Warning: Illegal offset type in /web/htdocs/educard.scandiccicultura.eu/home/wp-includes/class-wp-widget-factory.php on line 57 istituto comprensivo rossella casini | eduCARD
Home Etichette Articoli etichettati con "istituto comprensivo rossella casini"

L’Istituto Comprensivo “Rossella Casini”, in collaborazione con Atheneum Musicale e con il Patrocinio del Comune di Scandicci, organizza Sabato 17 Dicembre “Athenaeum School in concert”, un’iniziativa di raccolta fondi dedicata all’Istituto Omnicomprensivo di Amatrice. Il concerto si tiene al Teatro Aurora di Scandicci alle ore 17.30 (Via S.Bartolo in Tuto, 1).

L’iniziativa vuol lanciare un messaggio di solidarietà a tutte le famiglie che sono state coinvolte da questo dramma del terremoto e al tempo stesso contribuire attivamente al miglioramento della dotazione musicale della scuola con l’acquisto di nuovi strumenti a cui è finalizzata la campagna di raccolta fondi, grazie al ricavato del concerto.

Si esibiranno per l’occasione la “Children’s corner” orchestra, la “No time” jazz band, “One Voice” gospel choir.
Grandi ospiti della serata le giovanissime Orchestre Scuola Media “Rodari” e gli alunni delle V elementari dell’Istituto Comprensivo della “Rossella Casini” ad indirizzo musicale dirette dal maestro Giampaolo Franceschini che si esibiranno in un fresco repertorio di canzoni tradizionali e natalizie.
La cittadinanza è invitata.

L’ingresso è libero.

Il giorno 8 giugno presso l’Auditorium della scuola “Rodari” gli studenti che hanno partecipato al Progetto Erasmus plus, alla presenza del sindaco Sandro Fallani e dell’assessore alla pubblica istruzione Dye Ndiaye, presenteranno agli alunni delle classi seconde il percorso da loro svolto in questo anno scolastico.
Le insegnanti coinvolte questo anno nella mobilità sono state le Prof.sse Nicolina Cesare, Alessandra Cappelli, Renata Loro  e  Antonella Montecchi  sotto la dirigenza della Prof.ssa Laura Innocenti.

Il progetto F.L.Y. (acronimo di Future Lies In You) è stato ideato dal Gymnazium 11 della città di Lublino in Polonia e si colloca nell’ambito dell’azione KA1 – partenariati tra scuole – del progetto Erasmus plus finanziato dall’Unione Europea.
L’Istituto Comprensivo “Rossella Casini” con la scuola secondaria di primo grado “Rodari” è uno dei partner insieme ad altre 6 scuole di altri 5 paesi europei: Romania, Germania, Turchia, Finlandia e Polonia a cui si aggiunge il liceo scientifico “Galilei” di Palermo, seconda scuola italiana partecipante.
Il progetto F.L.Y. ha una durata triennale e prevede tre incontri per ogni anno scolastico: il primo è riservato ai docenti referenti e si svolge in tre giorni, durante i quali gli insegnanti discutono i dettagli del progetto, quali l’organizzazione delle mobilità degli studenti, i criteri di selezione degli stessi e i metodi di valutazione del progetto. Il secondo e il terzo incontro vedono la partecipazione attiva degli studenti alle attività previste nella scuola ospitante.

Questo anno la prima mobilità si è svolta presso il liceo scientifico “Galilei” di Palermo e la seconda nella scuola di Liperi in Finlandia. Il titolo originale del progetto è “Early support of students potentially unemployed after completing school education” (Sostegno precoce a studenti potenzialmente disoccupati dopo aver completato il percorso educativo obbligatorio).
Esso si propone di offrire un valido supporto a quegli studenti considerati a rischio disoccupazione o abbandono scolastico a causa di scelte di studio sbagliate o anche per mancanza di una adeguata preparazione o motivazione, nonché di un valido supporto da parte delle famiglie.

Il progetto offre dunque a questi studenti, selezionati all’inizio di ogni anno scolastico, l’occasione unica di venire a conoscenza delle varie possibilità educative offerte dal contatto con realtà locali, regionali ed europee presenti nel mercato del lavoro, ma anche di incontrare persone che hanno avuto successo grazie alla loro intraprendenza, alla flessibilità e alla disponibilità a spostarsi.
Durante questo primo anno di attività i nostri ragazzi hanno visitato alcuni laboratori artigianali di falegnameria e pelletteria, oltre che un oleificio e un salumificio, toccando così con mano in questi settori specifici dell’economia toscana, quelle che sono le competenze e i requisiti necessari per intraprendere una carriera lavorativa, che spesso altrimenti restano per loro concetti astratti difficili da comprendere.
Grazie a questo essi potranno perciò analizzare la propria personalità, i propri punti di forza e le proprie difficoltà e quindi di scegliere un percorso educativo a loro più congeniale.
In particolare viene data loro la possibilità di migliorare non solo le proprie competenze linguistiche, poiché il progetto si basa sull’uso della lingua inglese come mezzo di comunicazione tra gli studenti, ma anche attitudinali, attraverso il confronto con studenti di altri paesi e il contatto con ambienti e modi di vita diversi. Il prossimo anno scolastico inizierà con l’incontro di progettazione  a Scandicci che si sta quindi preparando ad ospitare i docenti delle scuole partner. A novembre, dopo aver selezionato il gruppo di studenti partecipanti, organizzeremo il loro viaggio in Romania per partecipare alle attività organizzate dal Liceul Teoretic Pancota di Pancota.

Il primo anno di scuola primaria è sempre denso di emozioni, cambiamenti, scoperte.
Sia i bambini e le bambine che le loro famiglie entrano in una nuova scuola, in una nuova modalità di rapportarsi a quella scuola e ciò crea da una parte forti emozioni legate ai cambiamenti e alle novità, dall’altra un ambiente che ha bisogno di prendere una sua forma, caratterizzata da tanti tipi di relazioni.

Integrare significa “completare qualcosa aggiungendo elementi mancanti”. Proprio partendo da questo valore abbiamo pensato ai percorsi per la costruzione di un nuovo gruppo-classe: un luogo esterno, ma anche interiore, dove ognuna delle persone può diventare una parte mancante dell’altra e in questo modo creare un insieme del tutto nuovo e più completo. Di questo insieme fanno parte in primis gli alunni, il loro universo familiare, le insegnanti.

Nella classe 1A della scuola primaria E. Toti (I.C. Rossella Casini) abbiamo lavorato durante l’anno sia a livello di discipline, sia con progetti trasversali, partendo dal macro-obiettivo dell’integrazione del gruppo-classe e scuola-famiglia. Obiettivi che sono sempre stati considerati dalle teorie pedagogiche come fondanti per una didattica inclusiva e motivante.
In uno dei tanti percorsi abbiamo affrontato il tema delle famiglie e della loro diversità.
Con la scusa di partecipare al concorso “Un disegno per Scandicci” che aveva per tema “La famiglia è appartenersi” (è stato vinto dalla classe anche un premio), siamo partiti dalla lettura del bellissimo libro “Piccolo uovo”, Ed. Stampatello, per affrontare la discussione su come ogni famiglia sia diversa ma pur sempre una famiglia, perché la sentiamo come propria affettivamente. Ovviamente, discutendo tra loro, i bambini sono arrivati a parlare delle rispettive famiglie con tutte le loro differenze: chi della famiglia adottiva, chi dell’arrivo in Italia solo con la mamma, chi dei genitori separati, chi di una famiglia allargata, chi dei tanti animali da non sapere come fare a elencarli tutti. Da questo confronto profondo e altamente conoscitivo abbiamo pensato di far disegnare ad ognuno di loro esattamente come era fatta la propria realtà familiare.
Ne è venuto fuori questo bel collage, ricco di colori e di tante differenze, che i bambini hanno vissuto come grande valore aggiunto nella spontanea accoglienza.

Insegnanti  Mila Baldi – Silvia Faraoni – Valentina Troilo – Elisa Corradi

Spicca tra gli appuntamenti della settimana del Concorso Musicale Città di Scandicci, Venerdì 8 aprile 2016 alle 21 al Teatro Aurora di Scandicci (via San Bartolo in Tuto, 1) il concerto per l’anniversario del terremoto del 2009 “Rodari for L’Aquila” organizzato dall’associazione genitori dell’Istituto Comprensivo “Rossella Casini”, in collaborazione con Atheneum Musicale e le sezioni Soci Coop Firenze Sud Ovest e Scandicci.

A sette anni da quella tragica notte del 6 Aprile 2009  in cui il terremoto determinò il crollo del cuore storico della città e la morte di 309 persone, L’Aquila sta lentamente riconquistando la dignità di riappropriarsi della propria storia. In quella occasione grazie ai contatti diretti tra i docenti di musica sono nati legami di solidarietà molto significativi, più forti di semplici rapporti istituzionali, che hanno portato nel tempo alla definizione di un vero e proprio gemellaggio a cadenza biennale dell’Istituto Comprensivo con altrettanti Istituti a indirizzo musicale in Abruzzo, il Mazzini e il Papini.

Una delegazione di 46 alunni della Scuola Media “Gianni Rodari” si recherà, quindi, a L’Aquila dal 29 al 1 Maggio 2016, con ospitalità in famiglia, e i giovani musicisti parteciperanno al Concerto del 1° Maggio organizzato dal Comune. L’iniziativa vuol lanciare così un messaggio di solidarietà a tutte le famiglie che sono state coinvolte da questo dramma e al tempo stesso contribuire attivamente al miglioramento della dotazione musicale delle due scuole, con l’acquisto di nuovi strumenti a cui è finalizzata appunto la campagna di raccolta fondi.

Le giovanissime Orchestre della sezione B ad indirizzo musicale dirette dal maestro Giampaolo Franceschini si esibiranno in un fresco repertorio dal titolo  “Rodari Rock Story”.
La cittadinanza è invitata.

L’ingresso è libero.

Il profumo della legalità a Scandicci ha da 5 anni il sapore dolce delle arance coltivate al sole della Sicilia, su quei terreni faticosamente strappati ai clan mafiosi e fatti rifiorire grazie all’impegno e al duro lavoro dei ragazzi della cooperativa Beppe Montana e alla tenacia di Alfio Curcio.

Il colore della legalità a Scandicci è quello dei seimila chili di arance distribuite sabato in piazza Resistenza alle famiglie, ai ragazzi delle scuole dei tre comprensivi e a tutti quei cittadini che anche solo per curiosità hanno comprato per la prima volta un sacchetto di arance o un vasetto di marmellata.

La voce della legalità a Scandicci è stata quella delle tremila persone, grandi e piccini, che domenica in un grande abbraccio, hanno corso contro le mafie, indossando una maglia che ormai è diventata il simbolo di questa bellissima manifestazione, la maglia della Legalità.

Il weekend della legalità ha risvolti positivi diretti sulle scuole di Scandicci perché la vendita delle arance e delle magliette per la passeggiata porta un aggio in euro non indifferente che per il nostro comprensivo quest’anno si è attestato sui mille euro circa (i conti precisi devono essere ancora fatti). Questi soldi, così come quelli raccolti in altre occasioni dall’Associazione Genitori, serviranno a finanziare progetti scolastici o extrascolastici o per acquistare materiale didattico.

Aver preso parte a questa bellissima manifestazione anche quest’anno è una cosa che da’ una grande soddisfazione e mi riempie di gioia. E’ bello vedere tanta gente in piazza, è bello condividere questi momenti ed è bello riflettere su quei valori, legalità, giustizia e partecipazione, che dovrebbero accompagnarci ogni giorno e che siamo chiamati a trasmettere ai nostri bambini, anche con il piccolo, simbolico gesto di acquistare un sacchetto di arance coltivate sui terreni confiscati alla criminalità organizzata.

Se riflettiamo poi sul nome che il nostro Comprensivo Scolastico porta, il weekend della legalità assume un valore ancora più importante.
Rossella Casini

Rossella Casini era una ragazza di 25 anni, studentessa di psicologia a Firenze che 35 anni fa è “scomparsa” perché ha osato sfidare l’omertà delle ‘ndrine calabresi e della famiglia del ragazzo di cui si era innamorata. Per la sua scomparsa nessun colpevole è stato trovato.
Come lei, tante altre persone hanno pagato con la vita il loro amore per la libertà e la giustizia. Queste persone, le persone come Rossella Casini non andrebbero mai dimenticate.

E’ bello quindi sapere che ieri, lunedì 22 febbraio, a 35 anni dalla sua “scomparsa” il Comune di Firenze e l’Associazione Libera, hanno posto una targa commemorativa in memoria di Rossella sulla facciata della casa dove lei abitava, in Borgo la Croce 3. Per non dimenticare.

Far parte di un Comprensivo Scolastico che porta il nome di Rossella e che pone alla base dell’insegnamento la cultura della legalità, della pace e del rispetto e che saprà trasmettere questi valori anche ai miei figli mi riempie di orgoglio.

Grazie a tutti, Siro.

Sabato 19 Dicembre 2015, alle ore 17.30 al Teatro Aurora di Scandicci (Via S.Bartolo in Tuto, 1)  si terrà il Concerto di Natale dal titolo “Athenaeum School in concert” che coinvolge tantissimi giovani musicisti delle scuole di Scandicci e non solo.
Il programma prevede l’esibizione della “Children’s Corner” Orchestra, della “No time” jazz band, del “One Voice” gospel choir.

Ospiti d’onore della serata saranno l’orchestra della Scuola Secondaria di primo grado “Gianni Rodari” e gli alunni delle scuole primarie dell’Istituto Comprensivo “Rossella Casini” di Scandicci.

La serata è dedicata all’Associazione “Al Kamandjati”.
Ingresso Libero