.

 

E’ tempo di Biblioteen, settimane speciali per giovani tra 15 e 19 anni proposte dalle biblioteche pubbliche dell’area fiorentina. La Biblioteca di Scandicci propone una settimana dedicata alla lettura e alla narrazione.

Da lunedì 13 a venerdì 17 giugno scoprite la lettura espressiva entrando nella “Stanza dell’attore” e il piacere del rapporto con i testi. Diventate Libernauti e navigate insieme agli “Allibratori” tra le storie più intriganti concepite per giovani lettori.

Corso di lettura ad alta voce
cinque incontri, orario 10,30 / 12,30 da lunedì a venerdì
a cura dell’Associazione “La stanza dell’attore”

Viaggio nella narrativa
due incontri, martedì e giovedì, orario 15,30 / 17,30
a cura dell’Associazione “Allibratori”

Sabato 18 Giugno Gran Finale:
Performance di letture in pubblico

I posti disponibili sono limitati
è necessario iscriversi esclusivamente online su:
http://sdiaf.comune.fi.it/form_biblioteen.html
Sulla stessa pagina info anche sui Campus delle altre biblioteche
vale l’ordine di prenotazione

Info presso la Biblioteca di Scandicci, via Roma, 38/a Scandicci
mail: biblioragazzi@scandiccicultura.it -Tel.055.7591860/861

Lunedì 23 Maggio all’Auditorium dell’Istituto Russell-Newton (Via Fabrizio De Andrè 6, dalle 17,30 alle 19,30) si conclude il ciclo di incontri di approfondimento sul rapporto tra adulti e adolescenti, con una discussione aperta sul tema dei problemi legati all’abuso dell’alcol e del consumo di droga nella nostra comunità. Porteranno il loro contributo Guido Guidoni responsabile del Sert di Scandicci insieme al comandante dei Carabinieri Aldo De Angelis e Matteo Lucherini presidente del Progetto Testa di Alkol.

L’Osservatorio Sanitario Regionale ha pubblicato il profilo sociale regionale con i dati sugli stili di vita dei giovani toscani nel 2015. Dall’indagine 2015 emergono alcuni cambiamenti in positivo (consumo di tabacco, popolazione in sovrappeso, gioco d’azzardo) rispetto agli anni precedenti, che vengono in parte ricondotti agli effetti (in questo caso benefici) della crisi economica e della contrazione di risorse all’interno delle famiglie che rende meno disponibili le opportunità di comportamenti a rischio. Nonostante ciò restano alcune criticità da tenere attentamente sotto la lente d’ingrandimento (sperimentatori di sostanze psicotrope, distress psicologico e modelli di consumo alcolico, comportamenti sessuali).

Per quanto riguarda il consumo di Alcol, secondo la rilevazione, oltre la metà dei giovani si è ubriacata durante l’ultimo mese ed il 34% ha avuto episodi di binge drinking. Questi dati, pur essendo anche il consumo di alcol in riduzione, evidenziano uno stile di consumo eccedentario che tende a concentrare l’assunzione di grandi quantità in poche occasioni (soprattutto weekend). Per le sostanze psicotrope è rilevato che quasi 4 su 10 hanno consumato sostanze illegali nella vita, 1 su 3 ne ha consumate nell’ultimo anno e più di 1 su 5 nell’ultimo mese. Rispetto al 2005 si nota un aumento, ed una crescita anche nel poliuso (due o più sostanze nella stessa occasione) del 5% rispetto al 2011. Nel gioco d’azzardo il 47% dei giovani che hanno partecipato alla rilevazione dei dati ha giocato almeno una volta nella vita e l’8% mostra una situazione rischiosa per lo sviluppo di comportamenti patologici. Si nota nel confronto temporale una decisa diminuzione (-11% rispetto al 2011) e rimane una netta prevalenza dei maschi sulle femmine. La ricerca ha visto partecipi 57 istituti secondari toscani, con 5.077 studenti di età compresa tra i 14 ed i 19 anni.

Leggere la città è un importante momento di confronto e condivisione per approfondire temi che riguardano la vita dei nostri ragazzi, che quotidianamente vanno incontro a circostanze ed esperienze di cui gli adulti spesso restano incerti sia sull’interpretazione sia sul da fare, o ne ignorano completamente la pericolosità. Gli incontri già svolti, sul tema del benessere psicologico e sul tema del bullismo e cyberbullismo, hanno visto partecipi tanti genitori e docenti delle scuole secondarie, che hanno ascoltato e posto domande su questi temi. L’Assessore Diye Ndiaye mette in risalto che “solo aprendosi al dialogo ed alla condivisione è possibile creare un contatto ed alleanze tra adulti, genitori e mondo della scuola in particolare, con la prospettiva di una proficua collaborazione tra tutte le forze in campo per mettere in primo piano la qualità della vita dei giovani”.

Questo ciclo di incontri è inoltre una possibilità di aggiornamento professionale per i docenti partecipanti che potranno ricevere un attestato formale dell’Agenzia Formativa del Comune di Scandicci. Ogni incontro offre stimoli e contributi per sensibilizzare i genitori e le famiglie affinchè abbiano strumenti adeguati per venire incontro ai segnali di bisogno espressi dai loro ragazzi.

Leggere la città, al via Mercoledì 27 Aprile un ciclo di incontri presso l’Auditorium dell’Istituto Russell-Newton (Via Fabrizio De Andrè, 6) in orario 17,30 – 19,30 per approfondire argomenti che ci coinvolgono quotidianamente, dentro e fuori la scuola, dalla salute al bullismo, fino al cyberbullismo, alle dipendenze. Una discussione aperta a tutti i genitori e docenti delle scuole secondarie, e ogni interessato a questi temi, per condividere e consolidare la relazione tra scuola e comunità.

Il primo incontro è rivolto al tema della salute, cosa fare, a chi chiedere un aiuto quando i figli sono in crisi. Intervengono gli specialisti che a Scandicci seguono ragazzi e famiglie all’interno dei servizi della USL, la Dott.ssa Nicoletta Mininni ed il Dott. Paolo Materassi, insieme ad Operatori di Strada e tutor delle scuole.

Il ciclo prosegue con l’incontro del 12 maggio sul bullismo e cyber bullismo: ne parliamo con la Prof.ssa Ersilia Menesini insieme alla Polizia Postale, rappresentanti dell’Ufficio Minori della Questura di Firenze, la responsabile dello Spazio Giovani Gingerzone di Scandicci Valentina Corsinovi e Beatrice Lami del CNR di Pisa.

Il ciclo si conclude in data 23 maggio con il tema delle dipendenze: anche se Così fan tutti… la volontà è quella di contrastare ogni forma di illegalità e di rischio a cui possono andare incontro i ragazzi. Si parlerà di problemi per l’uso di alcool ed altre droghe nel territorio con il responsabile del Sert di Scandicci Dott. Guido Guidoni, Aldo De Angelis Comandante dei Carabinieri di Scandicci, Matteo Lucherini porterà il particolare punto di vista del Progetto Testa di Alkol.
L’introduzione ai lavori è curata dal Prof. Roberto Curtolo Dirigente dell’Istituto Russell-Newton e ognuno degli interventi sarà moderato da un Dirigente degli Istituti Comprensivi di Scandicci.

L’ingresso è libero a ogni contributo di discussione e condivisione e sarà anche un’opportunità di aggiornamento professionale per gli insegnanti, con il rilascio di un attestato di partecipazione ai sensi delle norme Miur.
La cittadinanza è invitata.

Il 27 Aprile 2016 ore 21 al Teatro Aurora di Scandicci va in scena lo spettacolo l’Atletico Ghiacciaia, di e con Alessandro Benvenuti, prodotto da Arca Azzurra Teatro, per la campagna di raccolta fondi a sostegno del Progetto di lettura ad alta voce dell’Istituto Comprensivo Statale Altiero Spinelli di Scandicci, realizzato in collaborazione con il Comitato dei genitori e il patrocinio del Comune di Scandicci.

Il progetto Leggimi una storia nasce dalla collaborazione e dall’iniziativa del corpo insegnante di lettere attorno all’idea di sviluppare le competenze di base di lettura espressiva attraverso la riscoperta del piacere della lettura ad alta voce. Educare all’ascolto e sviluppare la comprensione di un testo sono obiettivi formativi fondamentali nell’apprendimento, che, se perseguiti con la passione per le storie e con la curiosità di scoprire i nuovi mondi che si aprono leggendo un libro, possono condurre a risultati estremamente positivi oltre all’acquisizione delle competenze in senso stretto, emancipando la lettura dalla mera attività scolastica e predisponendo il terreno per promuovere la partecipazione e la cittadinanza attiva.
I lettori possono diventare infatti “donatori di voce” in occasioni di letture pubbliche, in Biblioteca o in manifestazioni cittadine, possono svolgere volontariato con persone non vedenti o in ospedale… La lettura si fa interpretazione del testo, restituisce all’ascoltatore l’immagine sonora di uno stato d’animo, la parola scritta prende corpo grazie alla voce del lettore.

Come sostiene Daniel Pennac: “Strana scomparsa, quella della lettura a voce alta. Non si ha più diritto a mettersi le parole in bocca prima di ficcarsele in testa? Niente più orecchie? Niente più musica? Niente più saliva? … Testi muti per puri spiriti? A me, Rabelais! A me, Flaubert! Dostoevskij! Kafka! Dickens, a me!
Le nostre parole hanno bisogno di corpo, i nostri libri hanno bisogno di vita!”
.

Ecco che ha preso forma così l’idea di dotare la scuola di una vera e propria cabina insonorizzata di registrazione per realizzare gli audiolibri con gli studenti e di chiedere all’attore fiorentino Alessandro Benvenuti di essere testimonial ufficiale di questo progetto, con il proposito che il gusto della lettura ad alta voce possa essere riscoperto e si propaghi in tutta la città e ancora oltre.

“Io sono nato leggendo i libri, mi nutro di lettura. – dice Benvenuti – Ai miei tempi la conoscenza passava sostalzialmente dalla tua curiosità e dai romanzi che riuscivi a leggere oltre ai libri di scuola. Così sono cresciuto tra i fumetti e i romanzi, con  l’Intrepido e Il monello, con I ragazzi della via Pal, I tre moschettieri, Giulio Verne… erano veri e propri film che ti facevi nella testa… per questo il mondo dei libri l’ho sempre trovato affascinante e sostengo volentieri l’iniziativa promossa dalle scuole di Scandicci”.
Personaggio caro a Benvenuti, Gino, coprotagonista nei primi due episodi della trilogia dei Gori, in questo spettacolo prende vita per intonare un canto d’amore paesano alla Toscana, a una terra che mangia tutti i giorni pane sciapo e sarcasmo e nella quale, accanto ai cipressi, crescono da sempre come piante spontanee gli sfoghi dei grulli.

L’ appuntamento è per Mercoledì 27 Aprile ore 21 al Teatro Aurora di Scandicci.
(Via S.Bartolo in Tuto, 1.) Ingresso a offerta libera.
Prenotazioni al Bar del Circolo Aurora.

Guarda la video intervista ad Alessandro Benvenuti realizzata per l’occasione.

L’ Associazione Colombia Es Onlus, da anni attiva nella cooperazione internazionale con l’America Latina, accoglie in questi giorni la delegazione dell‘Associazione paraguayana Callescuela con cui è impegnata nel progetto di cooperazione internazionale TEKOHA, Proyecto de emprendimiento solidario, volto a migliorare la qualità della vita di 15 adolescenti e 15 madri capo-famiglia appartenenti alla Comunidad Comuneros attraverso la formazione di una micro-impresa sociale per la produzione di dolci artigianali e marmellate.

Callescuela (Asunción e Ciudad del Este) è un’associazione paraguayana nata nel 1983 con l’obiettivo di lavorare per un’opportunità ai bambini di strada.
Nel corso degli anni ha ampliato la sua mission destinando i suoi sforzi per combattere lo sfruttamento del lavoro, realizzando progetti di educazione e formazione direttamente nei luoghi dove i bambini vivono e lavorano. Érica Beatriz Ramírez Ramírez, Delegata di 14 anni di Callescuela, e Norma Duarte Benita Centurion, Educatrice e coordinatrice di Callescuela, saranno in Italia fino ai primi di maggio.

L’Associazione Colombia Es, con il patrocinio dei Comuni di Scandicci e Scarperia e San Piero, grazie al supporto del Cesvot ed alla collaborazione di parrocchie, scuole, istituzioni del territorio fiorentino, e alcune associazioni tra cui Circolo Insieme San Piero a Sieve e Gingerzone Scandicci, realizzerà diversi incontri per far conoscere il progetto, occasioni in cui la delegazione avrà modo di confrontarsi con gli interessati sulla storia della propria organizzazione, sulle attività che realizza a favore di centinaia di bambini, adolescenti e giovani lavoratori e/o di strada del Paraguay.

Il programma provvisorio in territorio fiorentino:

4 maggio – Gingerzone a Scandicci dalle 18 alle 20 – Incontro con le istituzioni e la cittadinanza.
5 maggio – Parrocchia Corpus Domini a Firenze, dalle 17 alle 19 – incontro con ragazzi, catechisti e genitori.
6 maggio – Scuola Media Spinelli a Scandicci dalle 12 alle 14 – incontro con gli studenti e i professori.
6 maggio – Circolo Insieme a San Piero a Sieve (FI) dalle 18 alle 22 – incontro con istituzioni e cittadinanza.
7 maggio – Scuola Media Rodari a Scandicci dalle 10 alle 12 – incontro con gli studenti e i professori.

Per informazioni:

NATs per… — Onlus
Via Fossaggera, 4/d — 31100 Treviso
Tel/Fax: 0422 263295
Cell: +39 334 5634614
e-mail: info @ natsper.org
sito: www.natsper.org

COLOMBIA ES – ONLUS
Via Roma, 166
50018 Scandicci (FI) – Italy
Cel. +39 335 6850211