Home Etichette Articoli etichettati con "libera università"

La Libera Università di Scandicci festeggia questo anno il suo decennale di attività. Un traguardo importante, che ha visto crescere le iscrizioni di anno in anno, con una base di oltre 600 frequentanti e con proposte formative ogni volta diverse, aperte alle realtà del territorio e ai suggerimenti degli stessi iscritti.

In questi giorni si stanno ultimando le iscrizioni. Ultimi posti disponibili per il corso di Libri fatti a mano (particolarmente adatto a educatrici/educatori di scuola materna e insegnanti di scuole primarie), Cittadini 2.0 (conoscere internet – livello elementare) e Letture ad alta voce con Roberto Pacini, in Biblioteca. Per iscriversi contattare Auser e prendere un appuntamento con i volontari addetti alle iscrizioni (Tel. 055.755188).

Come sottolinea l’Assessore alla Pubblica Istruzione e Formazione Professionale, Diye Ndiaye:
“I corsi Libera Università sono aperti a tutti (basta aver compiuto 18 anni) e rappresentano un’occasione per tenersi in allenamento con la mente, con il cuore e con la socialità. Nell’epoca ipertecnologica dell’intelligenza artificiale, in cui viviamo tutti connessi, corriamo il rischio di essere sì virtualmente collegati con tutti, ma umanamente soli. Ecco che la nostra offerta formativa vuol abbracciare questa sfida, chiamando in causa anche il rapporto tra le diverse generazioni e rinnovando l’invito a uscire di casa, a incontrarsi attorno a un argomento che ci appassiona, a coltivare il piacere della scoperta e le curiosità custodite dai luoghi e nelle persone”.

Il programma culturale cerca di tenere insieme proposte variegate che combinano aspetti innovativi con quelli più tradizionali del nostro vivere, confermando anche in questa edizione un ampio spazio dedicato ai laboratori (dalla scrittura creativa al teatro, dalla robotica ai libri fatti a mano), agli incontri di scienza e di archeologia, alle conversazioni di geopolitica, all’evoluzione della lingua italiana (fino al tema dell’odio on-line) con l’Associazione Arco insieme all’Accademia della Crusca. Proseguono anche gli aperitivi del venerdì di Auser, la lettura ad alta voce, le visite guidate e le passeggiate fiorentine alla scoperta del patrimonio artistico e culturale del territorio.

La Libera Università è un progetto coordinato dal Comune di Scandicci che si realizza attraverso un protocollo d’intesa in collaborazione con il Centro Provinciale per l’Istruzione degli Adulti, l’Istituto Statale Superiore “B.Russell – I.Newton”, Istituto d’Istruzione Superiore Sassetti-Peruzzi, A.R.C.O. Associazione Ricerca Cultura Orientamento e Auser Volontariato Scandicci.

Per maggiori informazioni e per iscriversi ai corsi rivolgersi ad Auser nei giorni Lunedì, Mercoledì e Venerdì in orario 9.00-11.00 (Via IV Novembre, 13. Accesso da Piazza Piave accanto al Cinema Cabiria. Tel. 055.755188)  fino al 16 Ottobre, termine ultimo per le iscrizioni.
E’ possibile prenotare i corsi anche on line dalla colonna laterale qui sulla destra.
Scarica qui tutta la documentazione.

Catalogo dell’offerta formativa

Depliant 2017

Modulo Iscrizione 2017-18
(Il modulo cartaceo è da consegnare ad Auser, accompagnato dal pagamento entro il 16 Ottobre)

Inaugurazione Libera Universita' 2017

La Libera Università di Scandicci si è conclusa anche questo anno con un bilancio molto positivo e un nuovo record di iscrizioni, giungendo a quota 638. Dei 25 corsi proposti in programma ne sono stati realizzati 21 e cinque di questi sono stati replicati e prolungati in nuove edizioni per le numerose richieste ricevute.
Tra le proposte che hanno riscosso maggior successo, oltre a “Scrivere, esplorare” (scrittura creativa) con Enzo Fileno Carabba, segnaliamo i laboratori del corso “Conoscersi” con Letizia Sgalambro e Teatro e Psiche a cura dell’Associazione Atto Uno e i corsi di storia dell’arte, le visite guidate alle chiese di Firenze, la lettura ad alta voce, gli aperitivi del venerdì di Auser, lo studio della lingua italiana con l’Accademia della Crusca e gli incontri divulgativi sulla salute a cura dell’Associazione Arco. Un interesse particolare è stato riscontrato anche da laboratorio di “Libri fatti a mano” a cura di Susanna Pellegrini, “Leggere la Bibbia in Biblioteca” di Mariano Inghilesi e “Storie di scienza, di uomini e scoperte” dell’Associazione Firenze 360.

L’indice di gradimento da parte dei corsisti è molto alto, va da un minimo di 7,66 (su base 10) fino a un massimo di 9.89 per il corso più apprezzato, che è stato quello condotto da Roberto Pacini “Il piacere della lettura ad alta voce”. La media complessiva della valutazione di tutti i corsi è pari a 9,08 cosa che dimostra la buona qualità dei percorsi formativi e soprattutto la buona corrispondenza della programmazione rispetto agli interessi e alle richieste degli iscritti, con un catalogo dell’offerta formativa che si rinnova ogni anno e pronto a ripartire con la X edizione.

Dai questionari di fine corso emergono dei dati importanti: tra gli aspetti più rilevanti emerge che la netta maggioranza degli iscritti è donna (83%), mentre gli uomini in minoranza (17%), anche se in aumento rispetto all’edizione passata. Nonostante per iscriversi sia sufficiente essere maggiorenni, l’età media degli iscritti è ancora alta. Dei partecipanti la maggioranza – il 51% – si colloca tra gli over 65, mentre il 44% dichiara di essere nella fascia d’età tra i 25 e i 65 anni, l’1% ha meno di 25 anni e il 4% delle persone non indica l’età.

Un altro aspetto interessante è che la Libera Università si sta proiettando sempre di più nel contesto metropolitano cittadino: il 73% degli iscritti provengono da Scandicci e il 27% provengono da fuori Comune, in massima parte dal Quartiere 4 di Firenze, da Signa e Lastra a Signa, da Sesto Fiorentino fino alle colline di San Casciano Val di Pesa. Il programma è curato dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Scandicci, insieme al Centro per l’Istruzione per gli Adulti di Firenze (CPIA), alle scuole del territorio e alle associazioni Auser Scandicci e Arco, che hanno sottoscritto un apposito protocollo di intesa per promuovere l’educazione agli adulti lungo tutto il corso della vita.

Il programma del prossimo anno 2017/ 2018 sarà presentato entro la fine di Settembre.
Le proposte per i nuovi corsi di formazione dovranno pervenire entro il prossimo 21 Luglio 2017 rispondendo all’avviso pubblicato sul sito web del Comune, sezione avvisi.

Dopo i primi appuntamenti dedicati all’educazione alla legalità, alla filosofia con i bambini, all’insegnamento dell’italiano agli stranieri sulle strade di Don Milani con le bellissime suggestioni di Eraldo Affinati, e un focus sul dolore silenzioso degli adolescenti legato all’autolesionismo tra i giovani, proseguono gli incontri del ciclo Leggere la scuola alla Biblioteca di Scandicci, a partire dalle iniziative concrete che si possono realizzare per far funzionare meglio la scuola. L’iniziativa è promossa nell’ambito delle attività formative rivolte agli adulti all’interno della Libera Università di Scandicci e costituisce formazione riconosciuta nel Pof per gli educatori e gli insegnanti, titolari Educard, per i quali è previsto il rilascio di attestato di partecipazione. Ecco i prossimi appuntamenti:

Venerdì 19 Maggio
ore 17, La Biblioteca di Scandicci – via Roma 38/a –
Lessico generazionale. Adulti che si occupano di giovani.
(Ed. Piagge, 2017)
In occasione dell’uscita del libro che raccoglie riflessioni e buone pratiche di dialogo tra giovani e adulti, proviamo a capire come migliorare la vita della nostra città valorizzando le energie presenti e progettando attività e servizi  in un’ottica di dialogo intergenerazionale. Intervengono:
Giuseppe Bagni (Presidente Nazionale Cidi)
Barbara Degl’Innocenti (Dirigente Servizi alla Persona del Comune di Scandicci)
Alessandro Santoro (Prete della Comunità Le Piagge)
Ludovico Arte (Dirigente Scolastico)
Silvia Givone (Fondatrice della Coop. Sociale SocioLab)
Coordina la discussione circolare il curatore del libro Stefano De Martin

INGRESSO LIBERO fino ad esaurimento posti

Lessico web

Info: Comune di Scandicci Assessorato Pubblica Istruzione
Centro Risorse Educative e Didattiche
La Fabbrica dei Saperi – P.zza Matteotti, 31 – Scandicci
tel. 055/7591.593-551-560

Torna “Leggere la scuola”, la nuova  edizione del ciclo di incontri mensili in biblioteca rivolti a genitori, insegnanti, educatrici, studenti, amministratori sul rapporto scuola/società. Incontri a partire da un libro, con il suo autore; a partire dalle iniziative concrete che si possono realizzare per far funzionare meglio la scuola.
Ogni incontro viene aperto da un rappresentante della comunità locale e si focalizza prevalentemente su un’area scolastica (scuole dell’infanzia e nidi, primarie, secondarie di primo e secondo grado). Gli approcci si ispirano a modelli differenti ma fra loro interrelati e così verranno chiamate in ballo la pedagogia, la filosofia, l’antropologia, la scienza della formazione e quella dell’organizzazione. L’iniziativa è promossa nell’ambito delle attività formative rivolte agli adulti all’interno della Libera Università di Scandicci e costituisce formazione riconosciuta nel Piano dell’Offerta Formativa Territoriale per gli educatori e gli insegnanti (titolari Educard) per i quali è previsto il rilascio di attestato di partecipazione. Gli incontri si tengono alla Biblioteca di Scandicci (via Roma 38/A)  secondo il seguente calendario:

Sabato 1 Aprile ore 16
L’uomo del futuro. Sulle strade di don Lorenzo Milani (Ed. Mondadori, 2016)
Eraldo Affinati, scrittore e insegnante, è nato a Roma dove vive e lavora. Insieme alla moglie, Anna Luce Lenzi, ha fondato la “Penny Wirton”, una scuola gratuita di italiano per immigrati. Scrittore fecondo, con questo suo libro è stato finalista al Premio Strega.
A quasi cinquant’anni dalla sua scomparsa don Lorenzo Milani, prete degli ultimi e straordinario italiano, tante volte rievocato ma spesso frainteso, non smette di interrogarci. Eraldo Affinati ne ha raccolto la sfida esistenziale, ancora aperta e drammaticamente incompiuta, ripercorrendo le strade della sua avventura breve e fulminante: Firenze, dove nacque da una ricca e colta famiglia con madre di origine ebraica, frequentò il seminario e morì fra le braccia dei suoi scolari; Milano, luogo della formazione e della fallita vocazione pittorica; Montespertoli, sullo sfondo della Gigliola, la prestigiosa villa padronale; Castigliocello, sede delle mitiche vacanze estive; San Donato di Calenzano, che vide il giovane vice parroco in azione nella prima scuola popolare da lui fondata; Barbiana, “penitenziario ecclesiastico”, in uno sperduto borgo dell’Appennino toscano, incredibile teatro della sua rivoluzione. Ma in questo libro, frutto di indagini e perlustrazioni appassionate, tese a legittimare la scrittura che ne consegue, non troveremo soltanto la storia dell’uomo con le testimonianze di chi lo frequentò. Affinati ha cercato l’eredità spirituale di don Lorenzo nelle contrade del pianeta dove alcuni educatori isolati, insieme ai loro alunni, senza sapere chi egli fosse, lo trasfigurano ogni giorno: dai maestri di villaggio, che pongono argini allo sfacelo dell’istruzione africana, ai teppisti berlinesi, frantumi della storia europea; dagli adolescenti arabi, frenetici e istintivi, agli italiani di Ellis Island, quando gli immigrati eravamo noi; dalle suore di Pechino e Benares, pronte ad accogliere i più sfortunati, ai piccoli rapinatori messicani, ai renitenti alla leva russi, ai ragazzi di Hiroshima, fino ai preti romani, che sembrano aver dimenticato, per fortuna non tutti, la severa lezione impartita dal priore. (Testo tratto dal libro).

Prossimi appuntamenti:

Sabato 22 Aprile ore 16
Autolesionismo. Quando la pelle è colpevole (Ed. L’Asino d’oro 2016)
Le autrici del libro, Marzia Fabi, Cecilia Di Agostino e Maria Sneider, con la psichiatra Letizia Del Pace ci guidano in una riflessione sul significato che nel corso dei secoli hanno assunto il corpo e le sue manipolazioni con particolare riferimento all’età dell’adolescenza, attraverso l’analisi di film e casi clinici.

Giovedì 4 Maggio ore 17
Lo 0-6 in Europa. Un viaggio nell’infanzia. (Ed. ZeroSeiUp 2016)
Un viaggio con Enea Nottoli, coordinatore pedagogico, all’interno del contesto europeo dei servizi 0-6 per comprenderne le tematiche principali, per scoprire affinità e diversità. Un’occasione per confrontarsi e trovare nuovi spunti per un percorso di crescita condiviso all’interno dell’UE a 28.

Venerdì 19 Maggio ore 17
Lessico Generazionale (Edizioni Piagge 2017)
In occasione dell’uscita del libro -che raccoglie riflessioni e buone pratiche nel dialogo tra Giovani e Adulti– proviamo a capire come migliorare la vita della nostra città valorizzando le energie presenti e progettando attività e servizi in un’ottica di dialogo intergenerazionale. L’incontro sarà introdotto da interventi di Giuseppe Bagni (presidente nazionale del Cidi), Barbara Degl’Innocenti (dirigente ai Servizi per la persona del Comune di Scandicci), Alessandro Salvi (dirigente ai Servizi sociali della Regione Toscana), Silvia Givone (fondatrice della coop. di progettazione sociale SocioLab).
Coordina la discussione circolare il curatore del libro Stefano De Martin.

L’iniziativa è dedicata al prof. Carlo Catarsi, concittadino che ha dedicato energie e riflessioni anche alla condizione giovanile di Scandicci; ci ha lasciato improvvisamente anzitempo mentre stava lavorando alla stesura di un pezzo per il libro Lessico Generazionale che non ha fatto in tempo a regalarci.

Scarica il depliant con il Programma completo.
Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Info: Comune di Scandicci – Assessorato alla Pubblica Istruzione
Centro Risorse Educative e Didattiche
La Fabbrica dei Saperi – Tel. 055.7591593 / 551/ 560 – educard @ scandiccicultura.it
P.zza Matteotti, 31 – Scandicci
blog: educard.scandiccicultura.eu

La Libera Università di Scandicci compie nove anni e rinnova anche in questa edizione la propria presenza sul territorio con un’offerta formativa di 25 corsi. Con l’edizione passata abbiamo raggiunto quasi 600 iscrizioni, confermando una buona qualità dei corsi e degli argomenti trattati. Un ringraziamento speciale, allora, è doveroso in primo luogo proprio a tutti coloro che, partecipando, hanno contribuito negli anni a rendere questa attività così animata, con la loro curiosità e il loro impegno!

Le iscrizioni sono concluse il 28 Gennaio 2017, ma ci sono ancora posti disponibili per il laboratorio di lettura ad alta voce “La Biblioteca parlante” e il corso di letteratura contemporanea di mattina dal titolo “Maestri fuori dal coro”, a cura di Alessandro Raveggi, con un nuovo programma qui allegato. E’ possibile prenotare on line i propri corsi dalla colonna laterale qui a destra, perfezionando poi l’iscrizione con il pagamento presso Auser o per mezzo di bonifico bancario secondo le indicazioni riportate nel libretto. Per maggiori dettagli telefonare ad Auser al tel. 055.755188.

Il corso di geopolitica “Tempo di guerra, tempo di pace” avrà inizio Mercoledì 15 Febbraio alle ore 17 all’Aula Magna della Fabbrica dei Saperi con l’intervento del Prof. Olivier Roy dell’Istituto Universitario Europeo di Fiesole, dal titolo La Jiahd tra rivolta generazionale e radicalizzazione. Qui il programma degli incontri.

Il corso Leggere la scuola prende avvio invece Giovedì 16 Febbraio, sempre alle ore 17, con un incontro sui temi dell’educazione alla legalità all’Auditorium Rogers (in piazza Resistenza) in cui saranno presentate alcune testimonianze dirette e progetti scolastici realizzati in Sicilia a cura di Armando Rossitto, nell’ambito del Progetto “Libera la tua terra”. Qui il programma completo.

Le attività formative rappresentano un’occasione importante non solo per approfondire i propri interessi e ampliare le proprie conoscenze, ma anche per allargare la propria rete di relazione e fare nuove amicizie in un contesto informale, mettendo in congiunzione anche generazioni diverse. I corsi diventano occasione di arricchimento dei propri punti di vista, permettendo di acquisire nuove chiavi di lettura per interpretare la complessità del nostro vivere quotidiano.

Per iscriversi è sufficiente aver compiuto 18 anni. Sono previste delle agevolazioni per disoccupati o cassintegrati e per gli insegnanti che vivono e lavorano a Scandicci con la nuova Educard a loro dedicata. Le novità di questa edizione riguardano l’ampio spazio dedicato ai laboratori (dalla scrittura creativa al teatro, dal design col riciclaggio ai libri fatti a mano), agli incontri di scienza e di archeologia in collaborazione con lo spin-off universitario Terza Cultura, alle conversazioni di geopolitica, all’evoluzione della lingua italiana con l’Accademia della Crusca.
Tornano a grande richiesta anche gli aperitivi del venerdì di Auser, la lettura ad alta voce e le visite guidate alla scoperta del patrimonio artistico e culturale del territorio.

Dal 17 Ottobre ritorna a La Biblioteca di Scandicci il Circolo di Lettura – 3a edizione. Un appuntamento al mese per scambiare impressioni, suggestioni, emozioni sui libri, a partire da titoli scelti dai lettori.

Programma:

Lunedì 17 ottobre ore 17
Fredrik Backman “L’uomo che metteva in ordine il mondo”, Mondadori, 2016

L’esistenza imperfetta, caotica, ingiusta di Ove, il protagonista fissato per il rispetto delle regole, improvvisamente ha una svolta e la vita comincia a sembrargli non così male.

Lunedì 21 novembre ore 17
Albert Camus “Lo straniero”, Bompiani, 2015 – prima ed. 1942
Un classico della letteratura moderna: la storia di un delitto insensato, l’assurdità del vivere e l’indifferenza del mondo.

Lunedì 19 dicembre ore 17
Samuel Beckett “Aspettando Godot”, Einaudi, 1970 – prima ed. 1952
La più celebre opera teatrale di Beckett nonché uno dei testi più noti del teatro del Novecento, costruita intorno alla condizione esistenziale dell’attesa.

Lunedì 16 gennaio ore 17
Lydie Salvayre “Non piangere”, L’Asino d’oro, 2016
Riaffiorano nei ricordi del protagonista gli eventi dell’estate 1936 in Spagna, quando sta per scoppiare la guerra civile e accade l’impensabile.

Lunedì 20 febbraio ore 17
Kent Haruf “Benedizione”, NN editore, 2015
Kent Haruf affronta i temi delle relazioni umane e delle scelte morali estreme con delicatezza, senza mai alzare la voce, intrattenendo una conversazione intima con il lettore.

Lunedì 20 marzo ore 17
Lorenzo Renzi “Le conseguenze di un bacio”, Il Mulino, 2007
L’autore rilegge i versi danteschi della vicenda d’amore di Paolo e Francesca, ricostruendo la mutevole fortuna che nel tempo l’episodio ha avuto tra letteratura, teatro e arti figurative.

Lunedì 10 aprile ore 17
Clara Uson “La figlia”, Sellerio, 2013
La storia di Ana Mladic, figlia del generale Ratko, racconta la guerra in Bosnia Erzegovina, il capitolo più doloroso delle guerre balcaniche.

Lunedì 15 maggio ore 17
Jane Austen “Emma”, Einaudi, 2014 – prima ed. 1815
Jane Austen crea un’eroina ben consapevole della propria bellezza e intelligenza, presuntuosa e pungente, ma di uno spessore umano complesso e sfaccettato, capace d’incantare i lettori d’ogni epoca.

Il tè è gentilmente offerto dalla Pasticceria Aquila di Scandicci

La Libera Università di Scandicci, giunta ormai alla sua ottava annualità, conferma anche questo anno un’ottima partecipazione: nell’ultima edizione conclusasi adesso a giugno, il numero di iscritti ha battuto tutti i record, giungendo a quota 592, con un incremento di 142 iscrizioni rispetto all’anno scorso. Sono stati realizzati 20 corsi sui 25 proposti in programma e 8 di questi sono stati replicati e prolungati per le numerose richieste pervenute durante l’anno. Tra le proposte che hanno riscosso maggior successo, oltre alla scrittura creativa con Enzo Fileno Carabba, i laboratori con Letizia Sgalambro e Leggere la Bibbia in Biblioteca a cura di Mariano Inghilesi che ogni anno fanno il tutto esaurito, questa edizione ha visto una massiccia partecipazione ai corsi dedicati alla storia di Firenze Capitale, all’Islam raccontato dalle donne, agli incontri divulgativi sulla salute, le visite alle Ville Medicee e alle dimore fiorentine. Un interesse particolare è stato riscontrato anche dal bellissimo laboratorio di libri fatti a mano a cura di Susanna Pellegrini, l’arte moderna con visita ai musei a cura dell’Associazione Regola d’Arte e dagli incontri Leggere la scuola, un ciclo dedicato a indagare il rapporto tra scuola e società, a partire dal dialogo privilegiato con autori di libri direttamente scelti dagli insegnanti attivi in città.
L’indice di gradimento da parte dei corsisti è molto alto, va da un minimo di 7,50 (su base 10) fino a un massimo di 9.82 per il corso più apprezzato, che è stato quello condotto da Roberto Pacini “Il piacere della lettura ad alta voce”. La media complessiva della valutazione di tutti i corsi è pari a 9,32, cosa che dimostra la buona qualità dei percorsi formativi e soprattutto la buona corrispondenza della programmazione rispetto agli interessi e alle richieste degli iscritti, con un catalogo dell’offerta formativa che si rinnova ogni anno.

Dai questionari di fine corsi emergono in effetti dei dati importanti: tra gli aspetti più rilevanti emerge che la netta maggioranza degli iscritti è donna, 514 persone, mentre gli uomini che frequentano le attività sono appena 78. Questo aspetto mette in evidenza una maggior curiosità da parte del mondo femminile verso le attività culturali, in ragione anche di una maggior disponibilità di tempo. Il dato riflette naturalmente la prevalenza percentuale del gentil sesso sugli uomini che aumenta con l’aumentare dell’età. Nonostante per iscriversi sia sufficiente essere maggiorenni, l’età media degli iscritti è infatti ancora molto alta. Dei 592 partecipanti la maggioranza si colloca nella fascia d’età lavorativa 25/65 anni (259 persone) mentre 208 dichiarano di avere più di 65 anni, un solo iscritto ha meno di 25 anni e 62 persone non indicano l’età. Un altro aspetto interessante è che la Libera Università si sta proiettando sempre di più nel contesto metropolitano cittadino: 383 iscritti provengono da Scandicci, ma sta aumentando l’adesione anche da fuori comune con 209 persone, in massima parte dal Quartiere 4 di Firenze, da Signa e Lastra a Signa, da Sesto Fiorentino fino alle colline di San Casciano e Montespertoli.

E alla domanda “come sei entrato in contatto con la Libera Università?” quasi due terzi dei partecipanti rispondono: grazie al passaparola, al contatto con un amico. Solo un terzo circa dice di averlo saputo dal sito web o dalla newsletter del Comune, elemento questo che corrisponde in generale alla media di alfabetizzazione digitale dei cittadini. Ma ciò che è più rilevante ai fini del progetto, oltre alla possibilità di ampliare le proprie conoscenze, è proprio il fatto che offre un contesto socievole per l’apprendimento e permette di stabilire nuove amicizie e nuove relazioni grazie ai corsi, che facilitano il contatto tra le persone sulla base di interessi comuni e anche tra generazioni diverse.
Il programma è curato dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Scandicci, insieme al Centro per l’Istruzione per gli Adulti di Firenze (CPIA), alle scuole del territorio e alle associazioni Auser Scandicci e Arco, che hanno sottoscritto un apposito protocollo di intesa per promuovere l’educazione agli adulti lungo tutto il corso della vita. Il programma del prossimo anno 2016/ 2017 sarà presentato a Settembre.

In questi giorni è possibile candidare le proposte per i nuovi corsi di formazione rispondendo all’avviso pubblicato sul sito del Comune entro il 16 luglio. Il bando è disponibile a questo link 

Vai ai commenti 484

La Libera Università di Scandicci si dà appuntamento in Biblioteca (Via Roma, 38/A) Lunedì 6 Giugno 2016  dalle 17 alle 19  per un pomeriggio aperto a tutti, animato a cura dei lettori che hanno frequentato il corso di lettura ad alta voce di Roberto Pacini che leggeranno alcuni dei testi elaborati all’interno del corso di scrittura creativa tenuto da Enzo Fileno Carabba.
Farà da cornice a questo incontro creativo un allestimento estemporaneo dei capolavori del laboratorio di libri artistici fatti a mano, a cura di Susanna Pellegrini e del suo gruppo.

Ingresso libero fino a esaurimento posti.

 

Venerdì 27 maggio alle ore 17.30 presso la Biblioteca di Scandicci (Via Roma 38a) il Teatro della Toscana presenta il Laboratorio drammaturgico – performativo «Sotto l’accappatoio dell’epoca tutti gli imbecilli sono uguali», o quasi… con Nicola Bortolotti (attore e drammaturgo) e Giacomo Pedini (coordinatore).

Giornali, satire feroci, commedie caustiche, romanzi dai toni languidi o gravidi di oscuri presagi, poesie struggenti o revolverate ipermoderne, ma anche documenti segreti e care lettere, d’amore e di danaro: a voi l’armamentario letterario della belle époque, conturbante e dai mille volti!

All’interno del progetto, ideato e diretto da Claudio Longhi, Carissimi Padri… Almanacchi della “Grande Pace” (1900-1915), un’occasione per provare in prima persona a cimentarsi con la scrittura e la messinscena di un corto teatrale. Il progetto  sta coinvolgendo la città di Firenze in una lunga indagine, con laboratori, letture e spettacoli teatrali e non solo, su quelle contraddizioni che, cento anni fa, portarono il «mondo di ieri» a gettarsi, entusiasta e incosciente, nella follia della Grande Guerra.
Personaggi reali e di finzione, avvenimenti storici, veri o presunti, vicini o lontani, popoleranno la vostra immaginazione nei 6 incontri (di 2 ore ciascuno) in cui comporrete e metterete in scena un breve copione: un modo, immediato e diretto, per osservare, con lo sguardo di oggi, situazioni e figure di quell’Europa di ieri.

Il laboratorio si terrà tra giugno / luglio e ottobre / novembre.
Le date del laboratorio saranno comunicate durante la presentazione.
La partecipazione al laboratorio è gratuita e non sono richieste esperienze pregresse.
Per informazioni e iscrizioni scrivere (entro il 12 giugno) a centrostudi @ teatrodellatoscana.it

www.carissimipadri.it

Inaugura Giovedì 25 Febbraio alle ore 16 la mostra  dal titoloLa Provvisoria. Firenze Capitale raccontata dalla satira” e prende avvio il corso di storia su Firenze Capitale organizzato nell’ambito della Libera Università dall’Associazione Arco presso l’Auditorium della Biblioteca di Scandicci (via Roma, 38/A). La mostra, che rimarrà visitabile fino al 24 Marzo 2016, intende interpretare la storia e i principali eventi del periodo (1865-1870) integrando l’immaginario collettivo col sorriso della matita, grazie a caricature, immagini  e articoli originali tratti dalle riviste fiorentine dell’epoca. All’inaugurazione saranno presenti Eugenio Giani, Presidente del Consiglio della Regione Toscana; il Sindaco del Comune di Scandicci, Sandro Fallani ; Daniele Lanini, Presidente del Consiglio del Comune di Scandicci.
Subito dopo i saluti istituzionali, alle ore 17, prende avvio il corso di storia, che offre un’occasione di approfondimento degli aspetti più rilevanti delle vicende di Firenze Capitale. Il ciclo si svolge in cinque incontri di Giovedì pomeriggio, dalle 17.00 alle 19.00 sempre in Biblioteca. Il programma prevede l’intervento del Prof. Cosimo Ceccuti, storico del Risorgimento italiano,  Presidente della Fondazione Spadolini Nuova Antologia; il Prof. Sandro Rogari, docente universitario di Storia Contemporanea all’Università di Firenze; Luca Brogioni, Direttore dell’Archivio Storico del Comune di Firenze e per finire un tour guidato in Omnibus, un carro a cavalli da 15 posti, attraverso i luoghi più significativi della Firenze Capitale.
Il corso è gratuito per i titolari della Card Cultura e per gli insegnanti titolari di Educard, previa iscrizione alla Libera Università, fino a esaurimento posti.

Per informazioni sulle modalità di iscrizione chiamare l’Associazione AUSER al Tel. 055.755188.
I volontari dell’Associazione ARCO sono disponibili su appuntamento anche per visite guidate alla mostra rivolte alle scuole o a piccoli gruppi, contattando il numero 338.2375373.

Sabato 27 Febbraio alle ore 16.30, nell’ambito della mostra, il gruppo teatrale Archeologia Narrante, in collaborazione con il Museo di Archeologico di Firenze, presenta una lettura teatrale sul “risanamento” del centro storico fiorentino verso fine ‘800, dal titolo “A vita nuova restituito…” di e con Simone Bellucci, Stefano Dommi, Mona Nanchen, Benedetta Torrini, musiche di Edoardo Rosadini. Direzione scientifica G.Carlotta Cianferoni.
Ingresso libero, prenotazione consigliata.