Home Etichette Articoli etichettati con "genitori"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa bella lettera pervenuta ai nostri uffici durante l’estate, da parte dei genitori di Samuele e Niccolò.

 

“Era bello sapere che nonostante la nostra mancanza, loro potevano giocare e divertirsi in un ambiente come il Makarenko, mai dato per scontato, con la consapevolezza dalla vostra presenza e alla reciproca fiducia.

Avete accolto i nostri figli con competenza e professionalità, ma soprattutto con amore, pazienza e umiltà tali da creare un legame affettivo anche con noi… Noi genitori che vivevamo per la prima volta l’ esperienza del distacco, che passavamo l’attesa della riconsegna fuori da quell’asilo insieme ad altri genitori, pronti a confrontarci, e a condividere pensieri, oppure a cercare invano di resistere alla tentazione di sbirciare i nostri piccoli in giardino!

Grazie perché con voi abbiamo imparato a muovere i primi passi da genitori.
Samuele adesso è alla scuola primaria si trova ad affrontare tanti nuovi argomenti, materie, compiti, tutto ciò con una bella solida base sicura di curiosità e voglia di fare che voi tutte avete contribuito a formare negli anni precedenti, con programmazioni accurate, molteplici attività, tanti progetti e uscite didattiche!

Che sorpresa quando due anni fa Niccolò ricevuta in regalo la sua prima bicicletta senza ruotine disse :
“Lasciatemi fare da solo, ho imparato a scuola!”  E saltando al volo sul sellino partì pedalando sicuro… grazie a Carmine e al progetto Brisken!

Potrei citare tantissime altre attività che hanno lasciato un segno indelebile…
Come il progetto sulla musica … e la conseguente richiesta della batteria a Natale…
oppure l’orto…  e via tutti a cucinare…  per non parlare di quello sulle emozioni… che ci ha aiutato a conoscerci a fondo…

Tutto ciò fatto con grande passione per il proprio lavoro, che però a noi piace definire missione, perché per gestire tante dinamiche è richiesta una grande capacità di empatia grande abilità ma anche infinita pazienza, spesso più con i genitori che con i bambini!

Momenti preziosi i bellissimi laboratori, ogni volta ci mettevate alla prova con molta fantasia (a volte diabolica!) nella creazione del regalo che avrebbe ricevuto nostro figlio da Babbo Natale… o il costume di carnevale da esibire durante la festa.

Preparazioni di scenografie e costumi per le recite nel salone della scuola o al Castello dell’Acciaiolo con l’ indimenticabile Gruffalò!  Quanto ci piacevano le riunioni (strano a dirsi) brevi ritagli di tempo per ascoltare voi maestre e far due chiacchiere davanti ad un caffè ed un pezzo di torta, occasioni che ci hanno fatto sentire per questi anni parte della struttura come fossimo a casa nostra.
Ci avete accolto e fatto sentire sempre protagonisti insieme a voi nella crescita “consapevole” dei nostri figli, collaborando fianco a fianco !

E’ per noi importante dirvi che siete state preziose e la speranza è quella di poter incontrare sulla nostra strada ancora delle persone che come voi vivono il lavoro come una missione d’amore per gli altri. Grazie per le regole che avete saputo insegnare per la disponibilità a capire ogni carattere, per i sorrisi che avete dispensato, grazie, soprattutto, per aver insegnato a condividere, a tollerare, ad avere rispetto.

Un grazie speciale va anche a tutto il personale che ha accolto ogni mattina i bambini sempre con un bel sorriso e che ha contribuito in tutto e per tutto alla riuscita del vostro lavoro!
Ci sentiamo onorati di avervi affidato i nostri  figli. Vi ringraziamo infinitamente  per  quanto  avete  dato, sperando che anche voi possiate conservare nel cuore i volti dei nostri figli, sicuramente fortunati per aver incontrato brave educatrici come voi!!!”

I genitori di Samuele e Niccolò

“Conservare lo spirito dell’infanzia
dentro di sé per tutta la vita
vuol dire conservare la curiosità di conoscere
il piacere di capire
la voglia di comunicare”
(Bruno Munari)

Giovedì 29 Settembre ore 17.30
presso il Centro integrato 1-6 Turri (via Vivaldi, Scandicci)

Un incontro rivolto a tutti i genitori impegnati in questi mesi nell’ambientamento dei loro bambini nei servizi educativi. Parleremo insieme del delicato e importante momento del distacco, delle emozioni e dei pensieri che suscita, questa volta dal punto di vista dei genitori che lo vivono insieme ai propri bambini.

L’incontro è organizzato dal gruppo CIAF (Centro Infanzia Adolescenza e Famiglia) di Scandicci.

Per maggiori informazioni:
Coordinamento pedagogico
Servizi Educativi
Comune di Scandicci
Tel. 0557591552

Lo spettacolo-musical è ambientato nella cornice giocosa e favolistica di un teatro di pupi siciliani. Il tema dell’incontro-scontro tra civiltà occidentale e orientale viene proposto in una prospettiva originale e ironica che prende spunto dai legami amorosi tra pagani e cristiani presenti nell’epica cavalleresca rinascimentale.
Nel solco di una tradizione mediterranea comune a partire dall’alto medio evo innumerevoli influssi mediorientali hanno permeato la cultura occidentale in ogni suo aspetto, contribuendo in modo strutturale al suo sviluppo. Stendendosi verso il centro del Mediterraneo la nostra penisola rappresenta il crocevia ideale dell’incontro tra due culture che troppo spesso i mezzi di comunicazione dipingono come inconciliabili. Più in generale è la storia dell’Europa tutta, con la variegata natura dell’Islam Balcanico e con le innumerevoli sintesi culturali realizzate in Andalusia, a smentire nei fatti lo stereotipo dell’Islam come cultura rigidamente ancorata a un fondamentalismo immutabile.
Lo spettacolo intende così individuare quei tratti comuni alle diverse culture che si affacciano sul Mediterraneo per interpretare la diversità culturale e linguistica non come ostacolo ma come ricchezza,
e offrire in questo senso un’occasione di riflessione in più per favorire reali processi di accoglienza e interazione con gli stranieri che abitano le nostre terre.

7 attori-cantanti, 2 ballerini e 6 musicisti danno vita a uno spettacolo entusiasmante, esilarantee fantasioso che ha già trovato grande consenso tra i differenti tipi di pubblico. Nei molti brani appositamente composti per la commedia da Michelangelo Zorzit, suggestioni mediorientali e balcaniche convivono con la canzone italiana e con le sonorità dei Bizantina, gruppo che ha sempre ispirato la propria produzione alle tradizioni popolari del Sud Italia (tarante, pizziche, tammuriate, il teatro musicale di Roberto De Simone e la poesia di Eduardo De Filippo). Elementi dialettali si unicoscono così a reminescenze letterarie elevate, che svelano in questo contesto tutta la potenzialità interculturale della musica.

Lo spettacolo, prodotto dai Bizantina, andrà in scena Lunedì 3 ottobre al Teatro Aurora di Scandicci col patrocinio del Comune di Scandicci, la mattina per le scuole in occasione del Giorno della memoria e dell’accoglienza, per ricordare il tragico naufragio del 2013 dove a largo di Lampedusa morirono 368 migranti.
(La sera per tutti lo spettacolo va in scena anche il 30 settembre e il 1 ottobre)

Lo spettacolo è particolarmente suggerito per la fascia d’età che abbraccia dalla 2^-3^ media e 1^-2^ superiore. Le adesioni (specificando le classi, il n. di alunni e dei docenti accompagnatori) devono pervenire entro il 22 Settembre all’email  educard @ scandiccicultura.it

Dopo il successo registrato lo scorso anno presso la nuova sede, la Scuola di Musica di Scandicci, situata in Via del Padule 34 (ex scuola Anna Frank) e gestita dall’Accademia Musicale di Firenze, riapre le iscrizioni al nuovo anno scolastico.
Con l’obbiettivo principale di diffondere l’educazione musicale sul territorio, sia attraverso spazi didattici innovativi sia attraverso iniziative rivolte soprattutto ai giovani, la Scuola propone corsi che abbracciano tutti i generi musicali, dalla musica antica e classica alla musica moderna e jazz e per tutte le fasce d’età, dai bambini di quattro anni fino agli adulti.

Per tutti gli iscritti ai corsi di strumento e canto la frequenza ai corsi collettivi è gratuita. Tra questi si segnalano: Formazione musicale di base, Storia della musica, Coro Academy singers, Teoria della musica in Pratica, Teoria Percezione ed Analisi.

Numerosi sono i laboratori per grandi e piccini: il Laboratorio corale Petites Voix (per bambini da 6 a 8 anni), il Laboratorio per strumenti ad arco e il corso “In cammino verso l’orchestra”, indirizzati ai bambini da 7 a 10 anni, e per gli adulti, il Laboratorio di arte scenica.
Di particolare rilievo è lo spazio dato all’attività orchestrale con l’Orchestra da camera Petit Ensemble, per bambini e ragazzi tra 9 e 14 anni che  affrontano già dai primi periodi di studio un repertorio dal barocco al moderno, e l’Orchestra Giovanile di Firenze, in collaborazione con l’Accademia Musicale di Firenze.

All’interno del Dipartimento di musica moderna&jazz si segnalano invece i Laboratori per adulti (chitarra, basso e batteria, con la formula 4+4), per condividere insieme ad altri la propria passione per uno strumento, e la Masterclass di Improvvisazione&Interplay. La scuola inoltre offre la possibilità di prepararsi all’ammissione ai Corsi di Diploma Accademico di I livello presso i Conservatori di Stato oppure conseguire gli otto gradi di studio riconosciuti dalRoyal College di Londra attraverso l’ABRSM (The Associated Board of the Royal School of Music).

Tra le novità proposte quest’anno: i Corsi di teatro ed espressività corporea,  in particolare, il nuovo corso di Biodanza, una disciplina basata sull’uso integrato di musica, movimento e comunicazione espressiva, tenuto dalla didatta Rita Milazzo e il Laboratorio di teatro per bambini e ragazzi, a cura di Silvia Tesone.
La Scuola di Musica di Scandicci è inoltre sede ufficiale del Coro di Voci Bianche di Scandicci (età 8 -13 anni): presente a numerose manifestazioni ufficiali del Comune di Scandicci, il coro collabora sia con gli ensemble orchestrali presenti presso al Scuola di Musica che con orchestre del territorio.

Le iscrizioni restano aperte per tutto l’anno scolastico.

Sabato 24 Settembre avrà luogo l’Open Day, dalle 16 alle 19, per presentare tutte le attività e i corsi che la scuola offre. Nei giorni 27 e 28 settembre si svolgerà l’Orientamento strumentale, mini stage gratuito per bambini e ragazzi dai 6 ai 13 anni, per conoscere, provare e ascoltare gli strumenti musicali.

Per maggiori informazioni rivolgersi alla segreteria della scuola, dal lunedì al venerdì, dalle 15 alle 19.30 al numero 055.755499

Per approfondimenti visitate il sito della scuola:
www.scuolamusicascandicci.it

www.accademiamusicaledifirenze.it

 

12 milioni e 473 mila euro stanziati nel 2016 in opere pubbliche, 4 milioni dei quali in edilizia scolastica (2 milioni sono per l’ampliamento della primaria Pettini in via della Pieve, che andrà a gara di appalto entro l’anno), 2 milioni per il piano “Una piazza per ogni quartiere” e 900 mila euro per la manutenzione straordinaria di strade e marciapiedi, oltre ad interventi diffusi in tutto il territorio.
“Al tempo stesso manteniamo gli standard elevati per i servizi educativi e scolastici, per il sociale, per la cultura, con uno stanziamento complessivo di 14.104.485,90 euro per quest’anno – dice il Sindaco Sandro Fallani – con il mantenimento dei fondi anticrisi, per l’autosufficienza, per il rimborso Tari alle famiglie numerose o alle giovani coppie con reddito Isee sotto ai 31 mila euro. Per quanto riguarda la fiscalità locale le famiglie avranno un risparmio complessivo di 2 milioni e 890 mila euro con l’abolizione della tassa sulla prima casa e avranno Imu e addizionale Irpef invariata. L’unico aumento riguarda la Tari, con un incremento medio dell’8,93% dovuto interamente al ‘Fondo crediti di dubbia esigibilità’, una previsione di legge sul calcolo della quale, purtroppo, non c’è alcuna possibile discrezionalità da parte del Comune”.
Stanziamenti e fiscalità locale sono contenuti nel Bilancio Comunale 2016, approvato dal Consiglio Comunale il 30 maggio con i voti favorevoli di Pd e Fare Comune e quelli contrari di M5S, Forza Italia e Alleanza per Scandicci-Ncd-Fdl.

“Con il Bilancio 2016 torna all’interno dell’Amministrazione Comunale la gestione di Scandicci Cultura – spiega l’assessore al Bilancio e Vicesindaco Andrea Giorgi – e proprio sulla Cultura il Comune continua a investire senza alcun allentamento: lo stanziamento per il 2016 è di 1 milione 344 mila e 231 euro, consideriamo che dal consuntivo del 2015 è emerso che lo scorso anno abbiamo impiegato in cultura 1.119.288 euro, e due anni fa 1.063.976 euro”. Lo stanziamento per il sociale relativo al 2016 è di 6 milioni 311 mila 856 euro, quello per i settori educativo e scolastico 6 milioni e 448 mila 397 euro. Per le voci relative alla sicurezza in città il Bilancio 2016 fissa 2.078.638,98 euro.

Per quanto riguarda le opere pubbliche, per l’edilizia scolastica oltre all’ampliamento della Pettini sono fissati 300 mila euro per la riqualificazione della copertura della scuola Gabbrielli di Vingone, 361 mila euro per la copertura della media Rodari, 100 mila per il tetto della materna Ilaria Alpi di San Giusto, così come la stessa cifra è stata stanziata per il tetto della Italo Calvino a Casellina; un milione di euro è stanziato per il proseguimento dell’iter che consentirà di andare nei prossimi mesi a concludere la progettazione dell’ampliamento dell’elementare Toti a San Vincenzo a Torri.

Per il piano “Una piazza per ogni quartiere”, 600 mila euro sono stanziati per piazza Cavour a San Giusto, 400 mila euro per largo San Zanobi a Vingone, 340 mila euro per largo Spontini a Casellina, 133 mila euro per la piazzetta di San Martino alla Palma, 240 mila euro per piazza Vezzosi a San Vincenzo a Torri.

Per quanto riguarda la viabilità, per l’assetto definitivo delle rotatorie in via 78esimo Reggimento Lupi di Toscana lo stanziamento è di 466 mila euro, per la messa in sicurezza della strettoia di via Ponte a Greve il fondo stanziato è di 120 mila euro.

“Poniamo particolare attenzione anche agli impianti sportivi – dice il Vicesindaco Giorgi – con 350 mila euro per un intervento che riguarda anche l’impianto antincendio alla Scuola del Fiume alla Socet, 135 mila euro per la sostituzione della centrale termica nell’area Turri, 65 mila euro per la pista di atletica alla scuola Spinelli e 150 mila euro per il bocciodromo. Da sottolineare che proseguiamo nel piano di abbattimento delle barriere architettoniche, con un ulteriore stanziamento di 100 mila euro”.

Nel piano delle opere sono fissati anche i 140 mila euro per la progettazione del prolungamento della tramvia a Casellina e Pontignale.

Lunedì 23 Maggio all’Auditorium dell’Istituto Russell-Newton (Via Fabrizio De Andrè 6, dalle 17,30 alle 19,30) si conclude il ciclo di incontri di approfondimento sul rapporto tra adulti e adolescenti, con una discussione aperta sul tema dei problemi legati all’abuso dell’alcol e del consumo di droga nella nostra comunità. Porteranno il loro contributo Guido Guidoni responsabile del Sert di Scandicci insieme al comandante dei Carabinieri Aldo De Angelis e Matteo Lucherini presidente del Progetto Testa di Alkol.

L’Osservatorio Sanitario Regionale ha pubblicato il profilo sociale regionale con i dati sugli stili di vita dei giovani toscani nel 2015. Dall’indagine 2015 emergono alcuni cambiamenti in positivo (consumo di tabacco, popolazione in sovrappeso, gioco d’azzardo) rispetto agli anni precedenti, che vengono in parte ricondotti agli effetti (in questo caso benefici) della crisi economica e della contrazione di risorse all’interno delle famiglie che rende meno disponibili le opportunità di comportamenti a rischio. Nonostante ciò restano alcune criticità da tenere attentamente sotto la lente d’ingrandimento (sperimentatori di sostanze psicotrope, distress psicologico e modelli di consumo alcolico, comportamenti sessuali).

Per quanto riguarda il consumo di Alcol, secondo la rilevazione, oltre la metà dei giovani si è ubriacata durante l’ultimo mese ed il 34% ha avuto episodi di binge drinking. Questi dati, pur essendo anche il consumo di alcol in riduzione, evidenziano uno stile di consumo eccedentario che tende a concentrare l’assunzione di grandi quantità in poche occasioni (soprattutto weekend). Per le sostanze psicotrope è rilevato che quasi 4 su 10 hanno consumato sostanze illegali nella vita, 1 su 3 ne ha consumate nell’ultimo anno e più di 1 su 5 nell’ultimo mese. Rispetto al 2005 si nota un aumento, ed una crescita anche nel poliuso (due o più sostanze nella stessa occasione) del 5% rispetto al 2011. Nel gioco d’azzardo il 47% dei giovani che hanno partecipato alla rilevazione dei dati ha giocato almeno una volta nella vita e l’8% mostra una situazione rischiosa per lo sviluppo di comportamenti patologici. Si nota nel confronto temporale una decisa diminuzione (-11% rispetto al 2011) e rimane una netta prevalenza dei maschi sulle femmine. La ricerca ha visto partecipi 57 istituti secondari toscani, con 5.077 studenti di età compresa tra i 14 ed i 19 anni.

Leggere la città è un importante momento di confronto e condivisione per approfondire temi che riguardano la vita dei nostri ragazzi, che quotidianamente vanno incontro a circostanze ed esperienze di cui gli adulti spesso restano incerti sia sull’interpretazione sia sul da fare, o ne ignorano completamente la pericolosità. Gli incontri già svolti, sul tema del benessere psicologico e sul tema del bullismo e cyberbullismo, hanno visto partecipi tanti genitori e docenti delle scuole secondarie, che hanno ascoltato e posto domande su questi temi. L’Assessore Diye Ndiaye mette in risalto che “solo aprendosi al dialogo ed alla condivisione è possibile creare un contatto ed alleanze tra adulti, genitori e mondo della scuola in particolare, con la prospettiva di una proficua collaborazione tra tutte le forze in campo per mettere in primo piano la qualità della vita dei giovani”.

Questo ciclo di incontri è inoltre una possibilità di aggiornamento professionale per i docenti partecipanti che potranno ricevere un attestato formale dell’Agenzia Formativa del Comune di Scandicci. Ogni incontro offre stimoli e contributi per sensibilizzare i genitori e le famiglie affinchè abbiano strumenti adeguati per venire incontro ai segnali di bisogno espressi dai loro ragazzi.

Il primo anno di scuola primaria è sempre denso di emozioni, cambiamenti, scoperte.
Sia i bambini e le bambine che le loro famiglie entrano in una nuova scuola, in una nuova modalità di rapportarsi a quella scuola e ciò crea da una parte forti emozioni legate ai cambiamenti e alle novità, dall’altra un ambiente che ha bisogno di prendere una sua forma, caratterizzata da tanti tipi di relazioni.

Integrare significa “completare qualcosa aggiungendo elementi mancanti”. Proprio partendo da questo valore abbiamo pensato ai percorsi per la costruzione di un nuovo gruppo-classe: un luogo esterno, ma anche interiore, dove ognuna delle persone può diventare una parte mancante dell’altra e in questo modo creare un insieme del tutto nuovo e più completo. Di questo insieme fanno parte in primis gli alunni, il loro universo familiare, le insegnanti.

Nella classe 1A della scuola primaria E. Toti (I.C. Rossella Casini) abbiamo lavorato durante l’anno sia a livello di discipline, sia con progetti trasversali, partendo dal macro-obiettivo dell’integrazione del gruppo-classe e scuola-famiglia. Obiettivi che sono sempre stati considerati dalle teorie pedagogiche come fondanti per una didattica inclusiva e motivante.
In uno dei tanti percorsi abbiamo affrontato il tema delle famiglie e della loro diversità.
Con la scusa di partecipare al concorso “Un disegno per Scandicci” che aveva per tema “La famiglia è appartenersi” (è stato vinto dalla classe anche un premio), siamo partiti dalla lettura del bellissimo libro “Piccolo uovo”, Ed. Stampatello, per affrontare la discussione su come ogni famiglia sia diversa ma pur sempre una famiglia, perché la sentiamo come propria affettivamente. Ovviamente, discutendo tra loro, i bambini sono arrivati a parlare delle rispettive famiglie con tutte le loro differenze: chi della famiglia adottiva, chi dell’arrivo in Italia solo con la mamma, chi dei genitori separati, chi di una famiglia allargata, chi dei tanti animali da non sapere come fare a elencarli tutti. Da questo confronto profondo e altamente conoscitivo abbiamo pensato di far disegnare ad ognuno di loro esattamente come era fatta la propria realtà familiare.
Ne è venuto fuori questo bel collage, ricco di colori e di tante differenze, che i bambini hanno vissuto come grande valore aggiunto nella spontanea accoglienza.

Insegnanti  Mila Baldi – Silvia Faraoni – Valentina Troilo – Elisa Corradi

Anche quest’anno il progetto di Teatro Musicale curato dalla Scuola Comunale di Musica di Scandicci in collaborazione con Scandicci Cultura e l’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Scandicci, terminerà con uno spettacolo presso il Teatro Aurora di Scandicci: “E il sogno realtà diverrà!” che avrà luogo Martedì 17 Maggio alle ore 10 con la replica dedicata alle scuole, e alle 21.00 lo spettacolo serale a pagamento, aperto al pubblico.

La realizzazione di “…E il sogno realtà diverrà!” si inserisce in un percorso che la Scuola di Musica di Scandicci e l’Accademia Musicale di Firenze, in collaborazione con le istituzioni del territorio, hanno intrapreso da più di dieci anni e che vede ogni volta il coinvolgimento attivo di centinaia di ragazzi delle scuole primarie che insieme ad un team di professionisti del settore sperimentano in prima persona forme di espressione quali la musica e il teatro fino alla realizzazione di un vero e proprio spettacolo di Teatro Musicale. (Ricordiamo “Smile, un giorno senza un sorriso è un giorno perso”, “Viaggio tra le fiabe” su testi di Italo Calvino, “Che belle parole” su testi di Gianni Rodari, “Il castello dei tesori”, “I have a Dream”, “Mediterraneo”, “Higitus figitus, il nostro Musical”, “Brundibar” ecc.)

Ideato su storia originale a cura di Giada Bruschi, “E il sogno realtà diverrà!” vede interpreti gli allievi delle classi IV C IV D, della scuola primaria G. Marconi, V B V C della scuola primaria D. Campana, delle classi IV A IV B della scuola D. Gabbrielli e delle classi IV A, IV B, IV C della scuola primaria A. Pettini e il giovane attore Francesco Rainero nelle vesti di direttore del campeggio. Direttore del coro e direttore artistico Lucia De Caro. Regia di Giada Bruschi. Musiche di A. Menken, L. Harline, R. Sherman, M. David, A. Hoffmann, J. Livingstone, O. Wallace, T. Gylkyson.

Lo spettacolo suona come un invito a credere nei propri sogni, a non mettere ostacoli alla fantasia e all’immaginazione: “Se puoi sognarlo puoi farlo” usava ripetere Walt Disney: da questa celebre frase e dallo stimolo a credere nei sogni presente in molti film della Walt Disney nasce l’ispirazione per questa nuova storia. Saranno proprio le più belle canzoni tratte dalle colonne sonore dei film della Walt Disney, interpretate dagli stessi bambini, a sottolineare tutti i momenti salienti dello spettacolo.

“In qualche modo non credo che ci siano sommità tali che non possano essere scalate da un uomo che conosce il segreto di realizzare i sogni. Questo speciale segreto, mi pare, può essere sintetizzato in: curiosità, fiducia, coraggio e costanza, e la più grande di tutte è la fiducia. Quando credi in qualcosa, credici fino in fondo, in modo coinvolgente ed indiscutibile. E ricorda: potrai immaginare, creare e costruire il luogo più meraviglioso della terra, ma occorreranno sempre le persone perché il sogno diventi realtà.” Walt Disney (1901-1966)”

INFO: Scuola di Musica di Scandicci
Via del Padule, 34 – 50018 – Scandicci (FI) Tel. 055.755499

Leggere la città, al via Mercoledì 27 Aprile un ciclo di incontri presso l’Auditorium dell’Istituto Russell-Newton (Via Fabrizio De Andrè, 6) in orario 17,30 – 19,30 per approfondire argomenti che ci coinvolgono quotidianamente, dentro e fuori la scuola, dalla salute al bullismo, fino al cyberbullismo, alle dipendenze. Una discussione aperta a tutti i genitori e docenti delle scuole secondarie, e ogni interessato a questi temi, per condividere e consolidare la relazione tra scuola e comunità.

Il primo incontro è rivolto al tema della salute, cosa fare, a chi chiedere un aiuto quando i figli sono in crisi. Intervengono gli specialisti che a Scandicci seguono ragazzi e famiglie all’interno dei servizi della USL, la Dott.ssa Nicoletta Mininni ed il Dott. Paolo Materassi, insieme ad Operatori di Strada e tutor delle scuole.

Il ciclo prosegue con l’incontro del 12 maggio sul bullismo e cyber bullismo: ne parliamo con la Prof.ssa Ersilia Menesini insieme alla Polizia Postale, rappresentanti dell’Ufficio Minori della Questura di Firenze, la responsabile dello Spazio Giovani Gingerzone di Scandicci Valentina Corsinovi e Beatrice Lami del CNR di Pisa.

Il ciclo si conclude in data 23 maggio con il tema delle dipendenze: anche se Così fan tutti… la volontà è quella di contrastare ogni forma di illegalità e di rischio a cui possono andare incontro i ragazzi. Si parlerà di problemi per l’uso di alcool ed altre droghe nel territorio con il responsabile del Sert di Scandicci Dott. Guido Guidoni, Aldo De Angelis Comandante dei Carabinieri di Scandicci, Matteo Lucherini porterà il particolare punto di vista del Progetto Testa di Alkol.
L’introduzione ai lavori è curata dal Prof. Roberto Curtolo Dirigente dell’Istituto Russell-Newton e ognuno degli interventi sarà moderato da un Dirigente degli Istituti Comprensivi di Scandicci.

L’ingresso è libero a ogni contributo di discussione e condivisione e sarà anche un’opportunità di aggiornamento professionale per gli insegnanti, con il rilascio di un attestato di partecipazione ai sensi delle norme Miur.
La cittadinanza è invitata.

La Conferenza per l’Istruzione e l’Educazione Zona Fiorentina Nord Ovest (composta dai Comuni di Calenzano, Campi Bisenzio, Fiesole, Lastra a Signa, Scandicci, Sesto Fiorentino, Signa, Vaglia) in collaborazione con l’ Università di Firenze e il supporto dell’Agenzia Formativa del Comune di Scandicci, ha organizzato una giornata di formazione rivolta ai referenti/responsabili/coordinatori dei servizi educativi per l’infanzia. L’ incontro si svolgerà il 4 maggio pv presso la Sala Convegni del Palazzo Comunale di Calenzano in Piazza Gramsci 11. La giornata di studio è stata finanziata dalla Regione Toscana nell’ambito dei Progetti Educativi Zonali PEZ Infanzia, anno educativo 2015/16.

Si tratta di un incontro finalizzato a riflettere sul ruolo delle emozioni degli educatori nella loro pratica professionale e di come sia importante avere occasioni di osservare il proprio comportamento e le proprie reazioni, per vedere riflesse, come in uno specchio (da qui il titolo del seminario), le credenze circa il bambino e le sue emozioni, il proprio ruolo come socializzatore emotivo, il proprio ruolo come professionista della cura e la condivisione della cura con gli altri partner educativi (genitori e colleghi).
La riflessione sarà arricchita considerando diversi approcci teorici ed esperienziali.

Aprirà i lavori il Presidente della Conferenza per l’Istruzione e l’Educazione Giampiero Fossi e seguiranno gli interventi della Prof.ssa Enrica Ciucci dell’Università di Firenze a cui è stata affidata l’organizzazione scientifica della giornata di formazione; della psicoterapeuta Anna Molli del CSMH, del Prof. Andrea Smorti dell’Università di Firenze con una riflessione sugli educatori come professionisti della cura. Tale definizione sottolinea la centralità della loro capacità di riconoscere e rispondere efficacemente ai bisogni espressi dal bambino. Nel corso dell’incontro sarà presentato il progetto “Me x Te” un percorso di autoriflessione rivolto alle educatrici e insegnanti, seguito dall’intervento della Dott.ssa Rossella Lanni referente del Coordinamento pedagogico e gestionale zonale della Conferenza.
Conclusione dei lavori da parte dell’Assessore all’istruzione Lara Burberi del Comune di Calenzano che ospita l’evento. La riflessione darà voce a risultati di ricerca ma anche ad interventi condotti con gli educatori con approcci teorici ed esperienziali diversi.
educatori specchio

Il progetto e l’organizzazione è stata curata dall’Agenzia Formativa del Comune di Scandicci, la partecipazione offre la possibilità di ricevere un attestato di partecipazione valido anche per l’aggiornamento professionale delle educatrici e insegnanti partecipanti.

Per maggiori informazioni rivolgersi all’email  agenziaformativa @ comune.scandicci.fi.it