Warning: Illegal offset type in /web/htdocs/educard.scandiccicultura.eu/home/wp-includes/class-wp-widget-factory.php on line 57 genitorialità | eduCARD
Home Etichette Articoli etichettati con "genitorialità"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa bella lettera pervenuta ai nostri uffici durante l’estate, da parte dei genitori di Samuele e Niccolò.

 

“Era bello sapere che nonostante la nostra mancanza, loro potevano giocare e divertirsi in un ambiente come il Makarenko, mai dato per scontato, con la consapevolezza dalla vostra presenza e alla reciproca fiducia.

Avete accolto i nostri figli con competenza e professionalità, ma soprattutto con amore, pazienza e umiltà tali da creare un legame affettivo anche con noi… Noi genitori che vivevamo per la prima volta l’ esperienza del distacco, che passavamo l’attesa della riconsegna fuori da quell’asilo insieme ad altri genitori, pronti a confrontarci, e a condividere pensieri, oppure a cercare invano di resistere alla tentazione di sbirciare i nostri piccoli in giardino!

Grazie perché con voi abbiamo imparato a muovere i primi passi da genitori.
Samuele adesso è alla scuola primaria si trova ad affrontare tanti nuovi argomenti, materie, compiti, tutto ciò con una bella solida base sicura di curiosità e voglia di fare che voi tutte avete contribuito a formare negli anni precedenti, con programmazioni accurate, molteplici attività, tanti progetti e uscite didattiche!

Che sorpresa quando due anni fa Niccolò ricevuta in regalo la sua prima bicicletta senza ruotine disse :
“Lasciatemi fare da solo, ho imparato a scuola!”  E saltando al volo sul sellino partì pedalando sicuro… grazie a Carmine e al progetto Brisken!

Potrei citare tantissime altre attività che hanno lasciato un segno indelebile…
Come il progetto sulla musica … e la conseguente richiesta della batteria a Natale…
oppure l’orto…  e via tutti a cucinare…  per non parlare di quello sulle emozioni… che ci ha aiutato a conoscerci a fondo…

Tutto ciò fatto con grande passione per il proprio lavoro, che però a noi piace definire missione, perché per gestire tante dinamiche è richiesta una grande capacità di empatia grande abilità ma anche infinita pazienza, spesso più con i genitori che con i bambini!

Momenti preziosi i bellissimi laboratori, ogni volta ci mettevate alla prova con molta fantasia (a volte diabolica!) nella creazione del regalo che avrebbe ricevuto nostro figlio da Babbo Natale… o il costume di carnevale da esibire durante la festa.

Preparazioni di scenografie e costumi per le recite nel salone della scuola o al Castello dell’Acciaiolo con l’ indimenticabile Gruffalò!  Quanto ci piacevano le riunioni (strano a dirsi) brevi ritagli di tempo per ascoltare voi maestre e far due chiacchiere davanti ad un caffè ed un pezzo di torta, occasioni che ci hanno fatto sentire per questi anni parte della struttura come fossimo a casa nostra.
Ci avete accolto e fatto sentire sempre protagonisti insieme a voi nella crescita “consapevole” dei nostri figli, collaborando fianco a fianco !

E’ per noi importante dirvi che siete state preziose e la speranza è quella di poter incontrare sulla nostra strada ancora delle persone che come voi vivono il lavoro come una missione d’amore per gli altri. Grazie per le regole che avete saputo insegnare per la disponibilità a capire ogni carattere, per i sorrisi che avete dispensato, grazie, soprattutto, per aver insegnato a condividere, a tollerare, ad avere rispetto.

Un grazie speciale va anche a tutto il personale che ha accolto ogni mattina i bambini sempre con un bel sorriso e che ha contribuito in tutto e per tutto alla riuscita del vostro lavoro!
Ci sentiamo onorati di avervi affidato i nostri  figli. Vi ringraziamo infinitamente  per  quanto  avete  dato, sperando che anche voi possiate conservare nel cuore i volti dei nostri figli, sicuramente fortunati per aver incontrato brave educatrici come voi!!!”

I genitori di Samuele e Niccolò

“Conservare lo spirito dell’infanzia
dentro di sé per tutta la vita
vuol dire conservare la curiosità di conoscere
il piacere di capire
la voglia di comunicare”
(Bruno Munari)

Il progetto “Genitori insieme”, a cui lavora il gruppo CIAF, (Centro Infanzia, Adolescenza e Famiglia), propone ogni anno per tutti i genitori alcuni incontri che affrontano temi di interesse comune, emersi anche attraverso i sondaggi effettuati fra i genitori nella prima parte dell’anno scolastico in tutti i servizi educativi del territorio.
Essere genitori significa infondere sicurezza, autorevolezza, equilibrio. Essere in grado di lasciare ai figli il giusto grado di libertà, crescerli sani e felici. Il tema delle regole risulta uno di quelli più sentiti e richiesti e sembra interessante poterlo affrontare da diverse angolazioni, cercando di offrire ai genitori due occasioni di approfondimento delle diverse strategie comunicative messe in atto nella relazione con i propri bambini.

Nasce così l’iniziativa del Comune di Scandicci insieme a Lo Spazio delle donne  “Genitori Insieme”, che propone un ciclo di due incontri dedicato ai genitori, per parlare insieme dell’educazione dei figli e del ruolo dei genitori nella nostra società.

Il primo appuntamento, “Sguardo, voce, gesti: come comunicare le regole ai bambini attraverso il corpo”, si terrà Sabato 21 Marzo 2015 alle ore 10 nella sede dell’associazione Lo Spazio delle Donne (via Allende 22/a, Scandicci), alla presenza della dott.ssa Cecilia Arnone, terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva.

Il secondo incontro, invece, si terrà Lunedì 30 Marzo 2015 alle 17.30 al Centro Integrato Turri (via Rialdoli, Scandicci) e sarà condotto dagli esperti del CIAF (Centro Infanzia, Adolescenza e Famiglia) sul tema “Genitori a dura prova: perché è così difficile far accettare le regole ai bambini?”.

Ingresso gratuito.

Maggiori informazioni:
Comune di Scandicci. Servizi Educativi 055.7591552

Venerdì 28 Febbraio alle ore 17 alla Fabbrica dei Saperi, piazza Matteotti, 31 (secondo piano) il Comune di Scandicci presenta i nuovi laboratori del Progetto “La città dei Ragazzi” con un incontro aperto a tutti, dal titolo “Stare insieme, imparare, divertirsi”.

La docente Cinzia Mion approfondirà il tema delle attività del tempo libero in relazione all’apprendimento, offrendo spunti di riflessione per orientarsi nei molti impegni quotidiani di bambini e adulti senza perdere di vista la qualità del vivere insieme. Le associazioni che prendono parte al progetto presenteranno tutti i propri laboratori.

Questo tipo di riflessione, che si impegna a dare una diversa visione delle attività extrascolastiche fa luce su un nuovo significato di “tempo libero”: spesso si crede che quello che esula dal momento scolastico vero e proprio sia in contrasto con le tradizionali attività di studio, questo progetto intende proprio ribaltare questa concezione facendo tesoro di quei momenti che bambini e ragazzi possono vivere al di fuori della scuola e che possono essere di prezioso arricchimento per la loro crescita.

Andare a teatro, dipingere, ascoltare musica, praticare sport sono attività che aiutano a crescere e sviluppare competenze fondamentali per la crescita e lo sviluppo. Cinzia Mion sta portando avanti un progetto insieme a educatrici e insegnanti per la costruzione della “scuola dei genitori” per arricchire conoscenze, riflettere sulla relazione con gli altri, condividere domande e aspettative sulla crescita dei figli

Per qualsiasi informazione è possibile contattare:
cred@comune.scandicci.fi.it  oppure telefonare al 055.7591551/553